Cerca nel quotidiano:


Borse e portafogli contraffatti: due sequestri al Mercato

Si parla di un totale di 28 "pezzi" tra borse, portafogli e zaini, di noti marchi falsificati come Gucci, Prada e Luis Vuitton

Lunedì 31 Dicembre 2018 — 15:45

Mediagallery

Sono stati intensificati, in questi giorni di festa, i controlli della polizia municipale contro la contraffazione e la vendita di botti illegali.
Domenica 30 dicembre, il nucleo territoriale della municipale ha organizzato un blitz poco prima dell’inizio della partita del Livorno, passando al setaccio tutta la zona che va dalla Terrazza Mascagni al Mercato Centrale.
In particolare, sono stati effettuati due sequestri in piena zona “Mercato”, che hanno riguardato una notevole quantità di merce contraffatta. Si parla di un totale di 28 “pezzi” tra borse, portafogli e zaini, di noti marchi falsificati come Gucci, Prada e Luis Vuitton.
Sono stati effettuati controlli anche sui botti, e fortunatamente nessun petardo illegale è risultato in vendita per le strade.
Per quanto riguarda invece il fronte della repressione del lancio di botti in prossimità dei luoghi sensibili (si ricorda che sono previste sanzioni da 25 a 500 euro), una squadra di agenti della municipale in borghese sta controllando, già da alcuni giorni, il rispetto del divieto in prossimità di ospedali, case di cura e di riposo, luoghi di culto e cimiteri.

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # Roberto

    E 28.000 son nei lenzuoli a mo’ di borsoni…!!

  2. # Carlo

    non capisco questa politica : i venditori di merce taroccata sono SEMPRE presenti in zona Mercato … ogni tanto ne fermano uno o due ….Non è così che si combatte la contraffazione !!!!

  3. # Elio

    Ma che notizia è? Tutti i giorni ci sono distese di scarpe borse e merce varia in piazza cavallotti e zone limitrofe, tutti i santi giorni questi poveretti espongono la loro mercanzia davanti agli occhi di tutti e solo raramente mi è capitato di vedere il fuggi fuggi a causa del passaggio di qualche pattuglia, ma delle operazioni in borghese tutti i giorni non avrebbero scoraggiato certi commercio?che vi assicuro così palese e sfacciato non si vede se nn nelle città del sud senza offesa, ma a parte questo se vogliamo davvero riqualificare la città e vogliamo renderla migliore andrebbero effettuati controlli a tappeto quotidiani, questo nn perché sia contro gli extracomunitari ma provate voi a mettervi con un telo a vendere in piazza e vedete come vi sanzionano e vi tolgono oltre all’onore con titoli sui giornali, anche quei 4 soldi che avete e se nn gli avete sarete rincorsi dalla agenzia delle entrate a vita…non sarebbe ora che si facesse comprendere che questo mercato abusivo a cielo aperto a Livorno nn è più permesso? Si chiudono gli occhi su troppe cose ma poi se uno lascia 5 minuti la macchina fuori da uno stallo autorizzato paga la multa anche al posto di tutti gli abusivi.

  4. # Carlo

    domanda : le decine di turisti stranieri che sbarcano dalle navi da crociera e visitano Livorno e la piazza Cavallotti, vedono gli extracomunitari che vendono tranquillamente la merce taroccata ed i vigili che sono lì vicino. Quindi sono portati a credere che in Italia si possa tranquillamente vendere e quindi comprare merce di marca ma falsa. E’ questo che i politici nostrani vogliono che gli stranieri pensino ?