Cerca nel quotidiano:


Stalking, divieto di avvicinamento per una donna

Secondo l'indagine della squadra mobile la donna seguiva l'uomo sul posto di lavoro e nel tempo libero, inviava lettere anonime e scriveva frasi sui muri

Sabato 29 Febbraio 2020 — 12:48

Mediagallery

L'indagine della squadra mobile è scattata a seguito di numerose denunce sporte dall'uomo, un livornese di 48 anni

La Squadra Mobile ha dato esecuzione all’ordinanza di applicazione provvisoria della misura di sicurezza della libertà vigilata per un anno con l’obbligo di frequentazione dei Servizi di Salute Mentale della ASL territoriale e il divieto di avvicinamento alla parte offesa e a tutti i luoghi da essa frequentati, estesa anche ai familiari, oltre al divieto di comunicare con loro con qualsiasi mezzo nei confronti di una donna livornese di 53 anni circa. Secondo quanto si legge in un comunicato della questura, l’indagine ha avuto origine a seguito di numerose denunce sporte da un uomo livornese di 48 anni per atti persecutori posti in essere dalla donna. Quest’ultima, dal 2019, ha molestato l’uomo appostandosi reiteratamente sul luogo di lavoro, seguendolo nei suoi spostamenti anche nel tempo libero, inviando lettere anonime alla coniuge nelle quali paventava tradimenti coniugali inesistenti e mostrando al 48enne oggetti e bottiglie di plastica contenenti liquidi sospetti, oltre a scrivere frasi nei suoi confronti sui muri. Le condotte persecutorie, fatte anche di telefonate moleste sia sulle utenze del luogo di lavoro che su quelle domestiche, durante le quali la donna paventava di porre in essere comportamenti violenti su tutti i componenti della famiglia, hanno spinto l’uomo a cambiare, oltre ai numeri telefonici, anche le abitudini di vita.

Riproduzione riservata ©