Cerca nel quotidiano:


Brexit, e ora? Parlano 2 livornesi a Londra

La Gran Bretagna ha votato, come è ormai noto, il "leave" decidendo così di uscire dall'Unione Europea. Quali adesso le conseguenze? Il commento, le preoccupazioni e le analisi di due livornesi a Londra

Domenica 26 Giugno 2016 — 07:33

Mediagallery

La Gran Bretagna ha votato, come è ormai noto, il “leave” decidendo così di uscire dall’Unione Europea. Quali adesso le conseguenze? Il commento, le preoccupazioni e le analisi di Stefano e Alice, due livornesi a Londra…
“Per il referendum c’è un po’ di confusione e disinformazione…Qui a Londra siamo tutti molto sorpresi e dispiaciuti che abbia vinto il leave, anche se sapevamo che stava prendendo piede. Il sindaco di Londra ha messo un messaggio molto forte e ha chiesto di dire la sua rispetto alla decisione finale, c’e addirittura chi suggerisce che Londra si dichiari indipendente. C’è già una petizione per chiedere un secondo referendum e il sito governativo venerdì era intasato di richieste, ci sono già quasi un milione di firme.
Si è visto che la maggioranza delle persone che hanno votato “leave” è over 55 mentre gli under 35 IMG_1951hanno votato “stay”, aprendo un forte dibattito. I ragazzi di 16 anni vogliono avere il diritto di votare perché è il loro futuro e vogliono restare in Europa. Università, scienziati, grandi aziende hanno messo l’accento sull’importanza dell’europa per la “circolazione dei cervelli” (erasmus, internships etc) e sull’Inghilterra come porta di accesso di molti brand e banche in Europa. Comunque non è detto che usciamo, il referendum non è abrogativo. Nonostante il grande afflusso (75%) la decisione spetta al governo e i membri della house of commons dovranno decidere se appellarsi al trattato di Lisbona.
Se lo fanno l’uscita dall’Eu durerà 2 anni e verrà stipulato un nuovo trattato ma speriamo che ci possa essere margine di movimento. Per noi questo risultato e l’eco che sta creando negli altri stati servirà a spingere l’Europa a chiedersi “dove stiamo andando?”.
Sinceramente molte persone che conosco (Italia, Francia, Spagna…) commentano che l’Europa non ha contribuito alla crescita del paese ma anzi ne ha causato la crisi economica e molto inglesi hanno paura che il sistema crolli su se stesso come è già successo in mostri stati. Sicuramente a Bruxelles dovranno farsi delle domande e molti altri paesi hanno la tentazione di fare lo stesso referendum, rendendo evidente il malcontento.
londra1L’Europa è una grande opportunità ma solo la Germania sta raccogliendo i frutti in questo momento. Tante persone (Uk, Italia, ovunque) semplificano con fuori dall’Europa = zero immigrazione = fine dei problemi, ma non capiscono che la questione qui è molto più grande di questo. Molti leavers hanno votato così per cercare un cambiamento ma ora che la sterlina sta crollando e alcuni articoli parlano di ridimensionamenti di molte aziende molte di queste persone si sono lamentate. Altre persone hanno votato leave perché vogliono spingere l’Europa a cambiare e diventare la potenza che dovrebbe essere. Che l’Europa vada cambiata non c’è dubbio, ma non va distrutta! Vogliamo davvero condannare tutte le nostre economie, mercati, monete?”.

Stefano e Alice, due livornesi a Londra

Riproduzione riservata ©

65 commenti

 
  1. # Kristy

    Sinceramente anche se con sacrifici sarei favorevole ad uscire da UE. Cosa ha portato: immigrazione, povertà, malasanità, delinquenza, meno lavoro, tasse.

    1. # Giulio

      ? perche’ se non ci fosse stata l’UE i migranti sarebbero restati in Africa o Mediooriente??

      1. # Cristina

        In parte si, senza i fondi accoglienza UE.

        1. # amaranto67

          cristina dovendo scegliere tra vivere “senza fondi” in libia o in italia te dove andresti… l immigrazione non si sconfigge con i muri ma andando a risolvere i problemi che causano questi flussi.. senza una soluzione in loco anche accogliendo tutti quelli che arrivano quest anno ne arriveranno altrettanti il prossimo e l anno dopo ancora e cosi via finche la gente avra fame e povertà.

