Cerca nel quotidiano:


Addio Alessandro, “uomo-coraggio” dell’alluvione

Alessandro Vestri, agente di commercio, avrebbe compiuto 57 anni in questo 2020. Si spegne dopo due anni di calvario passati a combattere una grave malattia. Fondò un gruppo Facebook che portò aiuti economici, e non solo, agli alluvionati

Venerdì 17 Gennaio 2020 — 13:02

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

I suoi funerali saranno celebrati sabato 18 gennaio alle 15 alla camera mortuaria dell'ospedale. "Era una stella che brillava di luce propria. Venite a salutarlo con le magliette amaranto Coraggio Livorno"

“Coraggio Livorno”. Due semplici parole che accostate insieme danno il senso più profondo di quanto fosse giusto fare in quelle ore, in quei giorni terribili post alluvione: rimboccarsi le maniche e portare aiuto e sostegno a chiunque ne avesse bisogno. Ed è con queste due parole che Alessandro Vestri, 57 anni da compiere a luglio del 2020, ha dato vita ad un gruppo Facebook che in poche ore ha raccolto oltre cinquemila adesioni. Ed è grazie a questo mezzo che ha creato un vero e proprio gruppo di aiuto, mettendo su un conto corrente destinato ai più bisognosi, a chi aveva perso la casa, a chi aveva avuto danni, a chi aveva visto distruggersi la propria attività commerciale dal fango. Fango che Alessandro Vestri, insieme al grande cuore dei livornesi, ha lavato via con i suoi sorrisi e con i suoi aiuti.
La triste notizia è che lui, l’uomo-coraggio di quei giorni, non c’è più. Si è spento alle 23,40 di  giovedì 16 gennaio dopo due anni di lotta a testa alta contro un male che alla fine lo ha vinto ma solo nel fisico. “Non ha mai smesso di sorridere nonostante tutto – ricorda, affidando le sue parole a QuiLivorno.it, Rita Russomanno che insieme a lui faceva parte dell’associazione artistica Nova Incanto – Era una stelle che brilla di luce propria. Sempre sagace, sorridente e acuto. Aveva mille interessi oltre il suo lavoro di agente di commercio. Cantava, scriveva poesie, recitava. Ma soprattutto aveva un cuore grande. Per Livorno una perdita immensa”.
Alessandro Vestri, conosciuto da tutti su Facebook come Alessandro Ale, lascia due figli, Veronica di 20 e Alessio di 26 anni, e la moglie Stefania.
“Il vuoto che ha lasciato in tutte le persone che lo conoscevano è paragonabile a quello che lascia un fratello – ricorda Angelica Lo Porto – perché Alessandro sapeva farsi voler bene da tutti con il suo carisma, la sua bontà e la sua voglia di fare per gli altri. Il gruppo Coraggio Livorno che creò poche ore dopo la tragedia dell’alluvione ha visto mettere davvero in atto il detto l’unione fa la forza. Alessandro ha unito oltre 5000 persone attorno a sé per aiutare e per fare del bene. Ideando delle magliette amaranto il cui ricavato andò proprio in beneficenza a quelle famiglie che avevano perso tutto. Altruista e generoso, fa piangere anche il cielo in questa giornata grigia”.
I funerali di Vestri saranno celebrati sabato 18 gennaio alle 15 alla cappella della camera mortuaria dell’ospedale di Livorno in viale Alfieri. “Sarebbe bello – continua Rita Russomanno – se in tanti, per salutarlo l’ultima volta, si presentassero proprio con quelle magliette amaranto che fece fare per aiutare gli alluvionati. E sarebbe bello poter vedere qualcuno dell’amministrazione comunale portare un ultimo saluto a una persona che in vita ha pensato prima al bene dei suoi concittadini e poi a tutto il resto”.

Riproduzione riservata ©

7 commenti

 
  1. # cristina

    ciao alessandro
    ricorderò sempre il tuo sorriso

    1. # Giovanna

      Ciao Ale che bello è stato conoscerti ! Ti ricordero’ sempre come una persona splendida, sincera, altruista, rispettosa, dignitosa e
      coraggiosa nella serenità così come nella malattia che ti ha piegato nel fisico ma ti ha arricchito nel cuore! Un ultimo saluto a te e un grosso abbraccio alla tua splendida famiglia. Per sempre tua amica.

      a te e un grosso abbraccio alla tua splendida famiglua

  2. # Andrea

    Solamente chi ha avuto il piacere di conoscerti sa cosa lasci. Ciao Alé. Andrea C. S. V. 1992

  3. # Fabio

    Ho perso un fratello … una persona buona che amava la vita, amava la famiglia e leale sempre con le persone … amava il prossimo come se stesso … questo è il mio amico Alessandro … per me non è morto … non è possibile … avrei tante cose ancora da dirti … ma te le dirò in privato … quando avrò smesso di piangere … arrivederci Presidente … 💙

  4. # Giovanni

    Cosa dire un persona meravigliosa. Riposa in pace ALE da tutti noi. Giovanni Coppola

  5. # Monica Ghelardi

    In memoria ho raccolto questa poesia che con il pensiero di chi l’ ha dedicata Che possa essere inviata alla famiglia : “La morte non è niente,
    sono solamente passato dall’altra parte; è come fossi nascosto nella tstanza accanto. Io sono sempre io e tu sei sempre tu. Quello che eravamo prima l’uno per l’altra lo siamo ancora. Chiamami con il nome che mi hai sempre dato che ti è familiare, parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato. Non cambiare tono di voce, non assumere un’aria solenne o triste. Continua a ridere di quello che ci faceva ridere, di quelle piccole cose che tanto ci piacevano quando eravamo insieme. Prega, sorridi, pensami! Il mio nome sia sempre la parola familiare di prima: pronuncialo senza la minima traccia d’ombra o di tristezza. La nostra vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto: è la stessa di prima, c’è una continuità che non si spezza. Perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente, solo perché sono fuori dalla tua vista? Non sono lontano, sono dall’altra parte, proprio dietro l’angolo. Rassicurati, va tutto bene. Ritroverai il mio cuore, ne ritroverai la tenerezza purificata. Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami: il tuo sorriso è la mia pace”
    Henry Scott Holland (1847-1917) Canonico della cattedrale di St. Paul (Londra)

  6. # Rita

    Grazie Monica lo farò senz altro …