Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Addio a Uriano, storico falegname artigiano della città

Domenica 25 Dicembre 2022 — 19:33

Si è spento il giorno di Natale all'età di 84 anni Uriano Tamberi, uno degli ultimi, e sicuramente tra i più storici, falegnami artigiani della nostra città. La cerimonia funebre alle 11,30 al cimitero dei Lupi nella mattina del 26 dicembre

Si è spento il giorno di Natale all’età di 84 anni Uriano Tamberi (nella foto gentilmente concessa dalla famiglia), uno degli ultimi, e sicuramente tra i più storici, falegnami artigiani della nostra città. Se n’è andato circondato dall’affetto del figlio Stefano e della figlia Laura, della nuora Lisa e dell’amatissima moglie Maria Grazia di cui era innamoratissimo. Lascia i tre nipoti, Serena, Valentina e Ankit, a cui era molto legato e di cui non poteva fare a meno.
Uriano era molto conosciuto in città per la sua professione. Grazie alla sua maestria nel lavorare il legno massello è sempre stato molto ricercato e apprezzato da tantissimi livornesi anche famosi in vari campi dello sport e dello spettacolo.
“Il nostro Uriano era voluto bene da tanti anche per il suo carattere sempre sorridente, di spirito, gentile e sempre con la battuta pronta – ricordano dalla famiglia che ha concesso gentilmente la foto al nostro giornale e che ringraziamo per la gentilezza – Ha lavorato per tanto tempo in via Coccoluto Ferrigni dove ha avuto per anni, dai primi anni ’60 un laboratorio dove svolgeva il suo lavoro con alcuni dipendenti. Da metà degli anni ’90 poi si era trasferito al Picchianti dove, allargandosi, aveva incrementato ancora di più il suo lavoro. Era difficile dimenticarsi di lui. Era una persona che rimaneva impressa per il suo modo di essere amabile e sincero”.
La salma verrà benedetta la mattina del 26 dicembre all’interno delle mura della casa familiare prima di essere accompagnato, dal servizio funebre della Svs, intorno alle 11,30, al cimitero comunale dei Lupi dove avverrà l’ultimo saluto antecedente la cerimonia della cremazione.

Condividi:

Riproduzione riservata ©