          1. # Cristina

            Non importa, basta che mi diano aiuto come agli extracomunitari. (Meglio un lavoro)

    2. # hdensity

      E’ troppo tardi, ormai siamo pieni di immigrati; uscire dalla UE sarebbe una iattura perché significherebbe tenerceli tutti noi. Almeno se rimaniamo nell’UE possiamo sperare di rifilarne un po’ a Francia e Germania e Austria.
      Ormai il piano Kalergi è in dirittura d’arrivo.

      1. # morgiano

        Francia e Germania ne hanno 10 volte noi! Lo volete capire o no! Se non siamo capaci di gestire il ns. paese non è colpa di quattro disgraziati di immigrati (complessivamente l’8% della popolazione), e che oltretutto stanno diminuendo .

        1. # hdensity

          Francia e Germania si sono presi quelli “buoni”: sulla metropolitana vedi l’immigrato in giacca e cravatta col PC portatile che lavora. Noi invece raccattiamo quelli senza arte ne parte che manteniamo a non far nulla o addirittura finiscono a spacciare droga.

        2. # perplesso

          non capisco il tuo commento. Hai detto che Germania e Francia hanno 10 volte più immigrati di noi che ufficialmente ne abbiamo solo l’ 8%, per cui facendo due calcoli in Germania e Francia gli immigrati sono oltre l’ 80% della popolazione?!? non è che sono un po’ troppi?

          1. # Tovaric

            Ma fagli a modo questi conti. hai moltiplicato l’8% per dieci volte?? ma che quell’8% si riferisce ad una parte dell’intera popolazione italiana? Ovvero che su dieci persone che vivono in italia al massimo 1 sola è un immigrato…Ci credo sei perplesso

    3. # morgiano

      Giustifico l’ignoranza con la probabile gioventù. L’italia nel 57 quando è nata la comunità europea (allora MEC) era un paese di poveracci usciti da una guerra di cui l’italia era pienamente responsabile; un paese di emigranti che “invasero” belgio, francia, svizzera, germania ecc.. Dopo, guarda caso c’è stato il boom degli anni 60, il benessere dovuto all’esportazione dei prodotti senza dazi doganali. Negli anni 70 e 80, il rientro degli emigranti e dei loro guadagni fatti in europa, concausa della inflazione al 25% annuo, frenata solo con l’adesione del trattato del 92, e la creazione della U.E. da li è nata l’italia da bere del periodo 95/07. Ora stiamo pagando la nostra insensatezza nel gestire i vantaggio dell’europa che è un mezzo per costruire un futuro, non una fatina buona che ti regala il benessere senza FARE, anche perchè le fatine buone sono solo nelle fiabe! Vedi Grecia!

  2. # Dubbioso

    Mah mi sembra che ci capiscano poco anche loro stando lì. Difficile prevedere cosa accadrá. Oggi addirittura lego che vogliono tifare il referendum. Di certo tutta questa incertezza, tempi lunghi, complicazioni normative etc. faranno dei disastri a livello finanziario (vedi crollo borsa italiana – nb non inglese- del 12%)

  3. # Luca

    Adesso avremo il rientro di un sacco di cervelli in fuga: camerieri e commessi iniziate a tremare…

  4. # orso

    Fa impressione sentire che dei giovani difendano questo schifo che è la Ue. Sono agnellini piegati al volere dei mass media, dei social. Gli stessi megafoni di quella Ue che li condanna ad una vita di sacrifici ,di emigrazione e di mancanza di certezze ,a favore di pochi privilegiati e della casta politica che sulla Ue ha costruito la propria fortuna.
    Dovrebbero imparare a lottare per cambiare le cose, ma le nuove generazioni non lo fanno. Subiscono lo status quo, passivamente.

    1. # young

      Non che la vostra generazione abbia combinato granchè… Siete davvero convinti che i giovani siano peggiori di voi??

      1. # orso

        SI

        1. # mako

          voi che avete mangiato anche il piatto di tavola, che avete creato un debito assurdo e difendete i vostri privilegi di andare in pensione con retributivo e un lauto stipendio, mentre lasciate ai più giovani la prospettiva della disoccupazione o di non vedere mai la pensione! Voi siete i peggiori

          1. # orso

            @mako .Io lavoro,non avrò la pensione retributiva e stanno togliendo tutti i diritti grazie all’ignavia dei giovani che si scaldano solo per i social, il nuovo telefonino e non si sono mai impegnati a fare un c…o,buoni solo a piagnucolare come te e magari sperare dopo i soldi dei genitori e dei nonni di campare rubacchiando il “redito di cittadinanza”. Continua a piagnucolare e lamentarti.
            “Ueeehhhh, voi siete i peggiori”. I peggiori hanno campato meglio di voi grazie al proprio impegno ed alle lotte, chi piagnucola e non fa un cavolo è solo un cretino.

