Cerca nel quotidiano:


Chiude storico bar dopo 36 anni di attività

Il famoso bar "Oasi" chiude i battenti. Giovedì 11 febbraio è stato l'ultimo giorno di attività. Il titolare Stefano Faccin: "Ci mancheranno tanto i nostri clienti. A loro va il nostro più grande grazie per averci accompagnato con affetto in tutti questi anni"

Venerdì 12 Febbraio 2021 — 19:38

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Da lunedì 15 febbraio la baracchina prenderà una nuova vita e inizieranno ufficialmente i lavori per trasformarla in una risto-pescheria che assumerà personale

Era il 1985 quando Stefano Faccin e sua sorella Patrizia decisero di dare il nome “Oasi” a quel bar a due passi dall’azzurro del mare, tra Il Pensatore e il moletto d’Ardenza. Il bar Oasi divenne presto, ed è stato fino ad oggi, un punto di riferimento per i tantissimi che ogni giorno, specialmente d’estate, passavano da quelle parti o per chi voleva prendere un caffè e un “pezzo” in attesa dell’autobus visto che la fermata era proprio a due passi dall’ingresso del locale. L’ultima, storica, baracchina rimasta sul lungomare labronico, corredata nel tempo anche di un’edicola che, proprio poco tempo fa, aveva deciso di anticipare la decisione dei fratelli Faccin chiudendo l’attività.
Dopo 36 anni di onorato servizio Stefano e Patrizia hanno quindi deciso di abbassare la saracinesca in maniera definitiva. “Colpa del Covid? No, assolutamente. La pandemia ha soltanto ritardato di un anno la scelta di dire stop. Alla fine abbiamo dato tanto, questo lavoro assorbe tantissimo ed è totalizzante. Abbiamo deciso di dire basta dopo 36 anni. Va bene così”.
Da lunedì poi la baracchina prenderà una nuova vita e inizieranno ufficialmente i lavori per trasformarla in una risto-pescheria che assumerà personale. “I nostri dipendenti saranno assunti dalla proprietà del ristorante e questa è la cosa che ci premeva di più. Che dire? Questi ultimi giorni sono stati emotivamente pesanti – spiega Stefano Faccin – In tanti, tantissimi, sono venuti a salutarci per dirci un ultimo ciao e questo ci ha riempito il cuore di gioia e malinconia. Ci mancheranno tanto i nostri clienti. A loro va il nostro più grande grazie per averci accompagnato con affetto in tutti questi anni”.

Riproduzione riservata ©