Cerca nel quotidiano:


Villa Corridi, il Comune tranquillizza i genitori

Giovedì 28 Luglio 2016 — 09:24

Mediagallery

Un gruppo di genitori ha creato un gruppo pubblico su Facebook, che conta nel giro di poche ore già 300 iscritti, sulla questione della chiusura per colpa dell’amianto del parco pubblico di Villa Corridi (clicca qui per accedere alla pagina facebook). Il gruppo è nato dall’esigenza di questi genitori che ancora non hanno avuto notizie ed informazioni chiare sulle sorti del parco.
Dato che la riapertura delle scuole è ormai prossima e tra poco più di un mese e mezzo gli alunni di 6 scuole diverse, gli operatori e le famiglie torneranno a frequentare quella zona, sarebbe importante capire quali saranno le precauzioni a tutela della salute di tutti questi cittadini.
Proprio per questo motivo è stato deciso di organizzare un incontro informale lunedì 1° agosto alle ore 9:30 davanti ai cancelli del parco. A questo incontro sono state invitate anche tutte le segreterie delle scuole

La risposta dell’amministrazione – Sulla vicenda della presenza di scaglie d’amianto nel parco di Villa Corridi, l’amministrazione ha agito in totale trasparenza, comunicando immediatamente la situazione ed informando tutti i cittadini. Ovviamente forniremo ulteriori dettagli alle scuole ogni qual volta che riceveremo documenti ufficiali sullo stato dell’arte. Nella relazione consegnata i tecnici sottolineano che sono in corso i lavori propedeutici alla definizione puntuale dell’area del parco che dovrà essere bonificata. Usl, Arpat e Comune hanno stabilito che, nel caso non si dovesse riuscire a bonificare l’area entro settembre, l’accesso al plesso scolastico presente all’interno del parco verrà garantito dalla porta che si affaccia su via del Vecchio Lazzaretto. Non solo. Per garantire l’uscita d’emergenza dalla scuola elementare verranno montate delle recinzioni per delimitare la zona sicura, mentre per le normali uscite all’aria aperta gli alunni potranno utilizzare l’area pavimentata all’ingresso o il boschetto che si trova sul retro. Nessun particolare accorgimento è stato previsto per la scuola dell’infanzia Villini e Giardino di Sara e per la scuola media Mazzini, in ragione della loro posizione.
Nei giorni scorsi, infine, sono stati effettuati i campionamenti per il monitoraggio ambientale sia dell’aria. Monitoraggi che hanno dato esito negativo: non è stata riscontrata alcuna particella di amianto aerodispersa.
“Non ci fermeremo qui – aggiunge Sorgente -: incaricheremo altri soggetti di effettuare le medesime analisi sulla qualità dell’aria in modo da avere risultati in contraddittorio e le proseguiremo, a intervalli regolari, per tutta la durata dei lavori nel parco. I tempi sono lunghi, ma l’accesso dei ragazzi all’edificio scolastico sarà garantito. Voglio rassicurare i genitori: la nostra priorità è la sicurezza dei loro ragazzi, delle insegnanti, del personale scolastico e, in generale, di tutti i cittadini. Tuttavia è opportuno sottolineare che le porte sono aperte a qualsiasi ulteriore chiarimento e mi farebbe piacere incontrare le famiglie per spiegare personalmente la situazione, senza il rischio di incorrere in strumentalizzazioni di vario tipo e dando adito a “voci di corridoio” che non hanno fondamento. La dirigente sa quanto io sia disponibile: basta fissare uno (o più) appuntamenti per comprendere meglio la reale situazione. Auspico che questo confronto avvenga al più presto”.

Riproduzione riservata ©

8 commenti

 
  1. # marco

    TE LO HANNO GIA DETTO , SE IL PARCO NON è ANCORA RIPULITO si entra da via del lazzeretto.

    1. # Federico

      ..si vede che non è pratico del posto, le spiego: la SOLA scuola elementare conta 500 bambini (poi c’è l’asilo nido, la materna e la materna statale) se si dovesse entrare TUTTI passando da via del lazzeretto OGNI giorno si creerebbe un’ingorgo da New York nelle ore di punta!
      Sinceramente spererei in qualche soluzione migliore..

      1. # Tomas

        amianto a terra non c’è ne è più le analisi sono buone può darsi che riaprano prima

      2. # sara pucci

        Certo che non vi va bene nulla. Togliere l’amianto é un dovere. Da via del vecchio lazzeretto ci si passa tutti. Basta scaglionare gli ingressi …alle 8…8.15….8.30. Dai federico vai a fare un tuffo alla cala che fa caldo

        1. # Federico

          ..ma che tuffo e tuffo!? Hai provato ad arrivare alle 8:30 a scuola (magari perchè il traffico e/o la gente parcheggia dove non dovrebbe creando ingorghi paurosi)? Lo sai cosa ti dicono le bidelle? No? Te lo dico io: fai la giustificazione! Per quello mi auguravo che trovassero delle soluzioni alternative, perchè se rimane l’ingresso dalle 8:15 alle 8:30 è un bordello! Altro che tuffi..si vede che la mattina non hai da correre a lavoro dopo aver portato il bimbo a scuola, sennò certi discorsi non li faresti nemmeno..

  2. # Tomas

    Amianto a terra non c’è nè più bisogna vedere se scavando ne esce ancora
    spero di no.

  3. # Alla Frutta

    Mia figlia va a scuola li. Mi auguro che ai nostri figli non succeda niente e se lo devono augurare quelli che dovevano controllare e vigilare l’area molto prima perche li passerebbero le ruzze. Già a dicembre recintarono la zona con un misero nastro bianco e rosso proprio vicino ai giochi dei bambini. Nessuno poteva immaginare che dentro quella area chiusa da quel misero nastro sui generis, potesse esserci amianto anche perche molti bambini ci andavano ugualmente a riprendere il pallone finito li dentro. Altra bella falla nel sistema del nostro comune che pensa soltanto a spillare soldi ma non alla salute dei bambini. Ma arriveranno le prossime elezioni? Con il cavolo che li voto ancora.

    1. # AnToNIO

      Guarda che l’amianto non nasce da solo…qualcuno ce lo ha messo…arrabbiati non con il comune,ma con chi ha scavato e sotterrato!