          2. # bob

            Io e la mia famiglia di debiti non pagati non ne abbiamo ,anzi per l’europa abbiamo pagato un prezzo altissimo .Ve la ricordate la tassa per entrare in europa :io dipendente l’ho pagata ed è stata salatissima ,con quali vantaggi !!!!!Disoccupazione, aumenti continui di tasse, blocco delle pensioni, tenore di vita ai minimi,aumento della criminalità e con questa super ondata di immigrazione gioco facile per i criminali e delinquenti.

        2. # Gigio

          Effettivamente l’italia non può essere stata rovinata dai 16-30enni..fatevi un esame di coscenza ed abbiate il buon cuore di non lamentarvi per la pensione..noi non ci andremo mai e continueremo a lavorare per pagare il vostro retributivo…….

          1. # orso

            @gigio sei il tipico esempio di quello che ho scritto.Se ti prendono i contributi e non ti vogliono pagare la pensione, piu’ che prendertela con chi l’ha presa varrebbe la pena inc….arsi con chi te la vuole togliere.
            Meno facebook …Svegliatevi…

  5. # Federigo II

    Come ha detto ex premier Monti” strana democrazia quella in cui si fa votare i cittadini su questioni importanti..” E visto che noi italiani ci siamo puppati 3 presidenti del consiglio decisi a tavolino dalla Germania e dai poteri forti ( Banchieri , lobbies, etc) per far quel che hanno fatto( tagliato pensioni, abolito articolo 18, disintegrato contratto di lavoro, agevolato e salvato le banche , etc etc..), da questa vicenda possiamo solo imparare cosa significa democrazia!

    1. # geppo

      Fuori dai discorsi da bar la verità è dura. Anche la Grecia aveva dato un grande esempio di democrazia, salvo poi tornare a mendicare col cappello in mano altri soldi a Bruxelles, e allora gli si sono calmati i bollenti spiriti. La stessa cosa che accadrà al Regno Unito anche se in modalità diverse.
      La verità che è oggi nel mondo ci sono 5 grandi superpotenze: Stati Uniti, Russia, Cina, India ed Europa Unita. Se quest’ultima si sfalda sarà fagocitata dalle altre, con la Russia di Putin prima fra tutte che non aspetta altro che affacciarsi sul Mediterraneo.

      1. # no euro

        Ti sbagli gli inglesi (come i Danesi Svedesi ecc..) molto intelligentemente si sono tenuti la propria moneta per cui non hanno bisogno di andare a chiedere i soldi alla BCE,mentre noi Italiani grazie a Prodi siamo schiavi come i Greci che si devono assoggettare ai voleri dei banchieri strozzini della BCE

        1. # Malizioso Troll

          E quindi? Forse non ti ricordi i tempi della liretta svalutata ogni tre-per-due. Vacci a comprare petrolio e acciaio, colla liretta, poi mi racconti.

          1. # no euro

            Fatemi un favore studiate economia altrimente non potrete capire.Lira svalutata materie prime più care prodotti Italiani molto convenienti all’estero = bilancia dei pagamenti in attivo benessere e boom economico,Euro forte =bilancia dei pagamenti in rosso deflazione disoccupazione e miseria, questo dicono i dati ufficiali il resto sono chiacchere senza fondamento nella realtà.

          2. # Marco

            Malizioso troll, basta guardarsi intorno per capire che l’Italia non ha bisogno dell’Euro. Ad esempio, Livorno aveva un importante cantiere navale che costruiva navi di primissima qualità. Oggi a parte la Benetti, che non è neppure livornese, non facciamo più neanche i patini per far giocare i figlioli al calambrone. Ma questa Europa oltre a dirci che dobbiamo mangiare zucchini lunghi un tot. di centrimetri, parmigiano fatto con latticini rumeni ed averci fatto invadere dai delinquenti stranieri cosa ha fatto?

