Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Aamps, entro metà febbraio 30 precari stabilizzati

Lunedì 23 Gennaio 2023 — 18:00

Luca Salvetti, l'assessora all'Ambiente Giovanna Cepparello, l'assessore al Lavoro con delega alle Aziende Gianfranco Simoncini, l’amministratore unico di Aamps Raphael Rossi, il direttore generale di Aamps Raffaele Alessandri e Daniele Fortini presidente di RetiAmbiente

Il punto su piano assunzioni, bilanci e inceneritore che resterà acceso almeno fino alla fine del 2023. L'amministratore di Aamps, Rossi: "Aamps azienda in salute. L'impianto? Verrà chiuso, al momento non abbiamo una percezione delle tempistiche che dipendono da tanti fattori diversi e imprevedibili tra cui la guerra e il cambiamento climatico". A febbraio anche un bando per internalizzare 96 dipendenti Avr

Verrà spento l’inceneritore? Sì. Quando? Non si sa ma comunque non prima del 2023. È questa una delle principali informazioni che emerge nell’incontro dedicato alla stampa per fare il punto della situazione su tre tematiche legate ad Aamps: piano assunzioni, bilanci e superamento inceneritore. “Lo spegnimento era programmato per ottobre 2023 – spiega l’amministratore unico Raphael Rossi – Abbiamo però ritenuto che spegnerlo in inverno fosse un peccato, perché è il momento in cui l’energia ha più valore. La riflessione in merito ci ha quindi indotto a prorogare il funzionamento dell’impianto almeno per tutto il 2023, in attesa delle prescrizioni della Regione Toscana, per cogliere nei mesi le appetibili opportunità offerte dal mercato dell’energia elettrica. L’impianto verrà comunque chiuso definitivamente, su questo non c’è dubbio, ma al momento non abbiamo una percezione delle tempistiche che dipendono da tanti fattori diversi e imprevedibili tra cui la guerra e il cambiamento climatico. Aamps è un’azienda in salute. A testimoniarlo sono anche il patrimonio netto che si conferma in crescita e il budget previsionale 2023 che prevede di chiudere in utile come negli ultimi anni”. Il sindaco Luca Salvetti è voluto entrare nei numeri positivi dell’azienda. “Da tre anni consecutivi – dice – i bilanci sono in attivo, un attivo che spazia da 500mila a 1 milione di euro. Un elemento che testimonia quanto l’azienda sia in salute. Entro il 15 febbraio stabilizzeremo 30 precari, che si aggiungono ai 60 del 2020, fornendo un quadro complessivo di oltre 100 nuove forze lavoro. In più, dopo il 3 febbraio verrà pubblicato un bando di selezione per l’internalizzazione del personale Avr che riguarderà 96 lavoratori che troveranno spazio in azienda non appena i mezzi saranno disponibili”. La parola passa poi a Daniele Fortini, presidente di Reti Ambiente. “Mi preme ricordare che l’obiettivo è anche per noi lo spegnimento dell’inceneritore, da effettuare nei tempi e nelle modalità giuste e portare il tutto al nuovo impianto di ultima generazione previsto a Peccioli, dove il materiale verrà riciclato come composto vetroso o anidride carbonica da vendere alle aziende. Ben 160mila tonnellate di rifiuti indifferenziati della costa vengono attualmente esportate”.
Raffaele Alessandri, direttore generale Aamps, ha concluso ricordando che “il lavoro profuso di concerto con la nostra holding di riferimento ci permette di cogliere traguardi significativi anche sul versante delle politiche di gestione delle risorse umane. In pochi anni siamo riusciti a stabilizzare oltre 100 unità. In questo modo siamo nella possibilità di migliorare l’erogazione dei servizi al cittadino ed introdurne progressivamente di nuovi. Oltre all’introduzione della tariffazione puntuale in quattro quartieri, che progressivamente andremo ad estendere nel resto della città, l’anno in corso ci vedrà attivi anche nella risoluzione delle criticità presenti nel servizio di raccolta dei rifiuti nel centro cittadino”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©