Cerca nel quotidiano:


Chiude dopo 45 anni negozio di scarpe

Sabato 6 giugno sarà l'ultimo giorno di apertura dello storico esercizio commerciale del centro città. Il titolare: "Grazie a tutti ma era impossibile andare avanti"

Venerdì 5 Giugno 2020 — 15:47

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Furio Mantovani inaugurò il suo negozio il 30 agosto del 1975. A distanza di quasi mezzo secolo, all'età di 76 anni, la difficile ma obbligata scelta di spegnere definitivamente la vetrina del suo esercizio commerciale

Sei giorni prima il mito della motocicletta italiana, Giacomo Agostini, vince a Brno il suo quindicesimo titolo mondiale mentre il giorno stesso dell’inaugurazione, l’Agenzia Spaziale Europea lancia in orbita la sua prima sonda denominata Cos-B. Era un sabato quel 30 agosto del 1975 quando Furio Mantovani (nella foto) brindava sul marciapiede di via Cambini con amici, parenti e futuri clienti, all’apertura del suo negozio di calzature che, per 45 lunghi anni, è stato un vero e proprio punto di riferimento del commercio cittadino. Si accesero così le luci all’interno di “Cama’s”, vera e propria boutique della scarpa e della moda. Il nome del negozio, strano all’apparenza, altro non è che l’accostamento di due cognomi: Mantovani per l’appunto e quello dell’altro socio, il cugino Cabella, con l’aggiunta di un tocco anglofono che non guasta mai: quella esse finale preceduta dall’apostrofo tipico del genitivo sassone che indica appartenenza, come a ribadire: questo negozio è di Cabella e Mantovani: ed ecco dunque Ca-Ma’s. “Per i primi 4 anni ho lavorato a fianco di mio cugino – spiega il titolare Furio Mantovani a QuiLivorno.it – Poi sono andato da solo, portando avanti l’azienda con una commessa e insieme a mia moglie Paola (Galleni, ndr). Solo negli ultimi dieci anni anni a darmi una mano è subentrata anche mia figlia Serena”.
E dopo così tanto tempo la decisione sofferta di chiudere quella saracinesca che ogni giorno, con fatica, Furio, oggi uno splendido 76enne in piena forma che ne dimostra almeno dieci meno, ha alzato con tanta passione e dedizione. “E pensare che è nato tutto per caso, come  tutte le più belle cose – spiega – Ho giocato tanto a calcio, altra mia grande passione (Mantovani è anche un tifoso sfegatato dell’Inter, passione nerazzurra che non nasconde di certo, ndr) e nel 1972 giocavo a Pieve a Nievole. Mi ricordo che feci una doppietta nel derby di categoria contro il Montecatini e il presidente per premiarmi del gesto atletico che ci regalò la vittoria, mi dette in dono un quadro, una poltrona, un paio di stivaletti e un paio di scarpe. Mi ricordo che un amico mi vide indosso queste calzature che mi guadagnai grazie ai miei gol e mi chiese se potevo procurarle anche a lui. Da lì è iniziata la passione per questo lavoro e per le scarpe”.
A distanza di così tanto tempo però la decisione sofferta di chiudere e spegnere un’altra vetrina del centro città. “Era da un po’ che mi ronzava in testa questa idea. Lo scorso anno ho avuto un acciacco che mi ha fatto pensare al futuro. Oggi come oggi, per un’azienda a conduzione familiare, è sempre più difficile andare avanti. Se vi guardate in giro i negozi che ce la fanno sono sempre più quelli in franchising di grandi marchi. Se dispiace? Eccome… lascio un pezzo di cuore qui in via Cambini. Amici, negozianti, persone che tutti i giorni si affacciavano per dirmi magari un solo ciao. E’ un grosso dispiacere. Ma non avevo più alternative. Dopo gli anni d’oro del commercio dal 2008 la situazione è andata sempre più in declino. La crisi ha colpito tutti. Senza considerare che questo Coronavirus ci ha messo in ginocchio definitivamente. Se prima dell’emergenza sanitaria avevo solo una mezza idea di abbassare la saracinesca, questo lockdown ci ha fatto alzare definitivamente bandiera bianca. In un primo momento ho pensato anche di non riaprire più. Poi la voglia di salutare tutti i miei clienti è stata troppo più forte. Sabato 6 giugno sarà l’ultimo giorno di apertura. Chi vuole può passare a dirci ciao. Cosa farò? Mi dedicherò ai miei hobby e alle mie passioni. Qualche gabbionata? Perché no… magari con Massimiliano Allegri, per me Acciuga, amico di sempre, ai Bagni Lido. Vediamo… una cosa è certa: questo lavoro e questo negozio mi mancheranno davvero”.

