Cerca nel quotidiano:


Acquario: inaugurato il centro per la biodiversità

La struttura è stata istituita dalla Regione Toscana in convenzione con il Comune di Livorno. Il sindaco: "Inaugurato un Punto fondamentale che parla di noi, delle nostre origini"

Martedì 7 Luglio 2020 — 10:43

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

L’Acquario di Livorno, già attivo in progetti di conservazione, ricerca e divulgazione, si è impegnerà ad essere sede e gestore del Punto e a renderlo vitale in tutti gli aspetti che ne definiscono lo scopo

Grandissimo successo per l’inaugurazione del Punto informativo dell’Osservatorio toscano per la biodiversità all’Acquario di Livorno (foto Amore Bianco).
La struttura, istituita dalla Regione Toscana e in convenzione con il Comune di Livorno, contribuirà ad incrementare la divulgazione relativa alla tutela e alla conservazione delle risorse dell’ecosistema marino. Nel corso della giornata di lunedì 6 luglio, dedicata a questa importante inaugurazione, era tornata in mare anche la tartaruga Nanuk dopo essere stata riabilitata dal Centro di Recupero e Riabilitazione per tartarughe marine dell’Acquario di Livorno.
“Questo luogo parla di noi, delle nostre origini che da sempre sono state legate al mare – ha detto il sindaco Luca Salvetti dopo il taglio del nastro – Questi punti informativi turistici hanno uno scopo fondamentale: fornire agli utenti un’informazione chiara e puntuale sulle bellezze culturali e paesaggistiche e sulle proposte del territorio”.
Il Punto informativo sarà gestito tramite risorse provenienti dal progetto Interreg Italia-Francia marittimo 2014/2020 denominato EcoStrim, il quale, vede la cooperazione di Italia e Francia per la costruzione di una strategia territoriale volta a sviluppare e promuovere attività turistiche e sportive sostenibili e dedicate all’ambiente marino, in particolare lungo le coste del Santuario Pelagos.
“Questa città conferma ancora una volta di avere una squadra che si dedica a pieno alla tutela dell’ambiente – ha commentato il consigliere regionale del Pd, Francesco Gazzetti – Vorrei inoltre ricordare che, le numerose organizzazioni di volontariato che si occupano della tutela dell’ambiente, sono un elemento fondamentale per il funzionamento di questo percorso di crescita”.
L’Acquario di Livorno, già attivo in progetti di conservazione, ricerca e divulgazione, si è impegnerà ad essere sede e gestore del Punto e a renderlo vitale in tutti gli aspetti che ne definiscono lo scopo.
“Chi visita l’acquario esce con qualcosa in più – ha affermato Giuseppe Costa, presidente del gruppo Costa Edutainment, gestore dell’Acquario – Qualcosa in più a livello di consapevolezza relativa alla tutela dell’ambiente marino e alla comprensione di ciò che ognuno di noi deve fare ogni giorno per salvaguardare il nostro amato mare”.
I vari punti informativi avranno anche lo scopo di supportare spiaggiamenti e avvistamenti di cetacei e tartarughe, individuando e promuovendo i soggetti coinvolti.
“La nostra città sta accogliendo la sfida di tutelare l’ambiente in modo esemplare – ha detto l’assessore all’ambiente Giovanna Cepparello – Essere civili non vuol dire rispettare delle regole, vuol dire sentirle proprie, parte di noi”.
Presenti alla conferenza stampa anche il dirigente all’ambiente del Comune di Livorno, Leonardo Gonnelli, la dirigente all’ambiente della Regione Toscana, Gilda Ruberti, la responsabile del progetto EcoStrim, Lara Di Savona e referente didattico e scientifico dell’Acquario di Livorno, Giovanni Raimondi, il quale, ha accompagnato i presenti in una visita guidata dell’Acquario.
Al termine dell’incontro è stato offerto un brindisi in chiave eco-sostenibile, senza plastica e a chilometro zero.

Riproduzione riservata ©