Cerca nel quotidiano:


Tragedia in acqua davanti ai Bagni Onde del Tirreno (ex Pejani)

Coseschi, uno dei titolari: "Lo stabilimento balneare è una piccola comunità e quando si verificano queste disgrazie siamo tutti toccati. Esprimo a nome mio e di tutti il nostro cordoglio"

Lunedì 5 Luglio 2021 — 11:27

Mediagallery

Il racconto di Andrea Bosi, il primo bagnino intervenuto per soccorrere il bagnante insieme ai colleghi Alberto Longhi e Patrizio Fraschetti. Sul posto Svs, misericordia di Antignano, polizia e capitaneria

Tragedia poco prima delle 10 del 5 luglio ai Bagni Onde del Tirreno (ex Pejani) dove un bagnante di circa 80 anni ha perso la vita. “Era in acqua a pochi metri dalla “punta”. Ad un tratto ho notato un movimento innaturale del corpo. Cosi dapprima gli ho urlato e fischiato più volte con il fischietto e poi quando non ho avuto risposta, reazione, immediata, mi sono tuffato”. È il racconto di Andrea Bosi, il primo bagnino intervenuto per soccorrere il bagnante. Alberto Longhi e Patrizio Fraschetti, gli altri due bagnini, sono sopraggiunti subito dopo per aiutare Andrea a portare l’uomo fuori dall’acqua. Patrizio, il capobagnino, ha quindi iniziato le manovre di rianimazione: massaggio respirazione e defibrillatore. Nel frattempo sul posto sono sopraggiunti Svs, con medico a bordo, e Misericordia di Antignano. Medico e volontari hanno proseguito i tentativi di rianimazione ma purtroppo non c’è stato niente da fare. Saranno gli accertamenti a stabilire le cause del decesso. “Andrea è molto scosso – spiega Marco Coseschi, uno dei titolari dello stabilimento – e anche tutti noi lo siamo. Lo stabilimento balneare è una piccola comunità e quando si verificano queste disgrazie siamo tutti toccati. Non ci sono parole. Era una persona conosciutissima. Posso solo esprimere a nome mio, degli altri due titolari e dello stabilimento tutto il nostro cordoglio verso la famiglia”.

Riproduzione riservata ©