Cerca nel quotidiano:


Addio a Massimo Chimenti, storica figura di dirigente comunale

Il cordoglio del sindaco e di Aamps per la scomparsa all'età di 73 anni del dirigente che all'interno dell'amministrazione è arrivato a ricoprire gli incarichi più prestigiosi e in Aamps quello di amministratore delegato

Martedì 2 Marzo 2021 — 16:08

Mediagallery

I lavoratori di Aamps, dove ha ricoperto il ruolo di AD, lo ricordano come una persona dalle grandi qualità umane e come un amministratore di elevato spessore in termini di competenze, professionalità e rettitudine

Il sindaco Luca Salvetti esprime il suo cordoglio, a nome della città, ai familiari del dott. Massimo Chimenti (nella foto inviata da Aamps), storica figura di dirigente comunale, scomparso improvvisamente all’età di 73 anni come si legge in un comunicato del Comune.
Massimo Chimenti era stato assunto dal Comune di Livorno nel 1972, a 25 anni, come impiegato di concetto. Laureato in Economia e Commercio, aveva percorso tutti i gradi della carriera, arrivando a ricoprire gli incarichi più prestigiosi all’interno dell’Amministrazione: funzionario dal 1980, dirigente dal 1983, per tanti anni è stato Vicesegretario Generale oltre che dirigente del Dipartimento 3, cioè di tutto il settore economico finanziario, che all’epoca comprendeva anche le società partecipate e i mercati. È stato anche Segretario Generale supplente del Comune intorno al 1990, gestendo in prima persona cambiamenti epocali per la pubblica amministrazione, in seguito all’entrata in vigore della legge 142 di riforma degli enti locali e della legge 241 sul procedimento amministrativo. Importante anche il suo contributo allo sviluppo delle aziende partecipate: è stato vicepresidente della Liri, ha seguito personalmente la costituzione della STU Porta a Mare negli anni della crisi del Cantiere Navale e dell’insediamento di Azimut-Benetti, è stato presidente del consiglio d’amministrazione della Livorno Sport e amministratore delegato di Aamps dal 2004 al 2009. Dopo il pensionamento dal Comune di Livorno, avvenuto nel 2006, Massimo Chimenti, che aveva già ricoperto incarichi per il Ministero delle Finanze, ha ricoperto l’incarico di giudice tributario. Attualmente era giudice presso la seconda sezione della Commissione Tributaria di Lucca.

Il cordoglio di Aamps: “Addio caro Massimo…” – Appresa la notizia della scomparsa del dott. Massimo Chimenti Aamps, nelle persone dell’Amministratore Unico Raphael Rossi, del Direttore Generale Raffaele Alessandri e di tutti i lavoratori, esprime il suo più sentito cordoglio alla famiglia. Nella sua lunga e rinomata carriera professionale Chimenti aveva infatti ricoperto, su nomina dell’allora sindaco Alessandro Cosimi, la carica di Amministratore Delegato AAMPS dal 2004 al 2009 affiancando l’allora presidente avv. Filippo Di Rocca. I lavoratori lo ricordano come una persona dalle grandi qualità umane e come un amministratore di elevato spessore in termini di competenze, professionalità e rettitudine.

Riproduzione riservata ©