Cerca nel quotidiano:


Bitter Amaranto, il liquore livornese fa il bis mondiale

Il Bitter Amaranto, prodotto dal liquorificio livornese di Fabio Elettrico, Il Re dei Re,si è guadagnato per il secondo anno consecutivo la medaglia d’oro nella propria categoria agli International Spirits Award ISW 2020

Lunedì 27 Luglio 2020 — 16:22

Mediagallery

È notizia di queste giorni che il miglior bitter al mondo proviene proprio dalla costa toscana. Il Bitter Amaranto, prodotto dal liquorificio livornese di Fabio Elettrico, Il Re dei Re,si è infatti guadagnato la medaglia d’oro nella propria categoria agli International Spirits Award ISW 2020. Una riconferma, visto che il titolo era toccato alla città Labronica anche nel 2019. Ben 1200 referenze alcoliche provenienti da ogni parte del mondo, con 60 giudici anch’essi provenienti da tutto il mondo. “Sono molto felice di questo risultato – dichiara Elettrico – lo voglio dedicare a Livorno, città che mi ha accolto e dove mi sento a casa”.
Bitter Amaranto nasce da un’accurato studio durato diversi anni, ottenuto tramite Infusione idroalcolica di erbe aromatiche, radici, fiori, zafferano, scorse di agrumi,  si contraddistingue al naso per sentori predominanti di china, rabarbaro, genziana, mentre in bocca emergono le note di Genziana ed Arancia. Ottimo in miscelazione, ma da gustare anche liscio.

Riproduzione riservata ©