Riproduzione riservata ©

12 commenti

 
  1. # PAOLO VACCARI

    ciao Furio, buona fortuna, bei tempi quando si facevano le gabbionate ai Lido, Paolo Vaccari

    1. # Federica

      Abito vicino al negozio e ogni giorno, passo davanti alle vetrine. Mi dispiacerà non potermi più fermare a guardare le vostre belle scarpe. Ne ho comprate diverse da voi e mi sono trovata bene. Grazie di tutto e buona fortuna.

  2. # Emiliano

    Quante gabbionate ci aspettano ora, magari le scarpe non fischieranno più in seguito ad uno scatto però i piedi sono sempre quelli. Faremo Borgo a Buggiano contro il resto dei Lido 😂😂😂😂

  3. # Andrea

    Grande Furio e ora il Dodo quando non lavora dove va… 😂😂😂❤️❤️❤️❤️

  4. # Carlo Mazzi

    Quando finisce una storia qualunque essa sia c è sempre una grande sofferenza perché comunque è un pezzo di vita che ci lascia con tutti i suoi ricordi. Purtroppo un’altra vittima come tanti altri commercianti di un Italia dove vieni dissanguato dalle tasse. SURSUM CORDA.

    1. # Alessandro

      Ma forse dopo 45 anni si vorrà anche riposare.
      Se no chi ha una busta paga smette di lavora dopo 2 mesi.

    2. # lidio

      Ora che i commercianti siano le vittime sacrificali del fisco italiano mi pare un po’ esagerato e leggermente opinabile….

      1. # frabarzz

        mai provato a fare il commerciante?

  5. # Patrizia

    Sono stata una cliente molto affezionata, per me questo negozio di scarpe era uno dei più belli di Livorno, non è mai passato un anno che non avessi comprato da Paola, un paio di scarpe, una borsa, una cintura… qualità e onestà..
    Mi ricordo ancora, ero piccola e andavo in negozio con i miei genitori perché lavorava da loro mia cugina Laura…
    Un saluto a tutti voi .

    1. # Davide

      Ma tutte le volte che chiude un negozio sempre i soliti commenti della concorrenza, del fisco e della crisi. Chiude perche’ a 76 anni ha diritto ad andarsene in pensione e gli avviamenti (salvo casi particolari) non hanno piu’ valore per essere rilevati da altri. Aprira’ qualcun altro che con buona volontà e nuove idee cercherà di costruire il suo nuovo commercio. Forse molti di voi sono rimasti all’era di quando aprivi il negozietto, vendevi solo tu um certo genere di cose e facevi i tuoi soldini magari curando anche poco il cliente. Da qui l’abitudine del “buongiorno e buonasera” spesso mancante nei negozi di Livorno…il commercio e’ cambiato, sveglia.

  6. # Virgilio

    Le botteghe così è normale che chiudano. Ormai anche il comparto scarpe è in mano alle multinazionali. Anche in via Ricasoli fondi commerciali vuoti….è finita. Anche internet ha levato parecchio lavoro ai negozi

  7. # SARA

    Sono stata una cliente !Buona fortuna