  6. # Roberto1

    Purtroppo leggo commenti molto approssimativo, legati più da sentimenti populisti e poco razionali. l’Europa così come è non va, va rivista, ma uscire dall’unione è da folli. Pensate solo a coloro che hanno il mutuo in euro, con la svalutazione immediata della lira che dramma sarebbe (gli inglesi hanno mutui in sterline…noi avremmo nel giro di 2 ore dall’apertura delle borse un’impennata del valore del 20-30%..da pagare..). Penso a tutte quelle attività (es distribuzione) che si basano sull’import…il giorno dopo troveremmo il cibo nei negozi a costi raddoppiati….è poi immagino la fuga delle multinazionali (ciò che sta avvenendo in UK alla fine, basta leggere un po’ in questi giorni) con conseguente perdita di decine di migliaia di ulteriori posti di lavoro. Queste son cose banali, a livello macro economico sarebbero ben più macelli….es tutti andrebbero a correre a ritirare gli euro in banca….è come in Grecia nessuno potrebbe ritirare più di pochi euro al giorno per evitare il collasso delle banche italiane. Scenari apocalittici? No…sarebbe la realtà. Come già detto così come è ora molte cose vanno sistemate, ma l uscita sarebbe l’ inizio di una tragedia.

    1. # Geppo

      Pensa a tutti i lavoratori italiani che hanno investito il TFR nei fondi pensione e già in queste ore stanno assaggiando cosa vuol dire un -10% in borsa.
      Purtoppo non esistono soluzioni facili per problemi complessi, tranne che negli slogan di certi politici.
      Nel frattempo chi si lamentava di una Europa troppo Germanocentrica adesso sarà ancora più frustrato nel constatare che l’unico paese che poteva fare da contrappeso a questo strapotere se ne andrà per la sua strada, e che strada visto che probabilmente per contrappasso dantesco il Regno Unito che si sfilerà dall’Europa vedrà sfilarsi il Galles e La Scozia che già annusano l’aria di secessione.

      1. # Chubby66

        Ti preoccupi del 10% di borsa, con il pil che non cresce da anni ed addirittura è andato in negativo durante la crisi hai perso senza saperlo centinaia di euro sulla futura pensione dell’ inps… che è tutta statale…. ringraziate Dini.

    2. # ovosodo

      Mutui in Euro? Ancora con ‘sta storia? La domanda da porsi è se il mutuo è ITALIANO o no. Se è contratto in ITALIA, allora lo si paga nella nuova moneta italiana. Se la nuova moneta si chiamerà Lira ed il cambio iniziale stabilito sarà 1 Euro – 1 Lira, un mutuo di 1000 euro al mese diventerà di 1000 lire al mese, restando assolutamente identico per il mutuatario.
      Inoltre l’Italia è un paese costituzionalmente fatto per essere esportatore netto.
      Significa che, a differenza dello UK, troviamo benessere in una moneta svalutata perché esportiamo più di quanto importiamo. È proprio lo snaturarsi di questo meccanismo per noi naturale, a causa di una moneta troppo forte per noi, che ci stiamo riducendo in povertà con recessione e stagnazione sostanzialmente artificiali.
      Se volete fare del terrorismo psicologico documentatevi bene, almeno.

      1. # Roberto1

        Presumo tu non lavori in ambito finanziario, fondi o fondi edge per cui evito qualsiasi commento.

    3. # hdensity

      Per molti anni ero anch’io convinto che convenisse rimanere nell’euro perché l’uscita avrebbe svalutato la nostra nuova moneta e di conseguenza ridotto il potere d’acquisto degli stipendi.
      Vero, ma attualmente le fabbriche chiudono per andare in Romania dove pagano meno gli operai, oppure dicono “o ti riduci lo stipendio o vado all’estero” (electrolux rex) ; mentre gli Statali si mantengono il loro bel succulento stipendio in Euro non ridotto. Così l’operaio disoccupato o con lo stipendio ridotto dal ricatto gli tocca pagare un botto di tasse per mantenere gli Statali e i loro succulenti stipendi. Almeno se si esce dall’euro gli stipendi si riducono per TUTTI, è l’unico modo per ridurre gli stipendi agli Statali.

      1. # Nedo

        mi sa che l’eletrolux ti ha portato in romania

        in italia gli statali hanno il loro contratto nazionale fermo dal 2010, lo stanno sbloccando mi hanno già detto che gli arretrati se li sognano.
        il tuo bel contratto (se ne hai uno) è stato aggioranto al tasso di inflazione in questi anni

    4. # orso

      Praticamente dici che non possiamo uscire dalla ue per gli stessi motivi per cui non si puo’ uscire dalla ‘ndrangheta.Per la paura e per le vendette(della finanza internazionale)…
      Un bel quadretto,non c’e’ che dire.Che bella gabbia ci hanno costruito intorno.Me li ricordo,prodi e il nostro “illustre”concittadino che brindavano felici quando entrammo nell’euro…
      Tra parentesi,le conseguenze dell’uscita dovevano essere gravi per gli inglesi,ma la loro borsa perde il 3 la nostra il 12.Non e’ che ci raccontano un sacco di balle?Non sarebbe neanche la prima volta ,non credi?

