Cerca nel quotidiano:


“Bagni Lido racConta”, che successo il primo talk show con Pavoletti

L'attaccante livornese ha risposto alle domande fra presente e futuro. Con lui Zanone e Nastasio. Tutte le info sugli altri talk show, tutti ad ingresso gratuito, su www.bagnilidolivorno.it e sulle pagine social dei Lido

Venerdì 5 Luglio 2019 — 17:34

di Filippo Ciapini

Mediagallery

Che successo la prima puntata di “Bagni Lido RacConta“, i talk show ad ingresso gratuito inseriti all’interno del Lidofestival 2019 (foto Alessandro Solimani). La serata del 3 luglio ha avuto come tema il mondo del calcio, “Il Pallone, un Amore Infinito”, con la partecipazione dell’attaccante livornese del Cagliari e della Nazionale Leonardo Pavoletti, l’ex attaccante di L.R Vicenza, Udinese e Sampdoria Nicola Zanone e l’ex calciatore del Livorno e Cagliari Corrado Nastasio. Mediatori dell’incontro Enrico Salvadori e Marco BernardiniTiberio Fossi e Jacopo Simoncini di Football Data ed il mental coach Eugenio Vassalli. Una serata che ha toccato diversi ambiti, dal calcio attuale a quello di ieri passando per la Nazionale femminile e maschile. Al centro del talk show, ovviamente, Leonardo Pavoletti che tra presente e futuro è riuscito a rispondere alle domande incalzanti fatte da pubblico e giornalisti. L’attaccante della Nazionale, poi, ha fatto sognare i presenti aprendo le porte al Livorno Calcio: “Nessun rammarico per non aver ancora giocato con la maglia amaranto. Adesso sto benissimo a Cagliari, la carriera però è ancora lunga… mai dire mai”. Enorme soddisfazione anche per Nicola Ganni, direttore insieme al fratello dei Bagni Lido: “Ringraziamo il nostro amico Leo che si è dimostrato molto preparato e come sempre all’altezza della situazione. Un plauso anche al nostro direttore artistico Massimiliano Simoni, è veramente fortissimo. Ricordo che questo è soltanto il primo appuntamento dei talk show Bagni Lido raConta”. Tutte le informazioni sugli altri talk show sono disponibili sul sito www.bagnilidolivorno.it oppure sulle pagine social dello stabilimento balneare.

Riproduzione riservata ©