Cerca nel quotidiano:


Ciampi torna nella sua città.
L’abbraccio di Livorno

Passaggio della carovana davanti al Comune alle 15.43 del 19 settembre. Poi il giro per le vie del centro e sul lungomare con l'arrivo al cimitero della Misericordia. Code in Prefettura per apporre la propria firma nel registro delle condoglianze

Lunedì 19 Settembre 2016 — 16:42

Mediagallery

Il 19 settembre è stato il giorno dei funerali di Carlo Azeglio Ciampi (in fondo all’articolo le fotogallery di Simone Lanari della coda in prefettura per firmare il registro delle condoglianze e dell’arrivo del corteo funebre in Comune. Clicca qui per la diretta Fb) e del suo ritorno a casa. Dopo le celebrazioni a Roma, avvenute alle 10,30 nella chiesa di San Saturnino, il feretro è arrivato in città nel primo pomeriggio e alle 15.43, dopo aver percorso viale Carducci-piazza della Repubblica e via degli Avvalorati, è passato davanti al Comune dove ad attenderlo c’erano circa 200 persone. Schierati sotto la scalinata di Palazzo Civico i volontari dell’Svs che hanno esposto uno striscione che recitava una bella frase del presidente emerito sul tema del sociale. Al passaggio della carovana, scortata davanti e dietro dalla polizia e dai motociclisti della municipale, un applauso ha rotto il silenzio e le ambulanze dell’Svs hanno acceso le sirene per il loro personale saluto. Il corteo, senza mai fermarsi, alla rotatoria ha poi svoltato in piazza Grande dove ha proseguito in via Cairoli e via Marradi, direzione lungomare. Intorno alle 16, la salma è arrivata al cimitero della Misericordia (guarda qui la nostra diretta fb) dove Ciampi è stato seppellito nella cappella di famiglia. Anche qui un lungo applauso ha accompagnato il passaggio del carro funebre. Tra i presenti, almeno altri 200 cittadini al di là delle transenne, anche il sindaco Nogarin e il vescovo Giusti. Code in Prefettura per apporre la propria firma nel registro delle condoglianze. Il registro sarà disponibile fino alle ore 20 di lunedì 19 settembre.

Gli auguri del presidente a Quilivorno.it – Si è spento all’età di 95 anni Carlo Azeglio Ciampi, livornese e decimo presidente della Repubblica italiana dal 1999 al 2006 e presidente della Banca d’Italia per ben 14 anni (dal 1979 al 1993).
Il nostro concittadino è morto in una clinica romana. Ciampi era nato a Livorno nel 1920 e il 20 dicembre avrebbe compiuto 96 anni. Fu proprio il presidente Emerito a inviare alla neonata redazione di Quilivorno.it gli auguri per un futuro radioso complimentandosi per il coraggio editoriale dimostrato dai due giovani fondatori Michelangelo Sarti e Giacomo Niccolini nell’aprile del 2011.

IL PRESIDENTE CIAMPI CON L'ALLORA SINDACO DI LIVORNO, LAMBERTI

IL PRESIDENTE CIAMPI CON L’ALLORA SINDACO DI LIVORNO, LAMBERTI

Una lettera che viene conservata ancora oggi gelosamente all’interno della nostra redazione di via dell’Artigianato, ed esposta con tanto di foto di Carlo Azeglio Ciampi sopra la scrivania del direttore, in ricordo di un concittadino illustre che ha portato in alto il nome della nostra città.
Da sempre innamorato della sua Livorno, Ciampi quando ha potuto non ha mai disdegnato una visita in quella che è la sua città natale. Memorabile anche la sua comparsa allo stadio Picchi in occasione del ritorno in A degli amaranto. Seduto accanto a Spinelli, vide purtroppo il Livorno soccombere 2-1 per mano del Chievo.

 

Riproduzione riservata ©

87 commenti

 
  1. # andrea

    onore ad un grande presidente.

  2. # Irbicchiero

    Quante città possono vantare un presidente della Repubblica magari anche più grandi e con storia più della nostra… che la terra sia lieve e amaranto

    1. # mel

      Napoli ( 3 pres) – Sassari ( 2 pres ) – Cuneo ( 1 pres) – Pontedera (1 pres) – Torino (1 pres) – Savona (1 pres) – Novara (1 pres) – Palermo ( 1 pres). Livorno (2 pres, ovvero Ciampi e Protti )

      1. # Franco

        Invece di fare le condoglianze alla famiglia di un grande uomo ci metti dentro il pallone. Ma che c’ entra Protti? Io mi chiedo alla redazione se è possibile non pubblicare certi commenti! Da cittadino livornese ed italiano mi sento offeso!
        Sentite condoglianze alla famiglia e a tutta Livorno per la perdita del nostro Unico e grande presidente.

  3. # Cicci

    È stato un grande livornese è un grande uomo! Ciao Presidente non ti dimenticheremo.
    Sei il nonno di tutti noi.

  4. # Raffaello

    Sincere condoglianze alla famiglia, per un Illustrissimo e perbene uomo livornese che ci lascia.

