Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Carcassa di balena disincagliata dagli scogli

Martedì 13 Settembre 2022 — 18:55

Il Comune di Livorno ha convocato un tavolo tecnico per mercoledì 14 settembre alle 8:30 in cui verranno decise le più corrette modalità di rimozione e smaltimento della carcassa

Nella giornata di lunedì 12 settembre sono pervenute alla Sala Operativa della Capitaneria di Porto di Livorno numerose segnalazioni di cittadini e diportisti che avevano avvistato la carcassa di un grosso cetaceo (di circa 15 mt) alla deriva lungo la costa. Il primo avvistamento era avvenuto il giorno prima da parte della nave Moby Vincent, in navigazione a circa otto miglia dall’imboccatura del porto di Livorno (clicca sulla clip su sfondo azzurro sopra al titolo per vedere IL VIDEO delle operazioni di capitaneria e vigili del fuoco).

Il corpo dell’animale, che soprattutto per le dimensioni, appare essere riconducibile ad una balenottera comune (malgrado l’avanzato stato di decomposizione non ne agevoli il riconoscimento), è stato notato in mattinata in prossimità della costa all’altezza di un noto ristorante lungo il Romito e nel tardo pomeriggio a soli due-trecento metri da riva nella zona antistante il molo di Quercianella, mentre continuava ad essere trasportato dalle correnti verso sud.

La Sala Operativa della capitaneria di porto labronica ha quindi disposto l’uscita della motovedetta CP2089 e di un mezzo dei vigili del fuoco per cercare di recuperarla, ma intorno alle ore 19.30 la carcassa dell’animale si spiaggiava tra le località di Chioma e Quercianella.

Il personale della Guardia Costiera, presente anche da terra, insieme ai subacquei dei vigili del fuoco hanno effettuato una prima ispezione dell’animale ma, visto il cattivo stato della carcassa, constatavano l’impossibilità di eseguire operazioni di traino via mare, anche a causa del buio ormai incombente.
E’ stato pertanto deciso di sospendere le attività di recupero del corpo del grosso animale per riprenderle nella mattinata di martedì 13 settembre.
In seguito di più approfondite concertazioni sul posto tra la capitaneria di porto ed i vigili del fuoco, è stata trovata una soluzione tecnica che ha consentito il disincaglio della carcassa dagli scogli. Complicate le operazioni dei vigili del fuoco e della Guardia Costiera che con non poche difficoltà ed elevata perizia marinaresca sono riusciti ad imbracare la carcassa allontanandola dagli scogli grazie anche all’impiego di un battello altamente performante.

Parallelamente erano in corso contatti con l’Ufficio Ambiente del Comune di Livorno per concertare le modalità di smaltimento e con gli enti di studio e di ricerca interessati (Osservatorio Toscano per la Biodiversità – ARPAT – THETIS – Università) per eventuali valutazioni di interesse scientifico e per approfondimenti sulle cause del decesso del grosso cetaceo.

A tal proposito il Comune di Livorno ha convocato un tavolo tecnico per mercoledì 14 settembre alle 8:30 in cui verranno decise le più corrette modalità di rimozione e smaltimento della carcassa.

Condividi:

Riproduzione riservata ©