Cerca nel quotidiano:


5 furti dal lockdown ad oggi, lo sfogo di 2 imprenditori

Marco Mazzoni di Livorno Serramenti e Carlo Neri di TendOggi: "Siamo esasperati". L'ultimo furto subito è l'undicesimo dal 2018, il quinto se consideriamo dal periodo di lockdown ad ora

Mercoledì 24 Giugno 2020 — 15:21

Mediagallery

Se prima i ladri si accanivano sulle attrezzature e macchinari da lavoro, dopo che i macchinari e gli attrezzi sono stati chiusi in una area di sicurezza, l'attenzione dei malviventi si è spostata sulle macchinette automatiche del caffè

“L’ultimo furto subito, nella notte tra il 19 e il 20 giugno, è l’undicesimo dal 2018. Il quinto se consideriamo dal periodo di lockdown ad ora”. A parlare è Marco Mazzoni, titolare della Livorno Serramenti in via degli Arrotini al Picchianti. Mazzoni parla anche a nome di Carlo Neri, titolare di TendOggi, ditta con la quale condivide la struttura al piano terra. Entrambi gli imprenditori si dicono “stufi” e al tempo stesso “esasperati” da questa situazione. Anche perché nel conto, dice Mazzoni, non sono stati compresi i tentativi di furto. E se prima i ladri si accanivano sulle attrezzature e macchinari da lavoro, dopo che i macchinari e gli attrezzi sono stati chiusi in una area di sicurezza l’attenzione dei malviventi si è spostata sulle macchinette automatiche del caffè. “In questo caso finisce che sono più i danni del reale valore del furto – prosegue Mazzoni – Come è successo per l’appunto in occasione dell’ultimo furto. Dai tre minuti di filmato registrato dalle telecamere esterne il ladro entra da una finestra interna e riesce da lì rimanendo all’interno. Comprenderete l’ansia e l’esasperazione sia mia che di Neri. E purtroppo ad essere presi di mira non siamo solo noi ma anche altre attività della zona. Per questo colgo l’occasione per chiedere alle forze dell’ordine un maggiore controllo del territorio. Noi intanto abbiamo potenziato il sistema allarme”.

Riproduzione riservata ©