      1. # roberto1

        Già dal fatto che tu dica.che la Borsa UK abbia perso solo pochi punti % denota una superficialità clamorosa. Certo, i titoli inglesi hanno perso poco all interno del proprio mercato ma a livello mondiale si son svalutati il 30%…così come la sterlina ai minimi del 1985. Certi discorsi ripetuti senza esser analizzati denotano davvero una superficialità che personalmente spaventa. E poi…per i superficiale i basta veder subito la retromarcia di Grillo….che dopo aver visto le aperture dei mercati ha dichiarato di non aver mai dichiarato di voler uscire dalla ue…

        1. # orso

          @roberto1 Prima di accusare di superficialita’ aspetta,non sei il Verbo di Dio incarnato.Vedremo col tempo chi avra’ ragione,per adesso noi siamo quelli che ci rimettono di piu’ nonostante le favolette che ci hanno raccontato :”Le conseguenze saranno solo per gli inglesi,la nostra economia e’ solida,le nostre banche sono forti,sono le meno esposte…”
          Te credi pure a questi cialtroni,io no.

        2. # no euro

          citazione gli Inglesi anno perso poco all’interno del loro mercato ecc….traduzione Gli Inglesi non ci hanno rimesso niente, mentre gli speculatori internazionali il 30% ,quindi secondo te per proteggere gli squali di Wall Street si devono far morire di fame i cittadini Europei?

      2. # Chubby66

        Confermo ho qualche piccolo investimento in sterline ed ha perso quasi niente in una settimana, noi perdiamo il 12, perché il mondo non si fida delle nostre banche, è possibile che non ce la raccontano tutta su la loro situazione?

    5. # no euro

      Ti garantisco che di tutti i problemi che tu citi ci sono le soluzioni vuoi un esempio? I mutui verrebbero convertiti contestualmente ai conti correnti quindi tu continueresti a pagare uguale il problema è che se non vi informate rimarrete degli schiavi che si tengono le catene ben strette ed i grandi poteri economici continueranno ad arricchirsi sempre più rendendo noi sempre più poveri

    6. # I politici lucrano sui clandestini.

      Non dimentichiamo però che con l’avvento dell’Euro i prezzi raddoppiarono pari pari.

  7. # FUORI DALLA U.E.

    Ma bisogna ancora chiedersi se rimanere o no in Europa? Ma scherziamo? Qui ci stanno scarnificando vivi gia’…ma la scarnificazione avviene sotto anestesia e non ci accorgiamo che quando ci risveglieremo dall’anestetico propinatoci dalla U.E. e dai sistemi corrotti (v. il complotto di Bilderberg) sintetizzo il tutto:
    La vittoria del “leave” in Gran Bretagna segna la più grande sconfitta dell’Europa. Uno schiaffo sonoro e, forse, inevitabile. Perché se il movimento Brexit è riuscito a portare fuori dall’Ue il Regno Unito è proprio perché l’Europa non è riuscita a dare risposte chiare ai problemi concreti del Paese come immigrazione, sicurezza, sovranità nazionale.
    Partiamo dall’immigrazione. La Gran Bretagna è presa d’assalto dagli immigrati, circa duecentocinquantamila solo nell’ultimo anno, ma non può limitarne l’arrivo. Gli immigrati (provenienti per lo più dai Paesi Ue) pesano sui servizi, dai mezzi pubblici alla sanità ai sussidi. Inoltre sono disposti a lavorare a basso costo danneggiando così i lavoratori britannici e le loro buste paga. Non solo. In Europa stanno per entrare Albania, Macedonia, Montenegro, Serbia e Turchia e il rischio di un aumento senza controllo dell’immigrazione è troppo forte. Con l’uscita dall’Ue però la Gran Bretagna può tornare a fare controlli ai confini. Al tema dell’immigrazione è collegato quello della sicurezza interna. Perché fino adesso l’Ue imponeva la libera circolazione delle persone e di conseguenza una più facile circolazione di armi e terroristi.
    La Gran Bretagna ha da sempre un forte senso di indipendenza ma da quando è nell’Ue la metà delle sue leggi è stata approvata dai burocrati di Bruxelles senza l’ok dei giudici inglesi e del governo. Inoltre l’Unione europea ha una burocrazia mostruosa, impone restrizioni, limiti, regole in qualsiasi campo facendo così aumentare i costi e soffocando le piccole e medie imprese. Una volta fuori la Gran Bretagna potrà rilanciare l’economia e sarà libera di fare trattati commerciali con Cina, India e con altri Paesi emergenti.
    L’Europa, infine, è una “macchina” molto costosa: la Gran Bretagna versa 350 milioni di sterline alla settimana a Bruxelles, 20 miliardi di sterline all’anno e non ha il controllo di come vengono spesi. Ora questi soldi possono essere investiti per il bene del Paese.
    Ora l’Europa deve interrogarsi e forse deve cominciare a cambiare le sue politiche.

