Cerca nel quotidiano:


A S. Lucia la benedizione degli animali

Lunedì 16 Gennaio 2017 — 17:13

Mediagallery

di Roberto Olivato

Dopo la chiesa di S. Maria del Soccorso, questo è il secondo anno consecutivo che sul sagrato della chiesa di S. Lucia ad Antignano, martedì 17 gennaio festa di S. Antonio Abate,  alle ore 18 avrà luogo la cerimonia di benedizione degli animali. A presiedere il rito sarà don  Piotr Kownacki parroco di S.Lucia . Per la verità anche a S. Caterina in Venezia si svolgerà analoga cerimonia da parte di don Michele Esposto, subito dolo la celebrazione della S.Messa. Il rito della benedizione non è legato direttamente al santo, ma ad una consuetudine medioevale in uso in Germania, che vedeva ogni villaggio allevare un maiale da offrire all’ospedale dove prestavano la loro opera i frati di S.Antonio Abate. Più folcloristica una leggenda veneta che racconta che la notte del 17 gennaio  (giorno in cui il Santo spense gli occhi ) gli animali acquisiscono la facoltà di parlare. Durante questo evento i contadini si tenevano lontani dalle stalle, perché udire gli animali conversare era segno di cattivo auspicio. Ma il santo oltre ad essere protettore degli animali domestici, lo è anche del bestiame, del lavoro del contadino e suoi derivati come macellai, fornai, salumieri, tosatori ecc., del fuoco, delle malattie della pelle come ad esempio l’herpes, il “fuoco di sant’Antonio” e udite udite, anche dei becchini.

 

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # SUSANNA

    bellaaa CUBA con la sua mamma…brava brava PAOLA….