Cerca nel quotidiano:


Alessandro e il suo manuale di marketing in salsa labronica

Il suo manuale "Brand Positioning alla Livornese" è scaricabile gratuitamente dal web e sarà presentato il 24 ottobre ad un evento a Firenze. L'autore ci spiega come è nata l'idea di accomunare il marketing al nostro dialetto

Lunedì 7 Ottobre 2019 — 17:31

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Irriverente, gustoso, spiritoso, curioso ma soprattutto esaustivo e completo. Sono questi gli ingredienti del manuale in salsa labronica dedicato al marketing e al “brand positioning” scritto dal livornese Alessandro Banchelli, 44 anni a novembre, filosofo, ex giocatore di baseball di serie A, marketer di professione. Un vero e proprio manuale scaricabile in maniera gratuita dal web e che si pone l’obiettivo di aiutare in maniera scherzosa, ma raccontando cose serie e interessanti, i giovani imprenditori che si affacciano sul mercato. L’idea geniale di Banchelli è quella di farlo con il sorriso sulle labbra in pieno stile livornese. Leggere di marketing come leggere Il Vernacoliere insomma. Il tutto grazie anche alle illustrazioni, di cui è disseminato il suo lavoro di 114 pagine, firmate da Francesco Santi che aiutano la lettura strappando un sorriso. Il manuale sarà ufficialmente presentato a Firenze a fine mese durante un evento che parlerà proprio di brand positioning e marketing. Ma non vogliamo togliervi il gusto di farvi spiegare tutto da chi ha ideato il tutto. A tu per tu con Alessandro Banchelli, autore di “Brand Positioning alla Livornese”. A voi…

Alessandro, qualcuno ti ha conosciuto che eri un giocatore di baseball, ora sei un marketer, che strada hai preso?
“La stessa di prima. Ci siamo conosciuti in via dei Pensieri e tra i pensieri sono rimasto. La differenza è che prima battevo la palla ed ora la tastiera e la cosa bella è che più batto più mi pagano (sorride, ndr). Esattamente il contrario del baseball”.

Che studi hai fatto e come sei diventato marketer?
“Mi sono laureato in Filosofia ed ho preso un Master in Comunicazione Pubblica e Politica. Poi, dopo aver fatto una carriera entusiasmante tra camicie cinesi, giocattoli di legno, risposte al call center, contratti ai camionisti e chi ne ha più ne metta, di camicie cinesi intendo (ride, ndr), ho avuto la fortuna di entrare tanti anni fa in un mercato florido ed appena nato, quello del marketing e della pubblicità online. Quando entri tra i primi e ci credi fino in fondo, la fortuna ed i bravi imprenditori ti assistono sempre. E così è stato per me. Grazie a loro ho potuto lavorare con grandi marchi e piccole e medie aziende e così ho imparato le basi del marketing.

Che cosa è il marketing, ce lo spieghi Alessandro?
“Ve lo spiego in maniera semplice. Dovete sapere che in ogni impresa c’è nascosta una bacchetta magica. E’ lì in azienda, ha una forma strana ed un colore tra l’amaranto ed il verde. Ma c’è un problema… nessuno la vede. E’ proprio lì… ma per qualche motivo nessuna la trova.Questa bacchetta l’ha usata la prima volta l’imprenditore per creare l’impresa dei suoi sogni molti anni prima. Con quella bacchetta ha immaginato quello che desiderava. Quella bacchetta gli ha dato la forza per fregarsene alla grande di chi gli consigliava che non era il caso… che non era opportuno… che i rischi erano troppi. Ed è con quella stessa bacchetta che ha trasformato il suo sogno in realtà dando posti di lavoro a sé stesso ed a chi se lo meritava. Però poi è successa un’altra cosa. La burocrazia, le tasse, gli insoluti, le beghe di tutti i giorni si sono accumulate proprio sopra quella bacchetta e l’hanno praticamente nascosta, imprigionata, occultata. Nessuno la vede più e soprattutto… nessuno la usa più. Ma quella bacchetta funziona ancora. Ed ha un potere unico e straordinario. Da sola infatti, è in grado di trasformare la burocrazia più assurda in un semplice stop al semaforo, le tasse più fuori di testa in una bellissima gita a New York e le beghe di tutti i giorni in una veloce scrollatina di spalle”.

Ed ecco che entri in campo tu?

“Esatto. Ecco, questo è proprio quello che faccio io. Prendo la bacchetta, la tiro fuori da tutto quel casino, e dopo una sana bastonata, la mia consulenza, la ri-dono cortesemente all’imprenditore. Ed è proprio questo il marketing, tirare fuori dall’impresa quello che è stata (la sua storia), quello che è (i suoi prodotti e servizi) e soprattutto quello che potrebbe essere (il fatturato che è in grado di raggiungere quando decide di adottare un piano di marketing serio ed a lungo termine).  Ed io sono quel marketer, in pratica l’archeologo che ritrova la bacchetta magica dell’imprenditore ed l’astronauta che aiuta l’impresa a decollare”.

Ma Perché hai scritto questo manuale alla Livornese?
“Perché il mio ambiente è diventato una sorta di Jurassic World quando è andato in tilt il sistema. I clienti inconsapevoli vengono letteralmente sbranati da chi arriva diretto e per primo su di loro… e chi arriva per primo può essere l’Indominus Rex od il T-Rex, i migliori, quelli che fanno del bene alla tua azienda, oppure…. l’ultimo accrocchietto geneticamente modificato che ha fatto il corsetto su Facebook Ads, il masterino online e che ti sarà d’aiuto più o meno come la tua mano destra in mezzo ad una tempesta di zanzare tigre. Se vuoi saper scegliere l’azienda giusta od il consulente più in gamba ha un’unica cosa da fare: imparare almeno la basi del marketing per conto tuo”.

