Cerca nel quotidiano:


Chiude la scuola materna a Montenero

Don Luca: "Ho sperato fino in fondo di salvare la scuola". Il personale, due maestre, una cuoca e due operatrici, in cassa integrazione. Le famiglie: "Ogni quartiere ha un asilo o scuola. Il Comune ci aiuti"

martedì 25 Giugno 2019 17:20

Mediagallery

Chiude la scuola materna “Salvo D’Acquisto”, in via del Poggio a Montenero Alto. Aperta il 23 settembre 2013 – in onore dell’anniversario di morte del carabiniere-eroe che durante la seconda guerra mondiale sacrificò la sua vita per salvare quella di 22 innocenti – per la struttura parrocchiale parificata di proprietà della congregazione vallombrosana quello di venerdì 28 giugno 2019 sarà l’ultimo giorno di attività. Lo conferma Don Luca, parroco della chiesa del Santuario nonché direttore della scuola, contattato telefonicamente da Quilivorno.it: “Chiude – spiega – perché con i pochi bambini che abbiamo non possiamo pagare le maestre e il personale ausiliario. Per cui con grande dolore dobbiamo chiudere. Nessuno ha voluto aiutarci. Da gennaio 2019 erano in corso varie trattative con enti religiosi e cooperative ma abbiamo avuto solo recentemente le risposte definitive. Tutte negative. Ho sperato fino in fondo di salvare la scuola ma non ci sono riuscito. Anche perché è grande il deficit economico accumulato di anno in anno”. Al posto dell’asilo entrerà la diocesi di Livorno per le attività pastorali e caritative. Il personale, due maestre, una cuoca e due operatrici, andrà in cassa integrazione.
La chiusura rappresenta un problema di non poco conto anche per le famiglie dei bambini in vista dell’anno scolastico 2019-20. “Ogni quartiere ha un asilo o scuola – spiega Andrea, uno dei genitori – Speriamo in un aiuto da parte del Comune. Anche perché ormai non possiamo più partecipare al bando di gennaio, ormai passato, per un posto statale”. Le strutture più vicine, al momento, sono distribuite fra Leccia e Ardenza.

Riproduzione riservata ©

14 commenti

 
  1. # viva fidel

    scuola pubblica e gratuita per tutti

  2. # Lanzasolo

    Perché cassa integrazione? Il personale non fa parte del mondo della scuola al lavoro dopo assunzioni pubbliche e concorsi??

  3. # fabio palandri

    purtroppo è uno degli effetti dovuti alla trasformazione del quartiere in puro e semplice dormitorio, quando una volta era invece un paese autonomo anche per i servizi adesso inesistenti. Serve un progetto MONTENERO.

    1. # FABIO

      quindi:
      1-togliamo le macchine ai residenti e i mezzi pubblici per andare a montenero
      2-obblighiamo la gente a fare figlioli..

      inutile….
      E’ la stessa cosa che succede ovunque.

      1. # Andrea

        Il comune può fare convenzioni con gli asili privati.Avevano aperto questo asilo solo perchè quello comunale ha chiuso per problemi alla struttura.Il Sindaco si dovrebbe impegnare a riaprire quella struttura abbandonata o fare convenzioni con l’asilo della parrocchia.

        1. # FABIO

          forse non è chiaro che tenere aperte attività in perdita con pochi utenti è un danno per tutti.. poi chi paga? immagino quando ti aumentano le tasse cosa fai..

  4. # Gran Turco

    SPERIAMO CHE IL PRIMO CITTADINO, SEMPRE SORRIDENTE, INTERVENGA
    PER FAR RESTARE APERTA QUESTA SCUOALA.

    1. # LUCA

      Cosa c’entra il primo cittadino?…qui si parla di un asilo di proprietà della parrocchia…e poi se non nascono più figlioli che si fa?…si tiene aperta una struttura per due bimbi?…e le maestre e i custodi con cosa li paghi…con du polli e sei ova?… siamo ancora alla rosichite….

      1. # Babbocacco

        Giusto Luca…..confermo. come rosicano.

    2. # Piero

      Scusi sig. Turco, non so se ha letto bene, ma la struttura è della diocesi, NON è del comune.
      cosa ci combina il Sindaco? Piuttosto lo chieda al Vescovo.

  5. # PirataTirreno

    Scuola privata, fondi privati. Eventualmente il comune può intervenire per una scuola comunale (che mi sembra di capire sia necessaria). Attendiamo di vedere la soluzione del comune a questo problema.

  6. # PirataTirreno

    Ora vedremo i sindacati che faranno per i lavoratori in cassa integrazione, ma forse non ne parleranno neanche visto che sono dipendenti della Curia/chiesa.

    1. # Babbocacco

      Sempre a pensare male…ma finiremo di fare commenti di parte e riusciremo un giorno ad essere positivi e fiduciosi …e magari a dare consigli,se ne abbiamo,perchè i problemi si risolvano e non si creino…..a prescindere ….cominciamo

  7. # Emme

    Chiediamo al Vescovo perché spende i soldi in altre attività: 2 mil di euro per la nuova chiesa magrignano o per l aula mariana divenuta di propria gestione invece che per la scuola. Evidentemente delle persone che perdono lavoro non gli interessa gran chè!!#

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.