Cerca nel quotidiano:


Baracchine, via alla demolizione: cantiere all’ex Tiburon

Salvetti: "L’idea di base è quella di demolire le baracchine per riqualificare questi luoghi di accesso al mare, su un controviale che, tra l’altro, verrà recuperato con il traffico gestito in modo diverso raddoppiando quindi lo spazio di queste zone"

Sabato 27 Febbraio 2021 — 14:43

Mediagallery

Al posto del Tiburon non nascerà un nuovo edificio ma saranno sistemate una nuova pavimentazione e tre panchine. Per quanto riguarda, invece, le baracchine 4 e 5, quelle davanti all’Acquario, interventi a partire da settembre in poi

di Lorenzo Evola

Sono ufficialmente partiti i lavori di demolizione della prima baracchina, il famoso “El Tiburon”, sul viale Italia (foto Lorenzo Amore Bianco). Sarà proprio l’abbattimento del grande chalet vista mare, abbandonato da una quindicina d’anni, ad inaugurare il progetto di riqualificazione del lungomare, che vedrà la demolizione anche di altre baracchine, un tempo simbolo della movida livornese, ma ormai quasi totalmente vuote e fatiscenti.

A fare il punto sulle varie fasi e sulle tempistiche delle operazioni, è stato il sindaco Luca Salvetti, in un incontro tenutosi in mattinata con la stampa nella piazzetta che si affaccia sullo Scoglio della Regina. “Queste baracchine – ha spiegato il primo cittadino – fanno parte di un’opera che purtroppo aveva alla base delle problematicità che poi nel tempo sono diventate irrecuperabili. Giovedì 4 marzo faremo un sopralluogo con l’Ordine degli Architetti per andare a vedere tutte le strutture, ma credo che il quadro grossomodo sia lo stesso di quello dell’ex Tiburon. L’idea di base è quella di demolire le baracchine per riqualificare questi luoghi di accesso al mare, su un controviale che, tra l’altro, verrà recuperato con il traffico gestito in modo diverso. Raddoppiare quindi lo spazio di queste zone di accesso al mare e di questa in particolare che si affaccia sullo Scoglio della Regina, dove, inoltre, verrà realizzato il Centro Visite per il Parco della Meloria. È questo il nostro obiettivo”.
Al posto del Tiburon non nascerà un nuovo edificio ma saranno sistemate una nuova pavimentazione e tre panchine.  “Il progetto avverrà seguendo fasi e tempi diversi, poiché le attività come i bar e i ristoranti rimasti, hanno la concessione con scadenza in periodi differenti – prosegue Luca Salvetti – alcune addirittura fino al 2027. Quest’ultime verranno trasferite nelle baracchine di fronte al Tiburon, che resteranno ancora in piedi viste le condizioni ancora decenti, e che verranno demolite una volta scaduta la concessione delle attività. Contiamo buttare giù tutto l’edificio in un mese e di trasformare lo spazio rimasto vuoto entro l’inizio dell’estate. Per quanto riguarda, invece, le baracchine 4 e 5, quelle davanti all’Acquario, andremo probabilmente a intervenire da settembre in poi. Credo che un intervento del genere sia necessario, perché ritengo doveroso restituire e abbellire un tratto di lungomare degno della città di Livorno e dei suoi cittadini”.

Riproduzione riservata ©