    Stanno tentando di intimorire gli inglesi e dichiararsi pentiti tramite bombardamento e terrorismo psicologico per fargli fare un passo indietro ma la verita’ e’ che l’Inghilterra ne uscira’ alla grande e speriamo presto…anche noi.

    1. # EHHH...

      Ma perchè prima quando c’era la lira etc la gente cosa faceva si buttava dal balcone? O non si viveva uguale anche prima? Anzi ora è peggio non ve lo ricordate quando arrivò l’euro che i prezzi aumentarono di brutto su tutto? Io me lo ricordo questo particolare. La verità è che l’unione europea non serve a una mazza agli stati sovrani serve a organi SOVRAnazionali per controllare bene il blocco europeo…de no a cosa servirà mai???
      Non è altro che il prodotto della globalizzazione, infatti l’Europa non è comandata dall’Italia ma dal Belgio e dalla Germania che a quanto pare sono gli unici che ci guadagnano su questa cosa dato che comandano!!!
      Poi sono unioni fittizie perchè a seconda di dove vai in Germania se vengono a sapere che sei italiano ti prendono anche a manate, non siamo rispettati nè amati all’estero e chi lo nega è solo un cialtrone. Specie in questi paesi nordici l’italiano è mal visto e bersagliato da stereotipi di ogni genere. Son stato a Berlino per capodanno anni fa sono una persona educata e rispettosa e mi trattarono quasi ovunque come un cane facendomi pesare il fatto di essere italiano. Unione si ma di sto c***o. Putin ha ragione siamo trattati come vassalli. Ma poi questione immigrazione, s’è detto e ripetuto che tutti i delinquenti li fanno venire in Italia perchè gli altri paesi fanno bene i moralisti ma poi non ci vogliono nessuno. Questa unione fa crack e acqua da tutte le parti s’è visto già con Berlusconi e Schultz, battuta infelice del cavaliere, ma Schultz provocò e non venne ripreso.

      L’unica funzione utile dell’Europa è l’erasmus per gli studenti che usano questa rampa di lancio per emigrare e poi si spera che in situazioni di conflitto questi paesi vengano poi in nostro aiuto MA CI CREDO POCO…

      Fondamentalmente, rimane sempre una divisione di base e un egoistico interesse nazionale che inficia ogni forma di unione europea, mondiale, universale.

      Agli studenti inglesi non conviene per nulla l’Europa sono i nostri studenti che vanno a studiare in Inghilterra non sono gli inglesi che vengono a studiare in Italia…e perchè dovrebbero? Baronie, paese arretrato…

      1. # orso

        Baaastaaa con questo erasmus.Ma aprite gli occhi !!!
        Macche’ studiare,fratellanza tra i popoli.
        A questi l’erasmus interessa perche’ se ne vanno a fare i loro comodi lontano dai genitori e dal controllo sociale del paesello ….
        Chiunque abbia viaggiato sa come si comportano i giovani italiani (e le giovani italiane)lontani da casa…Hanno in testa solo una cosa,a parte le birre e le canne…Lo facessero con piu’ naturalezza e spontaneita’ a casa loro ,come fanno nei paesi non soggetti alla mentalita’ cattolica,non avrebbero bisogno di ricorrere all’erasmus…

        1. # EHHH...

          Il tuo commento mi fa uno schifo inesprimibile, che cos’è reato conoscere una ragazza o un ragazzo all’estero??? Non posso fare l’erasmus, studiare e anche fidanzarmi??? Tu non guardi la cosa in maniera obbiettiva sei solo invidioso di quelli che hanno la possibilità di andare all’estero e che vanno a costruirsi una vita. Prendere una minoranza di persone che vanno all’estero a non far nulla ed eleggerla a totalità è una mancanza di rispetto nei confronti di tutti quelli che invece si danno da fare, sia con lo studio che con il lavoro CHE CON POSSIBILI PARTNER, perchè caro, carissimo, trovarsi una fidanzata o un fidanzato è un atto onorevole non è una cosa disgustosa come la fai passare tu che evidentemente non la vedi da qualche milione di anni o la vedi ma non è un granchè…
          Il commento che hai fatto dimostra che hai solo voglia di brontolare non c’è nessuna razionalità in quello che dici sennò vedresti che l’UE ha SIA lati positivi che negativi! Evidentemente sei troppo in malafede per ammetterlo, del resto di un papiro hai colpito solo un micropezzetto che ho scritto senza dire che il resto è vero e sicchè sei un disfattista…

