Cerca nel quotidiano:


Sport e giornalismo in lutto: addio a Gremigni. “Ciao Esimio, maestro burbero dal cuore d’oro”

I funerali di Lorenzo Gremigni sono in programma lunedì 26 giugno alle 15,15 nella cappella della camera mortuaria dell'ospedale di Livorno

domenica 25 giugno 2017 11:16

Mediagallery

Ha lottato senza far pesare a nessuno la sua malattia scoperta appena pochi mesi fa. Ha lottato come sapeva fare lui, con il suo carattere burbero ma buono, in silenzio ma con ostinazione. Lorenzo Gremigni, per tutti i suoi colleghi “l’Esimio”, si è spento all’età di 81 anni a causa di un tumore che lo aveva costretto nei giorni precedenti al ricovero in un letto di ospedale a Cisanello. La notizia della sua morte è arrivata nel tardo pomeriggio di sabato 24 giugno. Lorenzo Gremigni, firma di punta della redazione sportiva di Livorno de “La Nazione”, corrispondente per “La Gazzetta dello Sport” negli anni del basket labronico in serie A e recentemente vice presidente del Panathlon Club è deceduto con ben 39 anni di “servizio”. La sua tessera di iscrizione all’ordine dei giornalisti infatti era datata 1978. Prima di essere giornalista però Gremigni è stato un grande sportivo. Giocatore di basket della Libertas in serie A a fianco di mostri sacri come “Cacco” Benvenuti è stato anche preparatore fisico della nazionale di Atletica Leggera e insegnante di ginnastica. Lo sport era insomma la sua vita e allo sport ha dedicato in tutti i modi possibili, ogni istante della sua esistenza. Con lui se ne va un pezzo del giornalismo labronico. Lunedì 26 giugno alle 15.15 i funerali nella cappella della camera mortuaria dell’ospedale di Livorno.

Il ricordo del caporedattore di Quilivorno.it, Giacomo Niccolini- “Ciao Esimio, non dimenticherò mai i tuoi “non va bene, riscrivi”

“Ti alzi la mattina e vieni a sapere da facebook che non ci sei più, quello strumento che quando iniziai con te, manco c’era. Lo ha scritto un tuo grande amico e collega Francesco Foresi. Insieme a lui siete stati i primi ad aprirmi le porte della redazione di via Marradi de “La Nazione”. Ero poco più che un bambino. Diciotto anni. La maturità alle porte. E i primi pezzi che ti portavo a mano o scritti a macchina oppure su di un rudimentale floppy disk che inserivi bofonchiando, quasi come se ti dessi noia, leggevi e cancellavi. “Riscrivi”. Mi dicevi. Senza aggiungere una parola. Non capivo. Non volevo capire. Se ti chiedevo il motivo mi dicevi: “Riscrivilo e basta. Non va bene”. Me ne tornavo nella stanzetta dedicata a noi giovani collaboratori e con le lacrime agli occhi e rabbia adolescenziale riscrivevo. Chiedevo consiglio ai colleghi ormai già rodati come Alessandro Farulli o Marco Mori. Qualche dritta, qualche correzione e poi via. Ti riportavo in punta di piedi il pezzo. Con timore. Te con il tuo sigaro in bocca mi parevi quasi una “montagna da scalare”. Per tutti eri “l’Esimio”. Per me eri il signor Gremigni anche se mi dicevi di chiamarti Lorenzo, ma non mi riusciva. Masticavi quelle righe scritte sbilenche e poi ancora, quasi che parlasse il tuo sigaro obliquo dal lato sinistro della bocca: “Non ci siamo. Riscrivi”. In media un mio pezzo ti “toccava” vederlo tre volte. Alla fine passava. E io avevo sudato sette camice per venti righe. Ma è così che ho imparato. Così  che ho capito che la superficialità non fa parte di questo mestiere, che l’approssimazione non stava di casa nella tua redazione. Eri l’Esimio, un motivo ci doveva essere. Con il tempo le volte che mi facevi “riscrivere” diminuirono fino a che il pezzo passava alla prima. “O sono diventato bravo io, o sta invecchiando lui”, mi dicevo. Ma lui non invecchiava mai. I miti non invecchiano. Diventano sempre più grandi. E te lo eri.
Arrivò poi il giorno forse più bello della mia carriera di giornalista sportivo. Il Basket Livorno giocava la sera contro Varese, mi ricordo. Era novembre del 2007 mi sembra. Te non potevi venire al palazzetto e così mi chiedesti: “Te la senti di fare il pezzo per la Gazzetta al posto mio?”. Lo feci. Feci un pezzo tutto cuore poca tecnica. Forse me lo avresti fatto riscrivere. Attaccai con “Livorno come gli spartani alle Termopili…” una cosa così. Poche righe e il mio nome, al posto del tuo, in calce al trafiletto sulla rosea. Non mi dicesti mai niente se non grazie per averti sostituito. Per me eri come un babbo, uno di quei padri che non ti dicono mai “ti voglio bene” ma in fondo te ne vogliono e sono orgogliosi di te, senza dirti mai una parola.
Non hai mollato mai, anche quando ormai ero diventato un “ometto” e non scrivevo più per te, mi incontravi e mi dicevi: “Ti leggo sai. Stai facendo un buon lavoro”. Alla fine eri te che mi mandavi i pezzi per Quilivorno.it raccontandomi del tuo Panathlon di cui andavi orgoglioso e fiero. La vita è un circolo. Ricevere in posta elettronica i tuoi articoli mi faceva un po’ effetto. Tu il mio primo maestro. Fino alla fine in prima linea. Neanche un mese fa in tribuna stampa al PalaMacchia a raccontare i playoff tra la “tua” Libertas e la Pielle che hanno riportato al Palazzetto 4mila persone.
Quel sigaro non c’era più da un po’ a causa di qualche acciacco lo avevi messo in cantina. Io non ce la faccio a mettere il tuo ricordo là sotto. E ogni volta che scrivo sento ancora la tua voce che mi dice “riscrivi”. E sorrido, ringraziandoti. Ciao Esimo, ti porterò sempre con me”.
Giacomo Niccolini