Ma non è così facile come sembra, vero?
“Purtroppo però la maggior parte dei libri e dei corsi o sono utili come un sasso di Fortullino nel cacciucco del tuo pranzo della domenica, oppure sono troppo difficili. Quando li leggi è come ti dicessero vai a scalare l’Everest con l’infradito e l’impermeabile del presidente Spinelli… non una buona idea.  Allora ho scritto questo manuale, alla livornese, in modo semplice, rozzo, triviale, pane al pane e vino al Civili. Se vuoi conoscere le basi, l’unico modo che hai d’imparare le cose velocemente è divertendoti e l’unica lingua al modo insieme al Sanscrito Vedico che è in grado di velocizzare l’apprendimento è il Livornese, il Livornese nella sua versione vernacolare.
Un manuale scherzoso ma  che nasconde molte cose anche serie immaginiamo…
“Il manuale è chiaramente anche serio, ci mancherebbe, ma qua e là ho inserito piccole e preziose gemme del nostro spirito, l’unico in grado di reggere alla globalizzazione della nostra mente e di nostri cuori da parte dei vari Netflix del nulla, influencer del niente e TV dello zero assoluto. Noi siamo Livornesi e lo saremo sempre. Noi siamo contro, anti, via da. E’ la nostra anima, il nostro soffio vitale e l’unico antidoto che ci ha dato il salmastro contro il virus dell’ovvio, dell’incrostato, del decomposto dalla nascita, del tutto diverso ma tutto perennemente uguale. Siamo livornesi!”.

Dicevamo all’inizio che hai giocato a baseball per molti anni. C’entra qualcosa questo manuale con il Baseball?
“Tutto direi. Nel baseball c’è una regola detta infield fly, una regola che è più difficile da spiegare di un fuorigioco alla tu’ nonna e che si applica più o meno con la stessa frequenza di un oasi nel deserto del Gobi. Ecco, il marketing ed in questo caso il brand positioning spiegato dai tuttologi è come un infield fly, nessuno ci capisce niente ed è tutto praticamente inapplicabile. Il manuale “Brand Positioning alla Livornese” è invece come un fuoricampo per chi fa impresa e vuole imparare il marketing. Anche se non capisci niente di baseball, lo capisci al volo. Così è il manuale… anche se di marketing ne sai più o come un premier o un politico di grido della serenità, tu lo capisci al volo e quindi lo utilizzi subito”.

Nel manuale si parla di brand positioning. Ce lo spieghi in due righe?
Certo, è molto semplice. Se vi dicessero che puoi vendere di più senza dover investire di più… Se vi dicessero che qualsiasi prodotto o servizio può essere dipinto come diverso e che grazie a questa pittura tu potresti vendere la stessa cosa ad un prezzo molto più alto, tu come imprenditore, saresti interessato? Beh, io direi proprio di si. E se tutto questo poi lo potessi imparare in un manuale che è divertente come il Vernacoliere, utile come un chirurgo del cuore, e costoso come un bicchiere d’acqua della fonte, cioè zero, tu lo leggeresti? Beh, ci puoi scommettere. Ecco… Brand Positioning alla Livornese è tutto questo assieme.  E’ un manuale che t’insegna a differenziare il tuo prodotto e servizio per risultare unico e soprattutto attraente per il tuo mercato di riferimento. La cosa bella è che questa metodologia funziona per tutti i prodotti e servizi. Non devi essere un’azienda quotata in borsa. Puoi essere anche un bar, un ristorante od un piccolo agriturismo. Ti aiuta sempre. E’ un po’ come la mamma, ma diretto come ir tu babbo“.

Dove è possibile scaricare il manuale?
“Si puoi scaricare da qui: https://marketingevoluto.it/brand-positioning-alla-livornese/ … così vi fate anche due risate. Il manuale è stato scritto per un evento che si terrà il 24 ottobre prossimo a Firenze, dedicato proprio a questo tema ed organizzato da un’azienda specializzata, Sinaptic, di cui sono consulente”.

Novità per il futuro?
“Il 2020 sarà un anno zero per me perché lancerò i miei corsi di copywriting per la vendita online. Il Brand si chiamerà “Il Paradiso dei Copy” e lì potrai trovare tutti i corsi che ti servono per imparare a scrivere per vendere online. La scrittura per la vendita è una delle abilità più remunerative su Internet. Se impari a vendere attraverso le tue parole scritte o parlate è come se indossassi il guanto dell’infinito di Thanos. Hai la gemma Spazio perché puoi lavorare da qualunque posto desideri. Hai la gemma Tempo perché puoi lavorare in qualunque momento della giornata. Possiedi la gemma Realtà perché sei in grado di crearla a tuo piacimento. Hai la gemma del Potere perché puoi vendere quello che vuoi. Hai la gemma Mente perché finalmente la puoi utilizzare per qualcosa di più utile di uno zapping con il telecomando. Ed infine… hai la gemma dell’Anima che è quella che conta di più perché se ami scrivere ed adori comunicare, non c’è niente di meglio di farlo tutti i giorni della tua vita e con il vantaggio di essere pagato. Naturalmente come Thanos, il guanto te lo devi conquistare ed i corsi del “Paradiso dei Copy” sono come i primi Avengers da sconfiggere”.

Se qualcuno volesse maggiori informazioni?
“Alla fine del manuale ci sono tutti i miei riferimenti….altrimenti mi puoi trovare su Facebook. Basta digitare Alessandro Banchelli. Tra tutti quelli che troverai scegli quello bellino con la giacca (ride, ndr)”.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.