Cerca nel quotidiano:


Case popolari, 1322 morosi: via agli sfratti.
“Evasi oltre 12 milioni di euro”

In questi giorni saranno infatti inviate le prime informative alle famiglie con i redditi più alti, che si può presupporre non abbiano motivi validi per il mancato pagamento del canone di affitto

Giovedì 15 Settembre 2016 — 12:38

Mediagallery

Ammonta esattamente a 12.435.864 euro l’importo totale che viene a mancare alle casse pubbliche per il mancato pagamento del canone di affitto degli alloggi ERP da parte di ben 1322 assegnatari.
Questi i numeri che si leggono nel rapporto degli uffici al sindaco e all’assessore al sociale e politiche abitative, che scaturiscono dall’intenso lavoro congiunto, messo in atto dall’Ufficio Casa del comune e da Casalp, che hanno creato ad hoc una task-force tecnica e permanente per gli accertamenti di legge.

Fenomeno inaccettabile e in preoccupante crescita. Prima delle lettere esecutive proporremo però un piano di ammortamento e verificheremo le cosiddette morosità incolpevoli – commenta l’assessore Dhimgjini. Tutto ciò non vuole rappresentare un’azione di repressione, ma di giustizia sociale e di tutela sia del bene pubblico, sia dei cittadini che regolarmente adempiono. Per questo in tutti quei casi di morosità colpevole superiore a sei mesi, come la legge prevede, ci sarà o un piano di rientro economico concordato o la lettera esecutiva di decadenza dall’assegnazione. In città abbiamo numerosissime famiglie davvero bisognose, quindi non possiamo permettere situazioni come queste. Parliamo di soldi pubblici, indispensabili alla manutenzione degli alloggi, che ne hanno un bisogno urgente e immediato, com’è sotto gli occhi di tutti”.

In questi giorni saranno infatti inviate le prime informative alle famiglie con i redditi più alti, che si può presupporre non abbiano motivi validi per il mancato pagamento del canone di affitto. Contemporaneamente saranno analizzate nel dettaglio tutte quelle situazioni in cui invece, gli assegnatari morosi non sono stati in grado, per ragioni oggettive e documentabili, fino ad oggi di pagare il canone mensile.
Casalp insieme alla prossima bolletta invierà quindi una lettera che invita le famiglie morose a sanare la propria posizione debitoria, proponendo un piano di ammortamento a rate. Soltanto dopo la loro eventuale mancata regolarizzazione, saranno inviati gli avvisi definitivi di decadenza dall’assegnazione dell’alloggio.

Riproduzione riservata ©

41 commenti

 
  1. # mah...

    Nell’azione di giustizia sociale, è opportuno che l’eventuale “Piano di rientro” (che già di per sè, nei casi dove non ci sono i requisiti per la morosità incolpevole, è già un eccezione), siano contabilizzati interessi e relative sanzioni. Altrimenti per coloro che hanno pagato in regola, sarà un’altra presa per i fondelli.

  2. # jack

    Bravo sindaco. come per il mercato centrale chi non paga via!!! No come il Pd con gli occhi chiusi

    1. # pidino

      E si stava poino meglio col PD! Casa popolare e macchinone sotto casa. Ora è venuto questo sindaco di Rosignano che ci vole anche fà pagà l’affitto. E t’ ho belle rivotato Nogarinne!

      1. # Lorenzo

        stai scherzando?

  3. # Kristy

    Accertamenti anche per i requisiti degli affittuari aventi diritto.

  4. # Fabbro

    Dopo aver pagato 3 mutui mi sento arrabbiato, saper che ci sono persone che sfondano edifici pubblici che non pagano alloggi popolari e che solo ora ci accorgiamo di avere un credito così elevato , mi viene da pensare :
    Ma i vari gestori politici di Casalp avrebbero concesso i loro appartamenti a inquilini morosi senza agire a va tutto bene tanto paga pantalone.

    1. # Robe

      Veda Sig. Fabbro, se nn pagano la rata del Suv parcheggiato sotto la casa popolare o del Mercedes, la macchina gliela portano via e subito…. Se non pagano l’affitto…. prima deve passare qualche anno che qualcuno se ne accorga, poi fanno ricorso, poi magari gli rateizzano gli arretrati (ovviamente senza interessi perché… poverini… hanno il reddito basso…). Mica vorrà mandarli in mezzo ad una strada eh!!!!!

