Cerca nel quotidiano:


Agenzie di viaggio: “A lavoro per far tornare i livornesi a casa”

Per il Dpcm dell'11 marzo devono rimanere chiuse al pubblico ma gli operatori di viaggio sono necessariamente al lavoro in queste ore per cercare di far rincasare i tanti viaggiatori rimasti bloccati all'estero o per dare risposte a chi è in procinto di partire a breve

Giovedì 12 Marzo 2020 — 14:11

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Molte le pratiche sulle scrivanie degli operatori di viaggio: da chi è rimasto all'estero dopo un viaggio di lavoro e non sa come rientrare a chi chiede di poter ricongiungersi con i familiari ma non riesce a farlo

Giorni di caos e di duro lavoro anche per le agenzie di viaggio livornesi che, come da ultimo Dpcm dell’11 marzo devono necessariamente stare chiuse al pubblico fino al 25 marzo ma non possono esimersi dal continuare a lavorare per risolvere le situazioni legate ai loro clienti in giro per il mondo o in procinto di viaggiare per vacanza o anche per lavoro. Un lavoro complicato, fatto di attese al telefono, call center, cavilli legali e spesso portato anche a casa, fuori dall’orario canonico di lavoro, a causa di fusi orari e situazioni di emergenza inderogabili. Abbiamo telefonato a cinque agenzie del territorio e parlato con chi, in queste ore, non si sta risparmiando.

ALESSANDRO D'ERCOLE - LABRONICA VIAGGI

ALESSANDRO D’ERCOLE – LABRONICA VIAGGI

“La situazione è veramente delicata – spiega Alessandro D’Ercole della Labronica Viaggi di corso Amedeo – Il problema più grosso è che molte compagnie aeree hanno sospeso e cancellato voli da e per l’Italia o ridotto molto la frequenza. E in questa maniera in tanti non sanno più cosa fare. Chiaramente qui subentra la nostra professionalità e il nostro lavoro. Chi ha prenotato online o senza l’ausilio di un’agenzia di viaggi riscontra molti più problemi. Noi siamo chiusi al pubblico ma lavoriamo da dentro, con le dovute precauzioni e le distanza di sicurezza l’uno dall’altro, attaccati al telefono per riproteggere (termine tecnico che usano gli operatori di viaggio che sta a significare riprogrammare e/o reindirizzare, ndr) partenze che saltano e per combinare al meglio i ritorni dei livornesi. Attualmente sto gestendo una quindicina di casi che son qui sulla mia scrivania e credetemi non è facile”.

L'INGRESSO CHIUSO AL PUBBLICO DELLA PITUCA VIAGGI

L’INGRESSO CHIUSO AL PUBBLICO DELLA PITUCA VIAGGI

“Come gestire le cancellazioni? Tanti tour operator voucherizzano i viaggi che sono stati costretti a cancellare – spiega Massimo Serafini della Pituca Viaggi in piazza dei Legnami – Nel senso che offrono al cliente un voucher dello stesso importo da spendere entro dodici mesi dalla data di rientro previsto. E poi serve più chiarezza: secondo il decreto dobbiamo stare chiusi al pubblico ma siamo veramente oberati di pratiche in essere e di viaggi in divenire che necessitano una risoluzione. Quanti casi aperti abbiamo? Guardi non saprei dirle, consideri che in questo momento ho agevolato le ferie per i miei dipendenti e stiamo cercando di fare del nostro meglio. L’emergenza, a mio avviso, c’è. E’ necessario rimanere aperti anche per dare risposte a chi magari ha dei viaggi prenotati a maggio, giugno. Si naviga a vista cercando di incastrare al meglio i voli per i rientri di chi è fuori magari anche per lavoro e cercando di capire quali compagnie stanno ancora viaggiando, incastrando tutti gli scali possibili”.

REBECCA SIMONCINI - NEW TAURUS VIAGGI

REBECCA SIMONCINI – NEW TAURUS VIAGGI

“Abbiamo molte situazioni legate ai business travel ancora aperte – spiega preoccupata Rebecca Simoncini della New Taurus Viaggi di via Meyer – Sono molti i viaggiatori che per lavoro sono rimasti bloccati all’estero e per colpa dei voli cancellati non riescono a rientrare. Si pensi che anche i treni in Europa non fanno rientro in Italia. Siamo al lavoro qua all’interno con le porte chiuse al pubblico ma necessariamente dobbiamo offrire un servizio ai nostri clienti. Quante pratiche attive? Di media ne gestiamo 15-20 al giorno cercando di riproteggere i nostri clienti che sono fuori, cercando di coordinarci anche con i vari fusi orari nel mondo. E’ un momento di caos generale ma cerchiamo di offrire una mano h24 anche a porte chiuse o da casa, quell’aiuto che solitamente i clienti chiedono rivolgendosi ad un’agenzia di viaggio invece di fare tutto da soli”.

ROSANNA TRUNCELLITO - ROBIN TOUR

ROSANNA TRUNCELLITO – ROBINTUR TRAVEL GROUP

C’è chi invece fa smart working come Rosanna Truncellito, titolare dell’agenzia Robintur Travel Group di via Vittorio Veneto. “Ho preso tutte le pratiche e tutto il necessario per poter lavorare da casa – spiega a QuiLivorno.it l’agente di viaggio – Ho inserito la deviazione di chiamata sul mio telefono personale e sono qui dalle prime luci di questa mattina cercando di aiutare i nostri clienti. Il problema, oltre alle pratiche in essere, sono soprattutto i viaggi a cavallo del decreto. Che fare? Ho delle partenze in programma il 4 e il 5 di aprile. Come gestirle? Ho inviato e-mail ai principali tour operator con i quali lavoro dall’Alpitour alla Mistral, dalla Costa Crociere a Msc, e sono in attesa di una risposta. Al momento hanno offerto voucher, e ci tengo a sottolineare che i vaucher non li emettiamo noi ma i tour operator, spendibili in un anno solare a chi si è visto cancellare il volo, l’albergo o altre situazioni a causa dell’emergenza sanitaria globale. Siamo alla finestra, la situazione è in continua evoluzione, ora per ora. Faccio questo lavoro da 12 anni e la mia attenzione è sempre stata al cliente in primis. Ora come ora più che mai, mi capirete”.

L’INTERNO DELL’AGENZIA AUSTRAL VIAGGI

“In questi momenti dobbiamo gestire anche le situazioni di chi sta viaggiando per gravi motivi familiari – spiega Tina Gufoni, direttrice tecnica dell’agenzia Austral Viaggi in via dell’Uffizio dei Granai – Abbiamo molti casi da riproteggere e tante cancellazioni per i viaggi in programma nelle prossime settimane. E’ un duro momento per tutta la nostra categoria, ma è ancora più difficile per chi non riesce a rientrare per i motivi di emergenza sanitaria. Noi, dietro le porte chiuse, ci siamo. Veniamo a turno per non affollare l’ufficio, rispondiamo al telefono, cerchiamo di parlare con i call center delle compagnie aeree. Insomma lavoro da fare ce n’è molto”.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Viaggio&Turismo

    Tutte le agenzie di viaggi di Livorno sono in campo per far rientrare al piu presto i Clienti e non Clienti dall’estero. Una gara di solidarietà ovviamente a titolo gratuito.
    Tutti insieme ce la faremo….