Cerca nel quotidiano:

Condividi:

A Porta a Mare arrivano 15 nuovi cestini “parlanti”

Venerdì 22 Aprile 2022 — 17:48

Mencuccini, Unicoop Tirreno: "Una missione che rispecchia i nostri valori". Del Moretto, Porta a Mare: "Come area commerciale abbiamo un’attenzione per l’ambiente". Alessandri, Aamps: "Sul Qr-code buone pratiche da seguire"

Iniziativa congiunta di Unicoop Tirreno e Consorzio Porta a Mare. Inquadrando il qr-code è possibile visualizzare i simpatici consigli del "Professor Aamps" (Paolo Migone) in materia di differenziata

di Giulia Bellaveglia

Lo spazio compreso tra la zona di Porta a Mare e l’Acquario si arricchisce di 15 nuovi cestini portarifiuti “parlanti” (foto Amore Bianco), per mantenere la città più decorosa e pulita grazie alla collaborazione di tutti i cittadini, inaugurati il 22 aprile in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il bel gesto è opera di un’iniziativa congiunta tra Consorzio Porta a Mare e Unicoop Tirreno per un investimento complessivo di 6mila 300 euro e si inserisce all’interno di un progetto più ampio dedicato alla sostenibilità ambientale in collaborazione con Aamps, Acquario di Livorno, Centro surf Tre Ponti, Cicasub, Sons of the Ocean, Pirati della plastica e Wwf. “Un’operazione che parte da lontano – la definisce Maurizio Beltramme, consigliere d’amministrazione di Unicoop Tirreno – I cestini portarifiuti in confronto alle problematiche di vivibilità di una città sembrano poca cosa, ma mettono all’attenzione dei cittadini un aspetto profondo, quello del rispetto per l’ambiente”. “Una missione che rispecchia i nostri valori – aggiunge Francesca Mencuccini, direttrice legale di Unicoop Tirreno – Con la carta dei valori del 1945, Coop si è dimostrata una delle prime realtà attente alla sostenibilità ambientale, ecco perché quando veniamo chiamati per collaborare alla creazione di un progetto di questo tipo, per noi è sempre un piacere partecipare”. Quella dell’inserimento dei contenitori in zona è una scelta tutt’altro che casuale. “Parliamo di una porzione di città che dal punto di vista del conferimento rifiuti era molto carente – spiega Susanna Del Moretto, direttrice del Consorzio Porta a Mare – Come area commerciale abbiamo un’attenzione per l’ambiente in qualsiasi aspetto sia possibile averla. Ecco perché abbiamo apprezzato molto questa proposta di collaborazione”. A personalizzare i cestini, una grafica vivace e colorata che invita ad inquadrare un qr-code attraverso il quale visualizzare i simpatici consigli del Professor Aamps (Paolo Migone) in materia di raccolta differenziata. “I sistemi qr-code visibili sugli adesivi che abbelliscono i contenitori rappresentano un ulteriore veicolo di informazione sul corretto conferimento e sulle buone pratiche che ognuno di noi deve seguire a favore della raccolta differenziata e per la bellezza della città – spiega Raffaele Alessandri, direttore generale di Aamps – L’iniziativa rientra nel solco delle attività che come servizio pubblico realizziamo quotidianamente a favore del decoro e dell’igiene urbano”. “Voglio ricordare che l’invito è quello di imparare a portare i rifiuti a casa – conclude Cristina Del Moro, responsabile area soci Unicoop Tirreno – Sappiamo che l’obiettivo è alto, chi è molto sensibile lo fa già, altri impareranno. Questi bidoni offrono nel frattempo la possibilità di uno step intermedio”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©