  5. # Uccio

    Ci ha portato nell’euro e ho detto tutto!

    1. # orso

      Siamo in due a pensarla cosi’.

      1. # StefanoL

        In tre.

        1. # Standardenpuurs

          In quattro.

          1. # adriana

            in sei

          2. # quintilio

            Anch’io nutro dei dubbi, che è brutto dire davanti ad un feretro, ma l’esame che ho fatto io dovrebbero farlo anche chi si spertica….ma si sa i necrologi …. demagogia

          3. # Renegade

            in tantissimi

      2. # al dolce

        Invece se l’Italia non avesse aderito e magari anche uscita dalla Comunità Europea diventando in paese extracomunitario con una lira dello stesso valore di un rotolo di carta igienica scottex , sicuramente le cose sarebbero migliori. Nel mondo vogliono essere pagati in dollari o euro, non con carta straccia.

        1. # alberto

          Anche la Svizzera è exstra comunitaria come la Norvegia, la Gran Bretagna, e non mi sembra che siano alla canna del gas.

          1. # Chubby66

            Forse non si ricorda l’ inflazione a due cifre (stile terzo mondo, in questo periodo ce l’ha il venezuela che e’ alle pentole per strada) pre Ciampi, andai a chiedere un mutuo per una casa e volevano il 13% di interessi sul fisso , meno male non lo presi e lo presi qualche anno piu’ tardi in epoca Ciampi al 4%. Non si ricorda che eravamo alla canna del gas, che Amato in una notte levo’ i soldi dai conti bancari di tutti gli Italiani. Il cambio con l’euro e’ stata una sventura, se fossero state 1000 lire invece di 1936,27 , concordo sarebbe stato un altro mondo, ma erano i cambi di allora per prendere un dollaro ci volevano quasi 2000 lire.

          2. # morgiano

            Svizzera=Banche di Deposito e relativo segreto; Norvegia = 5 milioni di persone che nuotano nel Petrolio, G.B.=Petrolio del mare del nord, Commonwealth e Banche di affari piene di petrodollari. Noi 60 Milioni con nessuna risorsa primaria, se pensate di competere nell’economia globale DA SOLI, vendendo la mozzarella di bufala, i vestiti firmati e… pane, amore e fantasia, siete semplicemente fuori!

          3. # elit

            Te confondi il profumo n.5 di Chanel con il cavolo strasciato!

          4. # Max

            Senti questo qui !!!!! Paragona l’Italia alla Svizzera , Norvegia e alla Gran Bretagna ..spero che tu stia scherzando …per te lo dico ! La Svizzera che è la Banca del mondo , la Norvegia che ha giacimenti enormi di idrocarburi petrolio etc e sopratutto non hanno debito pubblico ..la gran Bretagna e la sterlina nin se ne parla nemmeno …..mi auguro appunto che tu scherzi !!

          5. # alberto

            Quello che dice relativamente alle nazioni citate e ai tassi è corretto, per il resto mi permetto di obiettare : l’Italia ha 60 milioni di abitanti non produciamo solo mozzarelle e abiti di qualità , che falsificano in giro per il mondo, ma abbiamo una produzione agricola di alta qualità come i cento e cento formaggi tutti eccezzionali, vini di alto pregio, pasta lavorati del pomodoro ecc.ecc., abbiamo anche una manifattura delle pelli e del cuoio unica, una metalmeccanica di alto livello, come la farmaceutica , produciamo mezzi di trasporto che anno migliorato molto in qualità con eccellenze come Ferrari ed altre, per non parlare del turismo del divertimento e storico che è unico per cultura, potrei continuare con la grande e piccola nautica e gli accessori e se fa mente locale si accorge che ne hò dimenticate tante altre. Ci manca per poter valorizzare tutto ciò una magistratura efficiente, un costo del lavoro decente, una burocrazia che aiuti il paese anziché mettergli piombo sulle ali, Detto questo per dire che va bene l’Europa ma se questa non ci è congeniale potremmo anche prendere altre strade. Si ricordi che siamo 60 milioni ni centinaia di milioni di persone.

      3. # steve

        in sette!! sentite condoglianze e onore, ma noi siamo finiti nel fango… grazie euro!

    2. # fabio

      è vero ma gli italiani hanno la memoria corta, noi livornesi poi, ancora di più ……

    3. # Amaranto

      E devi essere un analista finanziario !!

      1. # orso

        Io no ,amaranto .Guardo solo come si vìveva prima dell’euro e come si vive ora.Meno male ci sono quelli come te ,consulente della borsa di Francoforte immagino…

        1. # Amaranto

          Anche io vivevo meglio prima, ma pensare che gli altri paesi continuassero a prestarsi soldi solo perche’ ci si chiama Italia, francamente e’ da illusi.

          1. # Pino

            Non sono glia altri paesi che prestano i soldi, ma sono i ricchi banchieri che non hanno patria!! Svegliati!!

