Cerca nel quotidiano:


Aamps e Protezione Civile per la raccolta dei rifiuti di chi è in quarantena e non ancora segnalato

l’Amministrazione Comunale, sentita anche l'Asl, invita i cittadini positivi o in quarantena a rivolgersi alla Protezione Civile per segnalare eventuali criticità significative nel conferimento dei rifiuti, inviando una mail a: [email protected]

Martedì 4 Gennaio 2022 — 17:46

Mediagallery

Aamps e Protezione Civile del Comune in campo per garantire la raccolta dei rifiuti ai soggetti in quarantena e/o isolamento domiciliare non ancora segnalati.

A causa dell’aumento negli ultimi giorni di casi di positività al Covid-19 e delle relative quarantene ed isolamenti domiciliari, si stanno verificando ritardi nell’attivazione del servizio ritiro rifiuti, ritardi legati alla difficoltà oggettiva nella gestione delle numerose pratiche da parte di Asl.

Questa mattina si è tenuta una riunione a Palazzo Comunale, alla presenza della vicesindaca Libera Camici e dell’assessora all’Ambiente Giovanna Cepparello, alla quale hanno preso parte Aamps Ufficio ambiente e Protezione Civile del Comune di Livorno, con l’obiettivo di trovare una soluzione e dare risposte alle varie segnalazioni da parte di cittadini positivi, o comunque in quarantena ma che ancora non sono stati segnalati ad Aamps, e dunque hanno difficoltà nel conferimento dei propri rifiuti.
A tal proposito l’Amministrazione Comunale, sentita anche l’Asl, invita i cittadini positivi o in quarantena a rivolgersi alla Protezione Civile per segnalare eventuali criticità significative nel conferimento dei rifiuti, inviando una mail a: [email protected].

La Protezione Civile comunale provvederà a richiedere l’attivazione del servizio ad Aamps, a prescindere dall’avvenuta segnalazione da parte di Asl.

Si sottolinea che la richiesta alla Protezione Civile serve solo per quei casi in cui, dopo diversi giorni dal tampone positivo, il servizio dedicato di raccolta rifiuti non risulti attivato, e non deve essere usato come canale ordinario per comunicare la propria positività.

Riproduzione riservata ©