Il ricordo di Massimo Parisi, deputato di Ala-Scelta civica
“Con Lorenzo Gremigni Livorno perde un pezzo importante della sua storia recente, sportiva e non solo. Dapprima come cestista, poi come cronista è stato testimone in prima persona di 40 anni di sport labronico, impegnandosi con generosità anche nell’associazionismo. Ho avuto la fortuna di conoscere personalmente Lorenzo Gremigni e di lui conservo il ricordo di un uomo schietto e generoso, espressione pura della livornesità. Alla moglie Roberta e alle figlie va il mio cordoglio e la mia vicinanza”.

Riproduzione riservata ©

9 commenti

 
  1. # Marina Marenna

    La Nazione in piazza Grande con Omero, Isozio, Antonio, Laura. Io collaboravo già con la cronaca e un giorno Lorenzo, che io chiamavo The teacher, mi spedisce a vedere una partita della squadra femminile di pallavolo. Gli dico: “Ma io non ci capisco niente”. Lui mi spiega i fondamentali e poi: “Vai, guarda, chiedi e scrivi come fosse un fatto di cronaca”. Disperata, cerco qualche amico che ne capisse per farmi aiutare; non trovo nessuno. Vado al palazzetto e faccio come ha detto: guardo, chiedo e racconto. Il pezzo va bene, io mi innamoro della pallavolo e la seguo per anni prima che il giornalismo mi porti in giro per l’Italia. Nei miei nove anni da caposervizio della redazione di Livorno de La Nazione Lorenzo è stato per me un punto di riferimento e un collega fidato. Grazie per tutto, The teacher

  2. # Antonio Caprai

    Mi dispiace, una brava persona e un bravo professionista. Sempre attento alle piccole ma importanti notizie di tutti i giorni. RIP

  3. # Bargigli Ezio

    Lorenzo è stato il mio Professore di Educazione Fisica quando frequentavo il Nautico e successivamente è diventato il mio allenatore di atletica permettendomi di raggiungere dei risultati importanti a livello nazionale. Poi l’ho ritrovato nel mondo del basket, quando ho deciso, nel lontano 1976, di intraprendere la strada di allenatore-istruttore. Per me è stata una importante figura di riferimento sia sul piano umano che professionale. Ultimamente avevo avuto anche il piacere di giocarci a tennis, dove anche li si è dimostrato “un signore”. Ciao grande uomo, mi mancherai..

  4. # Gadi Polacco

    Professionista dallo stile sobrio, lo ricordo anche impegnato anche a livello televisivo,dove conduceva con stile ed eleganza trasmissioni di approfondimento. Ne serberò il ricordo di una bella persona.

  5. # Rpull

    Una grande firma del giornalismo sportivo cittadino di ampia onestà intellettuale, l’ho avuto come allenatore….una gran bella persona.

  6. # Roberto Onorati

    Tra tutte le ottime cose che ha sempre fatto per lo Sport Lorenzo, non va dimenticata anche la Sua passione ed il Suo attaccamento per l’Atletica. Ottimo allenatore e attento osservatore sui particolari tecnici dei lanciatori. Arrivò ad avere una squadra di nazionali che otteneva sempre dei risultati straordinari : Pescia-Fioravanti-Marconcini-Augusti e altri ancora.
    Io personalmente ho fatto una settimana bianca estiva con Lui sul ghiacciao del Presena molti anni fa: anche lì era un gran Signore.
    Ciao carissimo Lorenzo R.I.P.
    Roberto

  7. # Silvio Laudani

    25 giugno 2017

    Un collega , insegnante di educazione fisica , un amico, in atletica per molti anni un allenatore competente e professionale . Giornalista serio sempre attento e disponibile ad evidenziare i risultati degli atleti dei “così detti sport minori” . A Roberta e alle figlie sincere condoglianze

  8. # Alessandra Gremigni

    Volevo ringraziare tutti coloro che ci sono stati vicino in questo momento difficile. Mio padre, sono sicura sarà rimasto contento di tutte le manifestazioni d’affetto che sono arrivate per lui.Ho letto cose meravigliose, vere e sincere, grazie davvero a tutti

  9. # Massimo Bartali

    Il Professor Gremigni è stato mio insegnante di educazione fisica all’Enriques dal 1975 al 1979, mi ha insegnato l’educazione, mai una volta uno sgarbo, una brutta reazione, me lo ricordo come un gran signore, in questa nostra città così povera di persone degne di questo nome, ne scompare una delle poche.
    Un grande abbraccio alla famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive