Cerca nel quotidiano:


Assistenti Bagnanti FIN: ecco gli 86 brevettati

Si è ottenuta la formazione di specialisti in grado di vegliare sulla sicurezza di chi frequenta piscine e stabilimenti balneari marini o lacuali; di prevenire gli incidenti in acqua con una sorveglianza attenta e intelligente; ed infine di intervenire in soccorso di chi si trova in situazione di pericolo in acqua

Giovedì 1 Luglio 2021 — 12:30

Mediagallery

Il Corso di formazione per Assistente Bagnanti della Federazione Italiana Nuoto svoltosi all’interno della piscina “Neri” e della “Camalich” di Livorno, iniziato ad marzo 2021, si è concluso il 15 giugno 2021 ai Bagni Lido di Livorno.
Quest’anno come la Sezione Salvamento di Livorno ha lavorato in sinergia con la Scuola Nuoto Federale Livorno Aquatics: una collaborazione risultata vincente. Le problematiche per l’organizzazione dei corsi, visto il Covid, non sono state poche e grazie alla Livorno Aquatics che ha messo a disposizione spazi acqua, aule per gli esami e soprattutto una presenza costante di propri collaboratori pronti a risolvere qualsiasi problematica si presentasse, alla fine il progetto è stato portato a termine egregiamente.

Più di 100 ragazzi iscritti alle prove, di questi ben 86 sono arrivati alla fine del percorso e si sono cimentati nelle prove, qui di seguito descritte, previste dalla Federazione per poter acquisire il brevetto:

– Prova di Nuoto: 100 metri a crawl in meno di 1’40”;

–  Prova di Salvamento: 50 metri in meno di 1’25” così effettuati: in andata, 25 metri a crawl a testa alta; recupero di un manichino da gara o figurante a una profondità di almeno 1,50 m; in ritorno, 25 metri di trasporto del manichino con presa a scelta tra quelle codificate.

– Prova di tecniche di salvamento: 25 metri in apnea;

– 25 metri di trasporto del manichino o figurante con tre diverse tecniche di   trasporto.

– Percorso con un pattino di salvataggio, lancio di salvagente e simulazione di recupero di un pericolante.

Per poter superare l’esame, i ragazzi si sono impegnati duramente in acqua durante il Corso con esercitazioni di notevole difficoltà sotto la supervisione degli allenatori Roberto Bani e Mario Savino. La parte di voga, grazie all’ospitalità della famiglia Ganni, è stata seguita dal maestro di voga Alvaro Dovicchi ai Bagni Lido di Livorno.

La parte teorica, circa 30 ore di video, del corso di formazione si è svolta invece on-line, viste le problematiche attuali dovute al Covid è stato sviluppato un ampio programma multidisciplinare dalla Federazione con video di professionisti  dalle tecniche di primo soccorso e di rianimazione di base, risposta alle emergenze, aspetti normativi, legali e ambientali e altro. In presenza si sono svolte solo esercitazioni con i manichini per la parte riguardante il BLS.

Si è così ottenuta la formazione di specialisti in grado di vegliare sulla sicurezza di chi frequenta piscine e stabilimenti balneari marini o lacuali; di prevenire gli incidenti in acqua con una sorveglianza attenta e intelligente; ed infine di intervenire in soccorso di chi si trova in situazione di pericolo in acqua con competenza ed efficacia grazie all’applicazione delle tecniche di salvataggio e di primo soccorso acquisite durante il corso di formazione. Si ricorda inoltre che a partire da settembre ricominceremo l’attività di formazione.

Con la Livorno Aquatics abbiamo diversi progetti in cantiere, per citarne uno, organizzeremo un corso di preparazione per poter accedere direttamente al corso di formazione per Assistenti Bagnanti.

Per info è possibile rivolgersi al fiduciario locale della sezione Salvamento della FIN Renzo Lodovici  al 339-32.86.531 oppure via e-mail all’indirizzo [email protected]. In alternativa è possibile rivolgersi alla segreteria della Livorno Aquatics al 375-67.79.723  oppure via e-mail all’indirizzo [email protected].

Riproduzione riservata ©