Cerca nel quotidiano:


Chiude definitivamente il Circolo Arci “Iosono141”

Marco Solimano commenta la saracinesca che si abbassa sul Circolo di via Terrazzini: "a scelta di dire basta deriva proprio dai familiari dello stesso Rispoli. Il tutto condito anche dalla sofferenza che molti circoli, non solo Arci, stanno attraversando a causa delle restrizioni dettate dalla pandemia ha determinato la chiusura definitiva"

Sabato 22 Maggio 2021 — 18:22

Mediagallery

Il commento di Buongiorno Livorno: "Siamo preoccupati per la tenuta del tessuto sociale cittadino. Il quartiere Garibaldi è attraversato da tensioni e problemi, la scomparsa di luoghi di aggregazione non ne facilita certo la soluzione"

Ha chiuso definitivamente il Circolo Arci “Iosono141” di via Terrazzini 31, circolo nato nel 2016 grazie alla forte volontà di Loris Rispoli (nella foto in pagina dietro al bancone del bar all’interno della struttura) e mandato avanti con amore, tenacia, passione e dedizione dallo stesso portavoce della lotta alla ricerca della verità attraverso le nebbie della tragedia della Moby Prince.
Una notizia che arriva secca e decisa e che viene confermata dallo stesso presidente dell’Arci Livorno, Marco Solimano. “Il circolo – spiega a QuiLivorno.it – è nato grazie a Loris ed era fortemente identitario, rappresentato dallo stesso Loris in tutto e per tutto. Era sua espressione ed espressione di un messaggio che noi come Arci non abbandoniamo di certo e che continuiamo a sposare nella lotta per la ricerca della verità. In questo momento in cui si sta riprendendo dal brutto malore che lo ha colpito ad inizio anno però, non ha più modo di poter dedicare le sue forze a mandare avanti questo punto di riferimento per il quartiere. La scelta di dire basta deriva proprio dai familiari dello stesso Rispoli. Il tutto condito anche dalla sofferenza che molti circoli, non solo Arci, stanno attraversando a causa delle restrizioni dettate dalla pandemia ha determinato la chiusura definitiva. La speranza è che sia soltanto un arrivederci e che, in un altro luogo, Loris Rispoli, una volta ripreso a dovere dal suo acciacco, possa continuare ciò che è stato oggi interrotto”.
A commentare questa notizia è il partito cittadino Buongiorno Livorno tramite un comunicato affidato alla loro pagina Facebook. “La chiusura del Circolo “Iosono141” è una brutta notizia, davvero. Il quartiere perde un presidio importante, un luogo di socialità e di memoria, dove il lavoro di Loris Rispoli rivolto alla ricerca di verità e giustizia per le vittime della strage del Moby Prince trovava una rappresentazione concreta. Il circolo chiude, come purtroppo molte altre attività simili – si legge nel comunicato di BL – per il lungo stop dovuto alla pandemia. Purtroppo le condizioni di Loris, reduce da un grave problema cardiaco avvenuto a febbraio, non gli permettono di approfittare delle progressive aperture che, nei prossimi mesi, creeranno una situazione più favorevole. Noi di Buongiorno Livorno ricordiamo la disponibilità di Loris nel concederci gli spazi del circolo per alcuni appuntamenti del nostro sportello sociale, nel 2017. Ricordiamo anche i numerosi appuntamenti lì tenutisi nell’ambito dei progetti di Chiamata alla Memoria di Effetto Collaterale, che in questi anni ha accompagnato e sostenuto l’Associazione #iosono141 nella sua battaglia”.

Buongiorno Livorno poi getta l’occhio al di là, verso il quartiere. “In generale, siamo preoccupati per la tenuta del tessuto sociale cittadino. Il quartiere Garibaldi è attraversato da tensioni e problemi, la scomparsa di luoghi di aggregazione non ne facilita certo la soluzione. Ci auguriamo che l’Amministrazione spinga forte nella direzione indicata dall’ultimo atto di indirizzo sulla partecipazione e sui futuri organismi di decentramento, approvato all’unanimità nel Consiglio Comunale del 20 maggio, che potrebbero favorire azioni rivolte all’ascolto dei bisogni per operare più incisivamente sui problemi. Buongiorno Livorno è pronta a fare la sua parte attiva e propositiva. In chiusura, auguriamo con tutto l’affetto possibile all’amico e compagno Loris di ristabilirsi e di tornare a lottare come e più di prima”.
Riproduzione riservata ©