Cerca nel quotidiano:


Appartenenza Labronica presenta il logo comune per le società sportive

Il logo sarà presente sul completo da gara delle 33 realtà sportive livornesi già aderenti al marchio comune. Il presidente Rotelli: "Qualunque società è ben accetta. Si tratta di semplici patch da cucire sulle divise nel segno di una maggiore Appartenenza"

Sabato 9 Aprile 2022 — 16:10

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

Una fortezza su cui è issata una bandiera Fides circondata da una corda marinaresca annodata. Sotto, su un nastro color amaranto una scritta: “Livorno è la mia città”. È questo il logo ideato dall’associazione Appartenenza Labronica per tutte le realtà sportive livornesi presentato il 9 aprile mattina al Lem alla presenza del primo cittadino. Un marchio unico per tutte le società, a simboleggiare l’unione e l’”Appartenenza”, appunto, nonostante le lecite rivalità sul campo. “Lo sport è da sempre sinonimo di gioia e di unione – spiega Bruno Rotelli, presidente di Appartenenza Labronica – Tutto questo abbiamo pensato di racchiuderlo in un unico logo nel segno di una maggiore Appartenenza. Si tratta di semplici patch da poter cucire sulle proprie divise. Qualunque società non ne fosse stata messa attualmente a conoscenza, e volesse aggregarsi in futuro a questa iniziativa, è ben accetta”. “Il tema dell’appartenenza, dell’orgoglio e del riconoscersi in una città è sempre stato un elemento base per me – dice il sindaco Luca Salvetti – Da quando giocavo a calcio, a quando ero studente, fino a quando ho fatto il giornalista e poi il genitore, momento nel quale mi sono ritrovato a fare il dirigente della squadra di calcio in cui giocava mio figlio e di quella di tennis in cui giocava mia figlia. Tutto sempre con la testa a Livorno e cercando di dare un contributo alle squadre livornesi che si confrontavano con il resto del mondo. Al giorno d’oggi ognuno è più portato a pensare a se stesso anziché alla comunità, noi questa tendenza l’abbiamo già leggermente invertita. Quello di cui stiamo parlando qui è una delle espressioni più alte che potessimo presentare: qualcosa che va oltre le rivalità e che aiuta a comprendere che grazie al confronto, anche sportivo, si cresce sempre”. Il delegato provinciale del Coni Giovanni Giannone parla di un’attività fisica dei record, ma non solo. “In questa città lo sport è sempre più trasversale – commenta – Ogni giorno mettiamo in evidenza come anche la parte solidale e sociale sia indispensabile e presente nelle realtà sportive locali. I grandi risultati sono importanti certo, ma non sono tutto. Il salmastro e la voglia di emergere sono quello che fa crescere lo sport livornese giorno dopo giorno”.
Sono 33 le società attualmente aderenti all’iniziativa e a cui, nell’ambito dell’evento, è stato donato un presente (una sciarpa e un portachiavi) da parte di Appartenenza Labronica: Academy Livorno, Accademia dello sport, Antignano calcio, Armando Picchi calcio, Atletica Amaranto, Atletica Libertas Unicusano, Carli Salviano, Ciclismo Carli Salviano, Pallacanestro Don Bosco, Gruppo Lottatori Livornesi, Invictus Basket Livorno, Jolly Acli Basket Livorno, La Dieci, Leoni Amaranto Us Livorno Basket, Libertas Livorno 1947, Livorno 9 calcio, Livorno Nuoto, Comitato Palio Marinaro, Orlando Calcio, Rugby Lions, Rugby Livorno 1931, Nuova Arlecchino, Pielle Livorno, Portuali calcio, Pro Livorno 1919 Sorgenti, Spes Fortitude, Subbuteo club labronico, Unione Sportiva Livorno 1915, Volley Livorno, Volley Tomei, Torretta Volley, Tre & 23 e Young Fortezza Livorno calcio.

Riproduzione riservata ©