          E critichi chi va in erasmus??? ROSICONEE… 🙂

          1. # orso

            1-Lo schifo per il commento,e non solo per quello, e’ reciproco .
            2-Sei un perfetto esempio di come l’erasmus da un punto di vista culturale sia un fallimento.Infatti non sai neanche leggere.Dove avrei scritto che c’e’ qualcosa di negativo nel conoscere un partner,vivere o LAVORARE all’estero(no fare i vagabondi a spese dei contribuenti)?Tra l’altro tutte cose che ho fatto…
            3_Non sai neanche scrivere,non porti argomenti ma solo (infantili)insulti .Quelli li lascio a te ed ai tuoi brufoli.Cresci.In tutti i sensi…

  8. # no euro

    I giovani non conoscono la verità perchè essendo nati schiavi come gli schiavi della caverna di Platone pensano che non esista la libertà, mentre i vecchi che sono nati libero conoscono la verità,che l’Euro ci avrebbe rovinato lo sapevano sin dall’ inizio https://www.youtube.com/watch?v=uIEAflRcSvo

    1. # orso

      Esatto,i giovani non hanno possibilita’ di confronto con la situazione precedenti.In piu’ sono succubi del pensiero unico dei mass media e dei social,non sono abituati a lottare per i propri diritti.Gli hanno fatto credere che i soli diritti da difendere sono quelli di gay e immigrati.
      Per lavoro,pensioni,sanita’ ,invece bisogna accettare il fatto compiuto…
      Sono come agnellini che si fanno condurre docilmente al macello.

  9. # orso

    Un’altra cosa, tutti i politici ripetono a pappagallo da anni che l’europa(minuscola voluta)va cambiata.Peccato che ci prendano in giro,chiaccherano e non cambia niente.Questa ue ci strangola ,e i politici sono al servizio di una piccola elite che li comanda come marionette,tirando i fili dietro le quinte e distruggendo welfare,identita’ nazionale e culturale dei popoli per dominarli piu’ facilmente.Una massa di poveri disgraziati da far diventare schiavi decerebrati.Un’europa cosi’ deve solo crollare,non puoi sperare che cambi.

  10. # no euro forever

    Giudicare gli effetti di questa decisione dopo solo 48 ore è da analfabeti economici,il malato di cancro se dovesse giudicare gli effetti della chemio il giorno dopo direbbe che stava meglio mentre moriva di cancro l’euro è un cancro per cui serve la chemio che allinizio può sembrare dolorosa,trovo vergognosa la campagna di terrorismo mediatico di tutti i media che di economia non capiscono niente ma pontificano sulle scelte a loro dire sbagliate del popolo Inglese

      1. # orso

        Aaaahhh…se lo ha detto il corriere.Proprio un bel giornale libero,indipendente dai poteri forti della finanza e delle banche.Quei filantropi che stanno facendo gli interessi dei popoli….

        1. # Franco

          Si, ora si inizia a percepire anche noi il terrore mediatico imposto dai cervelloni pagati dai mafiosi della U.E. in quanto l’Inghilterra e’ uscita, poi ci sono gli ingenuoni che abboccano e vorrebbero trasmettere le loro fobie anche a coloro che non credono piu’ nell’Europa esternando con insulsi link il loro pensiero “microchippato” dalle istituzioni che vogliono vederci crepare in poverta’!

      2. # no euro

        Intanto tu sai cosa sono le banche d’affari? Tu credi che loro ed i grandi gruppi finanziari abbiano a cuore il bene dei cittadini? Tu sai che molti economisti difendono certe posizioni per mantenere i loro privilegi sui seggioloni in banche, consigli di amministrazioni ecc…Leggi guarda il link che ho postato sopra se non vi bastano neanche le confessioni non c’è niente che possa convincervi allora credete pure agli economisti amminstratori delegati nella city loro si che fanno i vostri interessi.

