Cerca nel quotidiano:


Tragedia nella notte: perde la vita a 19 anni

Erika Lucchesi è deceduta a causa di un malore dopo una serata passata nella storica discoteca empolese Jaiss. Disposta l'autopsia, sigilli al locale

Domenica 20 Ottobre 2019 — 11:00

Mediagallery

Tragedia nella notte nell’empolese. Erika Lucchesi, livornese di 19 anni (nome e foto inseriti online nel primo pomeriggio del 20 ottobre dopo che erano stati già diffusi dai media nazionali) è deceduta a causa di un malore intorno alle 4 del mattino di domenica 20 ottobre dopo una notte passata con gli amici nella nota discoteca Jaiss. La tragedia è avvenuta nella serata di riapertura dello storico locale, a cui hanno partecipato tantissime persone.
Ancora da chiarire le cause del suo decesso. Immediati i soccorsi da parte del 118, intervenuti sul luogo del drammatico episodio, a Sovigliana vicino ad Empoli, in men che non si dica. A niente purtroppo però sono servite le attenzioni dei medici e dei sanitari: per la giovane non c’è stato niente da fare. Sul posto si sono portati i carabinieri per avviare le indagini del caso. I militari hanno ascoltato anche le testimonianze degli amici della giovane per cercare di ricostruire l’andamento della serata. La magistratura ha poi disposto che sia l’autopsia a far luce sui motivi della morte della 19enne. I militari di Empoli, diretti dal maggiore Daniele Riva, hanno apposto i sigilli al locale come prassi impone in questi casi. La teenager è infatti morta all’interno della discoteca e la magistratura fiorentina, nella persona del sostituto procuratore Fabio Di Vizio, ha aperto un fascicolo d’inchiesta al riguardo del decesso della livornese.
Tanti i messaggi di cordoglio scritti dagli amici sulla sua bacheca Facebook. “Piccolo Angelo io sono un’amica d’infanzia di mamma – scrive Sabrina – non ci sono parole… sono sconvolta… sono vicina a tutta la famiglia”. A questo messaggio fa eco Kevin: “Che la terra ti sia lieve principessa”, scrive accompagnando la frase con un cuoricino rosso. 

Riproduzione riservata ©