Cerca nel quotidiano:


ADI: una targa per il 9° Memorial in ricordo di Giuseppe Favale

Il riconoscimento è stato assegnato a tutto il personale dell’Ufficio dell’Agenzia delle Dogane di Livorno e S.O.T. di Grosseto-Piombino-Portoferraio

Sabato 7 Maggio 2022 — 15:15

Mediagallery

L’A.D.I. Associazione Doganale Italiana Sezione di Livorno, come per gli anni precedenti, sin dalla sua scomparsa ricorda Giuseppe Favale, alto funzionario pubblico, già responsabile Nazionale dei settori demanio e rapporti con l’estero; approdato successivamente alla prestigiosa carica di Direttore di Tariff and Trade Affairs, presso l’Organizzazione Mondiale delle Dogane con sede in Bruxelles (nelle foto di archivio inviate con il comunicato). Nel ricordo viene espressa la gratitudine, sempre più sentita per il suo legame con la città di Livorno che si concretizzerà il 12 maggio con l’assegnazione di una “targa” per il “9° Memorial”, che una apposita commissione conferirà ad un funzionario che si è particolarmente distinto o a un socio A.D.I., in una particolare attività o servizio. Quest’anno anche per la sua eccezionalità, il riconoscimento è stato assegnato a tutto il personale dell’Ufficio dell’Agenzia delle Dogane di Livorno e S.O.T. di Grosseto-Piombino-Portoferraio con la seguente motivazione: “Al personale dell’A.D.M. di Livorno e Sezioni, con riconoscenza per l’impegno, la disponibilità e il sacrificio dimostrati nel lungo e difficile momento che stiamo attraversando”. Questa motivazione si inserisce nel messaggio pronunciato dal Direttore Generale Dr. Marcello Minenna, che in occasione del 161° Anniversario della fondazione delle Dogane, in un collegamento video, ha riconosciuto ai Lavoratori di tutte le sedi, dislocate in tutto il territorio, il merito di avere esercitato la propria utile ed impegnativa attività garantendo un servizio importante per l’economia, per il Paese, e per l’erario senza mai fermarsi. Lo testimoniano i risultati conseguiti attraverso le varie attività: dall’antifrode ai controlli; con sequestri di migliaia di tonnellate di merce contraffatta e nociva, anche in funzione delle attribuzioni di polizia giudiziaria e tributaria. In questo contesto Livorno è risultata fra i “presidi” più attivi ed anche più apprezzati, per avere conseguito eccellenti risultati ed obiettivi, nonostante la grave carenza di organico.

Riproduzione riservata ©