  11. # pepe

    l’ UE è come una setta quando ci sei dentro non esci più , se avessimo le palle faremmo così anche noi . purtroppo con la globalizzazione abbiamo venduto tutte le nostre fabbriche a multinazionali che dopo aver preso incentivi o sfruttato il momento ti lasciano non possiamo competere con altri paesi perchè non abbiamo materie prime , siamo un paese morto perciò ci dobbiamo rassegnare a stare nella setta UE e zitti e pedalare , fanno bene i nostri giovani e pensionati che lasciano questo paese morto e se ne vanno a vivere più sereni . non siamo più padroni delle leggi del nostro paese , comanda tutto la germania e la setta UE , bravi inglesi voi avete le palle come hanno avuto i nostri babbi e nonni quando eliminarono fascismo e nazismo noi siamo solo peore

  12. # Virgilio

    Io sono per uscire dall’Europa: molto meglio la lira e immigrazione decisamente minore. Ne parlavo stamani con mia moglie…fossimo solo noi livornesi ci sarebbe molto più lavoro….a lavoro hanno assunto due dell’est…diplomati…ma hanno tolto lavoro a due ragazzi di Livorno….

  13. # no euro

    Comunque tutti i nostalgici di Enrico Berlinguer dovrebbero tener presente che il PCI votò contro l’ingresso dell’ Italia nello SME (un Euro con un minimo di flessibilità nei cambi) motivando la scelta con gli effetti disastrosi che la moneta unica avrebbe prodotto, effetti che purtroppo si sono verificati puntualmente.

  14. # floyd

    Si denota un certo affanno da parte dei mass-media e altri vassalli nell’offuscare e/o nel minimizzare la vittoria del brexit.

    1. # orso

      Per non parlare di tentativi mediatici di legittimare un eventuale sabotaggio,che sarebbe il primo golpe nella storia inglese.

  15. # Marco

    Ammiro molto il popolo inglese per la scelta che ha preso. Gia solo il fatto che i deputati dell’UE vorrebbero farci fare il parmigiano reggiano con il latte rumeno in polvere è una ragione più che sufficiente per uscire anche noi.

  16. # no euro

    Per tutti i giovani: la mia generazione 50/60enni è stata fregata perchè non avevamo fonti di informazione alternativa,dopo la caduta del muro di Berlino ci fecero credere che il liberismo era il miglior sistema per garantire benessere economico,ma voi avete a disposizione tecnologie e fonti di informazione enormi ma non vi informate e addirittura difendete il sistema che vi rende schiavi,e pensate che i vostri problemi derivino dal fatto che noi abbiamo goduto di privilegi non dovuti

  17. # Teseo

    Alcuni dati di fatto che forse non tutti conoscono:
    1) i famosi FONDI EUROPEI non sono soldi gratis che mamma europa ci regala: sono le NOSTRE TASSE che l’europa ci dice solo come DOBBIAMO SPENDERE, ad esempio mantenendo gli immigrati.
    2) Uscire dall’Europa NON E’ UN CATACLISMA per chi esce, come dimostra la ricaduta minima sulle borse inglesi (sono andate giù invece quelle europee).
    3) L’europa si sostituisce ai nostri governi e ci impone: invasione di immigrati, tasse altissime (che poi incamera lei), e governi (Monti ecc.).

    PROPOSTA: cambiare la costituzione si, ma per ammettere REFERENDUM ANCHE su materia di trattati internazionali. E referendum non solo consultivi, ma anche propositivi.

  18. # Checchino Eta

    L’unità d’Europa, quella percepita dalla gente comune, dov’è? Perché io Italiano devo pagare la benzina un prezzo diverso dagli altri? Perché un lavoratore Italiano deve guadagnare un terzo rispetto a quello tedesco? Perché quel poco di buono che abbiamo, per l’Europa fa schifo, e va cambiato a loro piacimento? Perché in Italia l’indice di disoccupazione è il più alto e siamo, insieme alla Grecia e l’ Ungheria, l’unico paese a non avere un reddito di cittadinanza? Perché devo lavorare fino a 70 anni per prendere (forse) 800 euro ecc…ecc…. sono tantissimi gli esempi , ma i post troppo lunghi non vengono letti…. E per finire, che Europa unita è (ERA) se hai confini di alcuni paesi si costruiscono muri e se per andare in Inghilterra dovevo cambiare l’Euro in Sterline?

  19. # Teseo

    Per Stefano e Alice: sarebbe opportuno che tornaste in Italia per partecipare all’ Italexit… Si farà a breve, e non possono mancare i vostri voti per il remani.. Penso che saranno gli unici due voti. Good-bye!

  20. # Teseo

    I commenti finora sono per 2/3 favorevoli al Brexit, cioè in ampia maggioranza. Nonostante l’articolo iniziale sia fortemente critico contro i Brexit. Oltre un certo limite anche la propaganda fallisce.