  5. # andrea72

    non pagano nemmeno le 30 euro di affitto………fuori e via come tutti gli altri onesti…..finita la pacchia…avanti nogarin

  6. # ago&filo

    Dove sono tutti quei compagni che hanno avuto le case popolari e non hanno pagato l’affitto? pero’ sempre in prima linea a fa re i pottaioni con i SUV,al ristorante e a piantare ” chiodi” nei vari negozi. Tanto io l’affitto non lo pago
    e di casa non mi butta fuori nessuno perche’ c’ho la tessera del partito.
    Riflettete gente e’ finita la pacchia.

  7. # libero

    finalmente si incomincia a capire che chi non paga l’affitto deve lasciare l’immobile sia di privato sia di un ente, perchè così funziona in uno stato civile di diritto.

    1. # luca

      oltretutto gli affitti Casalp sono proporzionati al reddito e no all abitazione, a tanti per pagare l’affitto basterebbe rinunciare alle sigarette…alla faccia degli idioti ( io per primo) che pagano il mituo e hanno rinunciato e rinunciano a ferie, pizze e ristoranti

  8. # freefree

    loro fanno gli errori e poi vogliono addossare la colpa agli altri agli , ma come sono simpatici !
    regole e leggi ci sono , fatele rispettare subito , no al tempo che vi pare a voi . Avete fatto tantissime ingiustizie , è l’ora di finirla

  9. # stefano59

    hai ragione FABBRO….concordo pienamente con te!! La gente x bene deve essere premiata..nn penalizzata!

  10. # bravissimi

    Ma anche alla Casalp c’era lo stesso direttore amministrativo dell’Aamps che ha fatto andare in prescrizione 12 milioni di euro ?

  11. # luigi

    verificare anche x chi vive nella casa popolare ma risulta da parenti e amici x non gravare sul canone in special modo se lavora al nero

  12. # Putin

    già ma ai tempi del PD era tutto perfetto e in ordine…

  13. # Bob

    Qualcuno ha anche la faccia tosta di lamentarsi delle condizioni in cui sono le case popolari. Pagate almeno quella miseria di affitto e magari senza imbrogliare sull’ ISEE

  14. # piratatirreno

    Grande sindaco, avanti cosi!!!
    P.S. Io invece farei proprio un’azione di REPRESSIONE!!! (a parte i morosi incolpevoli). Sfratto e causa legale per recuperare il credito…..altro che piano di rientro…..ci dovevano pensare prima, ormai è troppo tardi (sto parlando dei morosi Colpevoli ovviamente).

  15. # Fox65

    Accertamenti anche per chi ci abita pagando un misero affitto nonostante girino con macchinoni e hanno la cabina sui bagni mentre chi con sacrificio e magari senza tessera Pd si è comprato la casa con sacrificio non riesce ad arrivare a fine mese…e che dire poi del fatto che basta prendere la residenza e magari non abitarci e si viene in possesso del diritto di abitarci dopo la morte dell’assegnatario?
    Colpire e colpire duro

    1. # luca

      è inutile che continui contro i mulini al vento.

      1. # Bob

        De’ da buoni compagni i livornesi l’avranno frullata la tessera pd, per vedere se anche con M5S si ruscola qualcosa. Ma mi sa che si dovranno attacca’ ar tramme.

  16. # ANDREA

    12 milioni di euro…..quante cose avremmo potuto fare a Livorno…poi ci lamentiamo che la città fa schifo!! bravo Sindaco .le cose devono cambiare!!

  17. # ettoro

    Invece serve reprimere certi atteggiamenti, altrimenti a pagare sono sempre gli stessi. Chi detiene case popolari in modo indebito e non paga pur potendolo fare deve essere mandati via, anche con la forza. Poi si arrangeranno….

  18. # giancarlo

    Vediamo se Nogarin porterà a termine questo schifo , o come tutte le precedenti giunte farà solo chiacchere !

    1. # elit

      Nogarin non farà niente o quasi in quanto ha permesso e continua a permettere che siano occupati abusivamente locali di proprietà pubblica e di privati!

  19. # massimo

    Repressione altro che piano di rientro. Sennò tanto vale provarci sempre. Tanto eventualmente se va male si fa il piano di rientro.
    E poi basta gente con la casa popolare e il mercedes intestato al compagno della figlia…

  20. # Cornelio

    Io ho fatto le battaglie sindacali del 68 e la casa popolare me la sono guadagnata, guai a chi mi sfratta!

