Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Spaccio, denunciato dopo un lungo inseguimento

Venerdì 20 Gennaio 2023 — 10:52

Un tunisino è stato denunciato per spaccio, resistenza e immigrazione clandestina e avviato al rimpatrio dopo un lungo inseguimento a piedi iniziato in piazza Mazzini. Per l'intera operazione sono state impiegate 8 volanti. Recuperati 4 involucri contenenti cocaina

Durante il servizio straordinario di controllo del territorio, contro reati predatori e connessi allo spaccio e consumo di sostanze stupefacenti, una delle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Toscana transitando in piazza Mazzini ha notato quattro soggetti nordafricani sospetti. Appena arrestata l’auto di servizio, prima ancora che gli agenti scendessero, due dei quattro hanno iniziato improvvisamente a correre. Nel tentativo di bloccare i fuggitivi i poliziotti si sono quindi messi all’inseguimento a piedi. Nello specifico, uno di loro superando i giardini di piazza Mazzini ha lanciato un involucro di colore bianco dalla mano destra per poi attraversare, senza osservare se sopraggiungevano veicoli, via Gaetano D’Alesio e continuare la sua corsa in direzione Novi Lena. Subito dopo si è immesso in via delle Navi facendo perdere così le proprie tracce. Nel frattempo è stata diramata la descrizione dell’uomo in questione alle altre auto sul territorio: circa 30 anni, jeans e giubbotto di colore nero, scarpe da ginnastica. Pochi minuti dopo, percorrendo via Verdi, una pattuglia ha incrociato un soggetto, corrispondente a quello in fuga, che al passaggio degli agenti si è nascosto tra le auto in sosta. Una volta scoperto ha ripreso la sua corsa in direzione via delle Navi per poi svoltare in Borgo dei Cappuccini dove è caduto scontrandosi con alcune bici legate ad un palo. Alla richiesta di un documento di riconoscimento ha dichiarato di esserne al momento sprovvisto autoidentificandosi come un tunisino di 32 anni, in Italia senza fissa dimora. Nel corso della perquisizione personale sul posto è stato trovato in possesso di 90 euro, banconote di piccolo taglio, stropicciate, che custodiva singolarmente all’interno delle varie tasche del jeans indossato ritenuto dagli agenti presumibile ricavato dello spaccio di sostanze stupefacenti. Durante le fasi del controllo è stata poi ripercorsa la fuga del tunisino fino a che a terra, in zona piazza Mazzini, è stato recuperato un imballo in plastica trasparente contenente 4 involucri in cellophane dl colore bianco termosaldati contenenti verosimilmente cocaina. Il fermato è stato fotosegnalato dalla polizia scientifica e denunciato per i reati di detenzione illecita al fini di spaccio di sostanze stupefacenti (ex art. 73 comma 5 dpr 309/90), resistenza a pubblico ufficiale (ex art. 337 c.p.) e immigrazione clandestina per violazione dell’ordine del questore (ex art. 14 comma 5 ter d.lgs 286/1998). Piantonato nella notte e in mattinata da una volante in attesa di ottenere un posto in uno dei centri di rimpatrio a livello nazionale – ottenuto il via per il Centro di Roma ed adottato il provvedimento di espulsione – nella serata del 19 gennaio una pattuglia lo ha consegnato al Centro Rimpatri di Roma. Per il complesso dell’operazione, tra la serata del fermo e quella del rimpatrio, sono state impiegate 8 volanti.

Condividi:

Riproduzione riservata ©