Cerca nel quotidiano:


Comune: cosa si può fare nel weekend. Regione: riaprire i negozi dal 11

E’ importantissimo ricordare che non sono consentiti assembramenti e che, anche se l’obiettivo non è quello di fare multe ma di veder rispettate le regole, i controlli da parte della polizia municipale saranno serrati, dal centro ai parchi aperti, al lungomare, così come nei negozi, dove le regole sono stringenti

Venerdì 8 Maggio 2020 — 19:47

Mediagallery

Il Comune di Livorno ha voluto ricordare ai cittadini tutte le azioni consentite in Toscana, e quindi anche nella nostra città, fino al 17 maggio. Ecco il lungo elenco chiarificatore su cosa è consentito e cosa no

Anche in questo fine settimana del 9 e 10 maggio (Regione: riaprire, in sicurezza, i negozi di vicinato dall’11 maggio) è necessario e obbligatorio mantenere le distanze di sicurezza e indossare la mascherina (nella foto, scattata il 15 marzo scorso durante il lockdown dal reparto operativo aeronavale della guardia di finanza, una veduta aerea della nostra città). Seppure con maggiore libertà di movimento, la polizia municipale ricorda che siamo ancora in una fase di emergenza da Coronavirus (la Fase 2) e non possiamo abbassare la guardia.
Sono molte di più rispetto alla Fase 1 le cose che possiamo fare e le ragioni per cui possiamo spostarci. E’ importantissimo però ricordare che non sono consentiti assembramenti e che, anche se l’obiettivo non è quello di fare multe ma di veder rispettate le regole, i controlli da parte della polizia municipale saranno serrati, dal centro ai parchi aperti, al lungomare, così come nei negozi, dove le regole sono stringenti (ingressi scaglionati, mascherine, distanziamento). Sono iniziati anche i controlli alle fermate dei bus per il rispetto dell’ordinanza n. 47 della Regione (obbligo sui mezzi pubblici di indossare le mascherine e di rispettare la distanza di almeno 1 metro dagli altri passeggeri e dal guidatore, raccomandati i guanti monouso). Si ricordano ora le cose che possiamo fare in Toscana (e a Livorno) ma, appunto, a distanza di sicurezza e con la mascherina.

Cosa si può fare in Toscana fino al 17 maggio 2020 

Spostamenti per incontrare i congiunti – Gli spostamenti per incontrare i propri congiunti sono consentiti e sono ricompresi tra gli spostamenti giustificati per necessità. Per congiunti si intendono  i coniugi, i partner conviventi, i partner delle unioni civili, le persone che sono legate da uno stabile legame affettivo, nonché i parenti fino al sesto grado (come, per esempio, i figli dei cugini tra loro) e gli affini fino al quarto grado (come, per esempio, i cugini del coniuge). Non è consentito incontrare gli amici.
È comunque fortemente raccomandato limitare al massimo gli incontri con persone non conviventi, poiché questo aumenta il rischio di contagio. In occasione di questi incontri devono essere rispettati: il divieto di assembramento, il distanziamento interpersonale di almeno un 1,80 mt e l’obbligo di usare le mascherine per la protezione delle vie respiratorie.

Spostamenti verso domicilio o residenza – Il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza in Toscana è consentito solo per coloro che hanno sul territorio regionale il proprio medico di medicina generale o il pediatra di famiglia. Non è dunque consentito il rientro in Toscana verso le seconde case utilizzate per vacanze.

Spostamenti verso altre proprietà o manufatti (seconde case, camper, roulotte, barche, capanni di caccia o pesca) – È consentito raggiungerli per le attività di manutenzione e riparazione necessarie per tutelare le condizioni di sicurezza e conservazione del bene. Lo spostamento potrà essere soloindividuale e limitato all’ambito del territorio regionale, con obbligo del rientro in giornata presso l’abitazione abituale.

