Cerca nel quotidiano:


Bretella di Salviano. I residenti alzano la voce: “Scenderemo in strada”

Gli abitanti del quartiere denunciano i molti problemi della zona in una riunione tenutasi al Circolo Arci

Domenica 4 Febbraio 2018 — 07:32

di Letizia D'Alessio

Mediagallery

I problemi del quartiere Salviano e dei suoi abitanti sono stati al centro della conferenza stampa organizzata dal consiglio di zona il 2 febbraio. A cominciare dal degrado dei manti stradali (con le persone disabili che hanno difficoltà a camminare) e delle abitazioni, dove manca – è la denuncia degli abitanti – la manutenzione. “Le case popolari non possono essere lasciate nell’abbandono – ha detto Germano Nigiotti, presidente del Consiglio di zona – le persone pagano ma in cambio non hanno niente. Ci sono infiltrazioni e altre problematiche ma poco viene risolto. Ogni mese il Comune riceve 300mila euro da Casalp per il canone di concessione, questi soldi non sono però assolutamente utilizzati per la cura degli edifici”.
Dal consiglio di zona lamentano anche i problemi di scarsa illuminazione e soprattutto il degrado legato ai fondi commerciali vuoti, in alcuni casi da molti anni. A Salviano per ora stanno resistendo solo poche attività e il timore è che il quartiere si desertifichi ancora di più: sembra infatti che alcuni commercianti stiano pensando di chiudere il loro negozio. “Poche le botteghe aperte – ha detto Daniele Bartolozzi, macellaio di Salviano dal 1964 – lo hanno fatto diventare un quartiere dormitorio”. “Alle 17 qui c’è il coprifuoco – gli ha fatto eco Romeo Giannetti – la gente non esce più di casa. Come si fa a chiedere 700 euro per un fondo? Sono troppi soldi”. Per quanto riguarda l’assegnazione degli spazi commerciali, di proprietà comunale, si prevede che sarà fatta un’asta: gli abitanti del quartiere non sono però d’accordo con questa prospettiva. “Per rilanciare il commercio nella zona non serve l’asta, c’è bisogno di affitti a canone agevolato”.

Tornando al tema delle strade, la delibera 753 del 19 dicembre 2017 della giunta prevede lo stanziamento di 85mila euro per l’intervento di ripristino della pavimentazione stradale tra via Costanza e via Haiphong: “Poca cosa – è il pensiero di Roberto Brilli – ma è pur sempre un primo passo”. È lo stesso Brilli che chiede altre due cose all’amministrazione: “Un progetto generale per il quartiere Ater di Salviano e soprattutto che il Comune si accolli la realizzazione della bretella stradale che attendiamo da molti anni”. E i residenti promettono che per fine febbraio organizzeranno un’iniziativa per chiedere a gran voce la creazione del collegamento.

Riproduzione riservata ©

17 commenti

 
  1. # emme

    Da qui si vede l’efficienza della macchina comunale. Non solo di questa, ma anche delle precedenti che hanno generato il problema. Invece di proporre cose astratte si faccia quelle che da lustri sono incompiute, come queste e che servono molto di più che delle piste ciclabili, delle rotonde e delle solite cose d’immagine. Concretezza, è la parola che non contraddistingue quasi mai questi soggetti.

    1. # Maxxx

      Parole sante! Assolutamente condivisibile… basta con i soliti bla bla bla …. se capaci di fare qualcosa veramente ora si vede

  2. # Federico Russo

    Bravi scendete in strada e spazzate i marciapiedi che il quartiere fa schifo

    1. # elit

      Scusa ma che commento è? Perché dove abiti sono gli abitanti che spazzano la strada?

      1. # Federico Russo

        Si, dove abito io la gente è civilizzata e contribuisce a tenere pulita la città. Quindi torna a scuola e impara quello che si chiama senso civico!

        1. # elit

          Non si tratta di essere civilizzati o meno, paghiamo le tasse affinché vengano pulite le strade, la civiltà consiste nel non sporcare , e a scuola tornaci tu che hai bisogno di chiarimento perché confondi il senso civico con l’educazione .

        2. # elit

          Il tuo commento è fuori luogo anche perché forse non sai che Salviano ha subito dei danni notevoli con l alluvione e gli abitanti si sono di molto rimboccati le maniche . Ad oggi non sono ancora stati riparati i danni subiti. E hanno,ragione a lamentarsi dopo anni di abbandono, dopo la lottizzazione di magrignano non è stato fatto niente per la viabilità mentre il flusso di traffico è aumentato in maniera esponenziale.

    2. # chettiduri

      Ma che stai dicendo, si vede che non sei informato…….allo spazzamento delle strade ci deve pensare AAMPS, non noi, li paghiamo con la TARI, hai capito……informati prima di dire fandonie!

  3. # stefano59

    MA COSA ASPETTANO AD APRIRE QUELLA STRADA!? SE CI SONO DELLE PROBLEMATICHE CERCHINO DI RISOLVERLE METTENDO GRANDE ATTIVAZIONE SU QUESTO PROBLEMA PERCHE’ E’ MOLTO IMPORTANTE..E NON SOLO PER GLI ABITANTI DI SALVIANO!

  4. # Pina Bellato

    Federico Russo , gli abitanti di Salviano pagano la TARI ( tassa immondizia ) come tutti, non vedo perché dovrebbero scendere loro a spazzare! Non so dove abiti, ma se abiti a Salviano allora scendi anche tu quindi non scrivere ” scendete” ma scendiamo se invece abiti altrove…

    1. # Pone Umberto

      Sposiamoci pina!!! Ahahaha

  5. # ago&filo

    Non sara’ mica che dai seggi di Salviano i voti per i 5 stelle siano pochi? Forse e’ il motivo di punirli trascurando un intero quartiere “rosso”.

  6. # Pina Bellato

    Federico, vuoi dire che la gente a Salviano non e’ civile ?……vorrei vedere se saresti capace di dirglielo di persona !!!…..comunque io non abito a Salviano ma ci passo spesso e posso assicurarti che prima della differenziata era molto più pulito. Poiché gli abitanti son gli stessi…..arriva da solo alla conclusione

    1. # marco62

      Pina parole sante, questa giunta ci ha ridotto ad una discarica a cielo aperto e in quanto ad efficienza direi che sono riusciti a far peggio dei predecessori.

  7. # laura

    Mi meraviglio tanto della pazienza e del rispetto delle regole dei cittadini di Salviano che potrebbero con pochi atti dell’Amministrazione veder migliorare le proprie condizioni di vita, la possibilità teorica c’è ma bisognerebbe capire quale”ighippo” possa impedire l’apertura della bretella. Io da Salviano ci transito, non ci abito, almeno 2 volte al giorno e mi rendo conto della situazione di chi ci abita.

  8. # Salvate via del Giaggiolo

    Non scordatevi che dall’alluvione, non si vede più nessuno al ponte di via del Giaggiolo. Sono rimaste le transenne che quando tira vento cascano per terra!!

  9. # chettiduri

    BRETELLA SUBITO!!!!!!