Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Addio a Beppino, storico titolare della Barcarola. Il cordoglio di sindaco e assessore

Mercoledì 1 Giugno 2022 — 11:56

E' scomparso la mattina del 1 giugno all'età di 72 anni Giuseppe "Beppino" Mancini, storico titolare del ristorante La Barcarola. Funerale il 2 giugno in Duomo (ore 15 o 15,30, da definire)

E’ scomparso la mattina del 1 giugno Giuseppe “Beppino” Mancini, storico titolare del ristorante La Barcarola, in viale Carducci, a Livorno dal 1936. Uno dei figli, Matteo, che ringraziamo pubblicamente, fa sapere che il funerale si svolgerà in Duomo nel primo pomeriggio del 2 giugno alle 15 o con inizio al massimo alle 15,30 (l’orario verrà definito con certezza nelle prossime ore). Beppino aveva 72 anni, compiuti l’8 aprile, più di 50 trascorsi nel suo locale avendo iniziato a lavorarvici all’età di circa 20 anni. “Questa foto – ricorda Matteo – l’ha scelta proprio babbo come profilo della propria pagina Fb. Si tratta della partecipazione alla trasmissione Rai Soliti Ignoti avvenuta lo scorso novembre. A nome della nostra famiglia grazie a tutti per l’affetto”.
Il cordoglio di sindaco e assessore al Commercio – Il sindaco di Livorno Luca Salvetti e l’assessore al Turismo e Commercio Rocco Garufo esprimono il cordoglio dell’Amministrazione comunale per la scomparsa di Beppino Mancini: “Livorno perde una persona che ha rappresentato la cucina labronica ad altissimi livelli, un uomo intelligente e mite, molto legato alla città – ha dichiarato Salvetti appena appresa la triste notizia – Il suo sorriso lo ha accompagnato in ogni momento della vita, nel lavoro e nel contatto con gli altri. Sempre stato disponibile al confronto ed accogliente. Il mio ricordo di Beppino Mancini nasce con la mia professione di giornalista e con i numerosi momenti vissuti insieme, per interviste e trasmissioni nel suo locale. Più recentemente, da sindaco, abbiamo lavorato insieme per concretizzare la sua richiesta di intitolare la Rotonda di Ardenza al Presidente Emerito Carlo Azeglio Ciampi, con cui Beppino aveva un saldo rapporto di amicizia”.
Anche l’assessore al Turismo e Commercio Rocco Garufo ha espresso parole di cordoglio per la morte di Beppino Mancini: “Sono profondamente addolorato per la scomparsa di Beppino Mancini esponente di spicco e da generazioni della cucina labronica. Ricordo la sua apparizione televisiva a dicembre scorso alla trasmissione “I soliti ignoti” condotta da Amadeus, nel corso della quale ha reso onore e difeso il cacciucco con 5 c. Un vero signore, il cui ricordo rimarrà vivo nei nostri cuori”.

I clienti famosi – La vita di Beppino è legata alla Barcarola che è sempre stata un punto di riferimento per gli amanti della cucina tradizionale livornese, sin dal lontano 1935 ed ha accolto numerose personalità attratte dalla fama del ristorante e dei proprietari. Nel 1986 Beppino fu chiamato a servire Papa Giovanni Paolo II durante la sua visita a Firenze. Nel 1996 il Vescovo di Livorno Monsignor Ablondi volle Beppino a preparare e servire la cena al Cardinale Ratzinger, futuro papa Benedetto XVI. Nel 2001 e nel 2004 sono stati ospiti del ristorante La Barcarola l’allora Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi con la consorte Donna Franca.
Soddisfazioni ed encomi si sono sempre susseguiti nel tempo.

Il cordoglio di Marco Landi, consigliere regionale e commissario provinciale della Lega a Livorno – “Con la scomparsa di Beppino Mancini Livorno perde non solo un affermato ristoratore, ma soprattutto un uomo di forti valori, legatissimo alla sua città e alle sue tradizioni. Ho avuto modo di apprezzare più volte le sue qualità umane, le sue battute e i suoi consigli. Andare a mangiare alla Barcarola era soprattutto l’occasione per uno scambio di idee sempre schietto e verace. Lo porterò con me grazie ai suoi insegnamenti, mai scontati, che elargiva con umiltà. Ai suoi cari giunga il mio personale cordoglio”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©