Ristorazione a domicilio e asporto –Consentite da parte delle attività di somministrazione di alimenti e bevande e delle attività artigiane alimentari. Si raccomanda la previa ordinazione on-line o telefonica ed evitando assembramenti all’esterno e con la presenza nel locale di un cliente alla volta con divieto di consumo sul posto.

Accesso ai cimiteri – In base ad un’ordinanza del sindaco di Livorno, è consentito l’accesso ai cimiteri comunali della Cigna e Antignano nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno 1,80 mt e con il divieto di assembramenti.

Accesso ai parchi – Consentito l’accesso a Villa Fabbricotti, Villa Corridi e Parco Baden Powel rispettando la distanza interpersonale di almeno 1,80 metro pur mantenendo chiuse le aree gioco per bambini.

Acquisti fuori dal Comune – È consentito lo spostamento individuale per acquistare i prodotti di cui è ammessa la vendita, nell’ambito dei confini provinciali.

Attività sportive (anche in mare: pesca da riva, sup, windsurf, canoa) – Sono consentite in forma strettamente individuale sul territorio regionale, utilizzando per lo spostamento mezzi propri di trasporto e con l’obbligo del rientro in giornata presso l’abitazione abituale. È possibile l’accompagnamento da parte di una persona nel caso di minori o di persone non completamente autosufficienti. L’attività va svolta nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno 2 metri.

Attività motoria (passeggiate, bicicletta) – È consentita individualmente o anche con accompagnatore per minori e persone non autosufficienti, o da parte di residenti nella medesima abitazione, con partenza e rientro alla propria abitazione, senza uso di altri mezzi di trasporto. Nel caso di residenti nella medesima abitazione e di minori o persone non completamente autosufficienti accompagnati non è necessario mantenere le misure di distanziamento sociale.

Orti e silvicultura – È consentito lo spostamento individuale all’interno del territorio regionale per attività agricole amatoriali e selvicoltura alle seguenti condizioni: a) che la superficie agricola o forestale sia nel possesso del soggetto interessato; b) che lo,spostamento avvenga non più di una volta al giorno con obbligo di rientro in giornata presso l’abitazione abituale; c) che le attività siano limitate alla tutela delle delle produzioni vegetali e degli animali allevati. Per le attività selvicolturali lo spostamento è consentito per lo svolgimento delle operazioni di taglio ed esbosco.

Cavalli e cani (allenamento e addestramento) – È consentito ai proprietari di provvedere individualmente al loro allenamento e addestramento esclusivamente in maneggi o aree autorizzate per l’addestramento cani all’interno della regione, con obbligo di rientro in giornata presso la propria abitazione. Per la parte sportiva a cavallo vale quanto al punto 4.

Uscite in barca – L’uso di imbarcazioni per attività sportiva e per la pesca amatoriale è consentito ad un massimo di 2 persone con rientro all’ormeggio in giornata.

Toelettatura animali domestici – L’attività degli esercizi è consentita previa prenotazione e garantendo idonee misure di sicurezza anche per quanto attiene la consegna e il ritiro dell’animale.

Aziende agrituristiche – È consentita la somministrazione di alimenti e bevande alle medesime condizioni di cui al punto 10.

Calzature per bambini – È consentita la vendita sia all’interno di negozi specializzati in abbigliamento per bambini che nei negozi specializzati in calzature per bambini.

Distributori di carburante – È consentito agli impianti con la presenza del gestore di determinare liberamente l’orario del servizio derogando agli obblighi previsti in materia di presenza del gestore nelle fasce orarie di garanzia.

Manutenzione e rimessaggio imbarcazioni – Sono consentite le attività necessarie a garantire la filiera della manutenzione e rimessaggio delle imbarcazioni da diporto come ad esempio l’alaggio e lo spostamento dal cantiere all’ormeggio e viceversa.

Consultate anche le FAQ della Regione Toscana https://www.regione.toscana.it/-/faq-su-coronavirus

Vedi le ordinanze della Regione Toscana: https://www.regione.toscana.it/-/ordinanze-della-regione-toscana

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.