    1. # Fox65

      Se paghi il giusto nessuno ti tocca ma se hai paura dello sfratto vuol dire che hai i fantasmi nell’armadio e allora proprio quelli come te e i tuoi discendenti dovrebbero essere colpiti duramente.
      Vediamo se la tessera dei pdidioti funziona sempre

  21. # Peterpan

    Sequestrategli i macchinoni!

  22. # lino

    anni fa ricordo che anche la precedente Giunta fece uno spot dello stesso tenore sul perseguimento della morosità delle case popolari.
    Chi non paga lo fa perché è pienamente consapevole che tanto anche se gli notificheranno tutti gli avvisi legali, nessuno andrà mai a buttarlo fuori. In pratica il pagamento costituisce un’offerta libera, se uno vuole paga altrimenti può non pagare e non succederà niente. Avete mai sentito di sfratti eseguiti dalle case popolari?
    Non c’è la volontà politica di farlo, per nessun partito, anche perché poi chi ci rimette sono la generalità dei cittadini, non i politici stessi.

  23. # MACO

    Un debito di 12.435.864 euro fatto da 1.322 morosi, la media è 9.400 euro cadauno, sapendo il livello medio degli affitti in casa popolare, o da quanto tempo è che non pagano?? Già, ma la casa è un diritto, guai a parlare di doveri… Orgoglioso di non essere come questa gente

  24. # stefano

    sai quante famiglie che si rifiutano perfino di pagare 16€ di condominio e pulizia scale da anni….hai voglia di mettere cartelli in bacheca…figurati se pagano affitto, acqua e gas…pero c’hanno 3 macchine furgone della ditta, e giocano alle slot…

  25. # LucaZ

    Periodicamente, almeno una volta l’anno a memoria d’uomo, Casalp,(Ater-Iacp), insieme al Comune hanno pubblicato la situazione della morosita’ con tanto di minacce di sfratto ai morosi “colpevoli”.
    State sicuri morosi di tutti i tipi. Le amministrazioni cambiano ma si tratta sempre e solo di Grida Manzoniane. Cioe’ inapplicate.

    1. # enzo

      Perfetto mi hai anticipato,non faranno Niente

  26. # roberto

    la mia famiglia è fra quelle che devono rientrare e lo stiamo gia facendo……. da considerare che io sono disoccupato da 30 anni o poco piu, mia moglie è invalida civile con 290 euro di pensione al mese……….. paghiamo 50 euro , che non sembrano molte ma assommate alla bolletta luce acqua e condominio arrivano a 200 euro e il piano concordato è di 100 euro mensili……… bhe ragionate bene voi che avete case e stipendi (confrontati con il nostro reddito) sono da gente che vive meglio…………bhe ai signori che criticano (alcuni con ragione) provate voi a sopravvivere, per inciso noi non abbiamo sussudi ne andiamo alla caritas o come da me visto alla croce rossa (nascondendo il mercedes)

  27. # francesco

    E ci sono voluti due anni e mezzo per capire che devono pagare tutti?
    Peraltro il 90% dei morosi non paga perché non vuole.

  28. # adRIANO

    passate dagli edifici popolari a parte tante belle macchine parcheggiate in strada, ma avete visto quante parabole hanno sulle facciate e sui terrazzi…
    poi ci sono gli onesti che per pagare l’affitto magari saltano anche qualche pasto ma si contano sulle punte delle dita oramai è dilagato il fatto di ” non pagare tanto non ti fanno niente”

  29. # Figlio di Gianca

    Ciò il suvve e du case popolari, una della mi nonna a salviano , lo dico per gli invidiosi.,

  30. # FOX

    Facendo il conto della serva, e considedrando come 100 E l’affitto, questa gente è da 7 anni e 8 mesi che non paga. Scendendo nella realtà, dove gli affitti sono molto più bassi, vuol dire che tanta di questa gente è da 10/15 anni che non paga l’affitto (se non da più tempo). Assurdo

  31. # civicus

    chi non si può permettere di pagare un affitto di casa popolare 99% dei casi è perchè non lo vuole pagare.
    No sigarette, no telefonini, no bar, no parabola, ma un tetto sotto il quale stare.

  32. # giancarlo

    1322 morosi , ma quante case popolari ci son a Livorno ?