Cerca nel quotidiano:


Svaligiano la casa e mangiano frutta: arrestati

Fermati a bordo di un'auto dalla squadra mobile dopo il furto di gioielli in oro per un valore di 6mila euro, borse e capi costosi da una casa in via Costella

venerdì 30 novembre 2018 11:24

Mediagallery

Tre georgiani di 22, 27 e 38 anni sono stati arrestati dopo essere stati colti nella flagranza del reato di furto in abitazione, aggravato e in concorso. I tre sono stati fermati a seguito di mirati servizi, volti alla repressione di furti in appartamento, condotti dalla squadra mobile il 28 novembre. Tutti irregolari sul territorio nazionale e già conosciuti alle forze dell’ordine in quanto autori di numerosi reati contro il patrimonio, sono stati visti dai poliziotti uscire velocemente da uno stabile di via Costella, zona Garibaldi, tenendo in mano alcune borse e oggetti per poi salire a bordo di una auto. Immediatamente raggiunti e bloccati per il controllo sono stati trovati in possesso di chiavi e grimaldelli utilizzati per lo scasso, nonché di una fresa utilizzata per il taglio di casseforti. I successivi accertamenti hanno consentito di individuare l’appartamento in cui era stato consumato il furto poco prima. La porta di ingresso non presentava, tuttavia, segni di effrazione essendo stata aperta con chiavi alterate. L’interno, invece, era completamente a soqquadro e la cassaforte era stata aperta ma non forzata. I tre, prima di lasciare la casa, scrive la questura, hanno bevuto e mangiato della frutta dimostrando assoluta spregiudicatezza. Una volta rintracciata, la proprietaria dell’abitazione ha constatato che erano stati rubati diversi gioielli in oro per un valore complessivo di 6mila euro oltre a borse e capi di abbigliamento costosi. La refurtiva è stata rinvenuta nell’auto usata dai tre stranieri: i gioielli erano stati occultati in un doppio fondo nel veicolo. Tutti gli oggetti sono stati riconsegnati (nella foto). I tre georgiani, dopo la convalida dell’arresto, sono stati condotti alle Sughere in quanto destinatari della misura cautelare della custodia in carcere.

Riproduzione riservata ©

5 commenti

 
  1. # Enrico65

    Ottimo lavoro dei nostri poliziotti BRAVI!!! Una cosa mi sconcerta…questi “signorini” saranno liberati presto e torneranno a delinquere!! Ci vuole maggior certezza della pena devono buttare via le chiavi delle Sughere!!!!

  2. # Carlo

    in quale modo gli irregolari sul territorio possono sopravvivere ? o col lavoro nero o con la prostituzione o con lo spaccio o con i furti. Ecco perchè gli irregolari devono essere rimandati a casa loro.

  3. # Ginogino

    Ci risiamo irregolari e già conosciuti alle forze dell’ordine,mi chiedo quando finirà questo teatrino,ma perché non rimandarli IMMEDIATAMENTE A CASA SUA e non farli mai più entrare in casa nostra, è cosi difficile ???

    1. # Pinco

      l’ Europa non vuole.’.

  4. # Mario

    Bravi… ottimo lavoro… speriamo rimangono a riflettere in carcere per un bel pò!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.