Cerca nel quotidiano:


Benevento-Livorno 3-1, la capolista non fa sconti

Sconfitta prevedibile contro i sanniti, già promossi in A, ma gli amaranto escono dal campo a testa alta. A segno due volte Sau, momentaneo pari di Murilo su rigore e tris di Kragl nel recupero

Venerdì 17 Luglio 2020 — 23:00

Mediagallery

Il Livorno con molti giovani in campo tiene testa alla prima della classe per lunghi tratti, impegnando più volte il portiere di casa Montipò. Si tratta della sconfitta numero 24 in stagione

di Simone Panizzi  

In una partita che aveva ben poco da dire per la classifica (Benevento già promosso in A, Livorno già retrocesso) gli amaranto cadono 3-1 al Vigorito al termine di una prestazione volitiva e a tratti convincente. Ritmi ovviamente bassi e motivazioni al minimo, ma la squadra schierata da Filippini ha per lunghi tratti tenuto testa ai ben più blasonati avversari, arrivando a impegnare più volte il portiere Montipò. Sempre di sconfitta si tratta, ma rispetto alle abuliche prestazioni viste con Cremonese e Spezia, almeno la squadra ha giocato a viso aperto senza pensare troppo a difendersi.
Il Livorno, che aveva Ricci, Bellandi e Marie Sainte dal primo minuto (nel corso della partita debutteranno anche Haoudi, Pecchia e Nunziatini) inizia bene, sfiorando il gol con Murilo. A passare è però il Benevento con Sau, che raccoglie una sponda in area di Moncini. Nel finale di frazione, super Montipò su Murilo da pochi passi.
Gli amaranto trovano il pari solo nella ripresa al 57′ con Murilo su rigore (fallo di mano di Schiattarella). L’equilibrio dura poco perchè al 69′ Sau, lasciato solo in area, segna di testa su cross di Maggio. Il Livorno non si scompone, ma non riesce a creare altri pericoli per il Benevento, che anzi all’ultimo minuto di recupero trova il definitivo 3-1 con una punizione di Kragl.
Luci e compagni torneranno in campo venerdì prossimo alle 18:45 al Picchi contro il Crotone, attualmente seconda forza del campionato.

IL TABELLINO

BENEVENTO: Montipò, Maggio, Barba, Caldirola, Rillo (71′ Kragl), Basit, Schiattarella, Improta (62′ Tello), Insigne (71′ Pastina), Sau (81′ Del Pinto), Moncini (62′ Di Serio). A disposizione: Manfredini, Gori, Sanogo, Gyamfi, Gentile, Alfieri. All. Inzaghi.
LIVORNO: Ricci, Boben, Bogdan, Marie Sainte (86′ Ruggiero), Morelli, Awua, Trovato (70′ Haoudi), Bellandi (70′ Pecchia), Porcino (92′ Fremura), Murilo, Pallecchi (92′ Nunziatini). A disposizione: Neri, Plizzari, Luci, Braken, Delprato, Petri. All. Filippini.
Arbitro: Di Martino di Teramo (assistenti Capone e Vono, quarto uomo Marotta)
Reti: 31′ Sau, 57′ Murilo rig, 69′ Sau, 95′ Kragl
Note: ammonito Improta (B), Schiattarella (B), Morelli (L); calci d’angolo 3-7; recupero 2’+4′.

di Simone Panizzi

Ricci 5,5: incerto su qualche parata, sembra in ritardo sulla punizione di Kragl.
Boben 5,5: a sinistra è sempre in difficoltà negli appoggi, rimedia utilizzando il fisico. Sorpreso sul primo gol del Benevento.
Bogdan 6: prima salva sulla linea, poi non chiude bene su Sau. Un paio di buoni interventi anche nella ripresa.
Marie Sainte 5,5: lascia un metro a Sau che a dispetto della differenza di altezza segna di testa, errore grave (86′ Ruggiero sv).
Morelli 5,5: fa la guerra con Improta prima e Tello poi, ma son due brutti cliente. Si vede più del solito in fase offensiva.
Awua 6: qualche leggerezza in uscita, ma da lui passa la maggior parte del gioco del Livorno.
Trovato 6: guadagna la sufficienza con due bei tiri che impegnano Montipò, anche se conferma l’impressione di essere leggerino (70′ Haoudi 6: si presenta con una botta che va vicina al bersaglio).
Bellandi 5,5: in ritardo nel raddoppio sul vantaggio sannita, ha qualche buona idea ma anche pause (70′ Pecchia 6: primi minuti con i grandi).
Porcino 6: mette due volte in porta Murilo, però commette anche un serie di errori tecnici elementari (92′ Fremura sv).
Murilo 6,5: vivace e dentro al gioco, non trova il gol su azione che meriterebbe ma si riscatta dal dischetto.
Pallecchi 6,5: ha personalità e buone idee, un ragazzo su cui investire per il futuro (92′ Nunziatini sv).
All. Filippini 6: ancora un ko, ma la squadra ha giocato al massimo delle proprie possibilità.

Riproduzione riservata ©