      2. # al dolce

        Diciamo che una leggera esperienza di finanza internazionale e di agenzie di rating qualcosa riesco a capire

    4. # Silvio36

      E se non eravamo nell’Euro saremo stati un paese del terzo mondo….affermazione semplicemente gratuita….

    5. # Ivano

      In cinque

    6. # Alla Frutta

      Boia de come siete ganzi. Siete riusciti a far polemica anche davanti ad una persona defunta. Euro o non euro non ha ammazzato nessuno e anche se ha traghettato l’italia nell’euro (che comunque e farina del sacco Prodi) l’ha fatto soltanto perché voleva far del bene al nostro paese e non farle del male. Poi magarj ora votate Renzi Grillo o salvini. Ma smettetela e portate rispetto ad un uomo perbene.

      1. # orso

        @allafrutta
        Scusa ma non e’ questione di fare polemica.Semplicemente davanti ad elogi sperticati all’operato politico ed economico di Ciampi si puo’ esprimere tranquillamente un’opinione diversa.
        E’ un parere sul Ciampi politico,non mi sembra nessuno abbia offeso l’uomo .
        E ci mancherebbe altro ,ci tengo ad aggiungere.

    7. # Malizioso Troll

      Il problema non è l’euro ma i governanti incapaci (Berlusconi e Tremonti) che erano in carica il 1° gennaio 2002 e che non hanno assolutamente governato la transizione dalla vecchia alla nuova valuta, lasciando che in tanti approfittassero del cambio per mettere in funzione il giochetto “10.000 lire-10 euro”. In Germania, dove il cambio marco-euro era in una condizione simile a quello della lira (1 marco valeva 991 lire) non hanno fatto “10 marchi=10 euro”. Quindi non date la colpa a chi non ce l’ha. E pensate che petrolio e materie prime si pagano in dollari e se tornassimo alla lira tutto questo costerebbe sempre di più, perché la nostra è un’economia di trasformazione. Non potremmo mai essere competitivi. Usate le vostre energie non per rimpiangere i bei tempi del debito pubblico stratosferico, ma piuttosto per pretendere che quando il petrolio diminuisce di prezzo anche i carburanti alla pompa devono costare meno.

      1. # orso

        Di fronte ai tuoi interventi mi viene una sola curiosita’ ?perche’ aggiungere “malizioso” ?

      2. # Pino

        Ti dimentichi la mega speculazione e conseguente crollo della lira a cui seguì una mega manovra finanziaria e il prelievo forzoso dai conti correnti.Anno 1992 : chi c’era a gestire questa situazione? Aggiorna la tua memoria a prima del 2002 poi si può discutere delle speculazioni successive

  6. # Antonio Caprai

    Quando una persona ci lascia è sempre un dolore per qualcuno. Credo che il Presidente Ciampi lasci davvero un paese, nella sua maggioranza, nel dolore; specialmente la Sua LIVORNO che ha sempre amato. Addio Presidente.

  7. # Libero

    Un Presidente veramente obiettivo e politicamente equidistante come pochi!!!

  8. # Lorenzo65

    Non omnia moriatur.. non morirò del tutto… diceva il poeta latino Orazio, riferendosi all’eternità della sua poesia, dopo la morte del poeta. Lo stesso si potrebbe dire dei vitalizi dei politici e degli uomini di stato che continuiamo a pagare ai parenti, dopo la loro morte.

    1. # StefanoL

      Condivido.

  9. # Libero

    Un Presidente veramente obiettivo e politicamente equidistante, come pochi!

    1. # quintilio

      sei sicuro sicuro

  10. # pippo

    governatore della Banca d’Italia… non presidente…

  11. # Ricca

    Grande uomo, ad esempio per molti!

  12. # basta ipocrisia

    Alla famiglia vanno le mie più sentite condoglianze, ma basta con l’ipocrisia che i morti quando sono morti sono tutti bravi da elogiare ecc….se oggi non siamo quinta potenza economica c’è molto delle sue scelte (separazione tra Banca D’Italia e Ministero Del Tesoro,ingresso dell’Italia nello SME) per cui condoglianze alla famiglia ma evitiamo i toni da grande uomo.

    1. # mario di borgo

      Parlare a questo modo di uno dei piu’ grandi personaggi che hanno fatto la storia dell’Italia e’ particolarmente offensivo e decisamente fuori luogo, a lui dobbiamo il nostro ingresso tra i Paesi Grandi, altrimenti relegati nelle Cenerentole dell’Europa, un passaggio nella Storia economica non farebbe certo male….Ho avuto il piacere di conoscerlo ed il suo tratto semplice e signorile rimarra’ per sempre integro nei migliori ricordi della mia Vita.

      1. # orso

        Non e’ offensivo Mario,e’ un parere diverso dal tuo sulle scelte politiche ed economiche di un uomo politico scomparso.Io la penso alla stessa maniera,e come noi tantissimi altri.Per te e’ stato un grande uomo politico,per me assolutamente no.
        La persona non la conoscevo,non posso certo darne un giudizio.

      2. # ackab

        saremo tra i grandi paesi – sic- ma con la mia pensione di 1.600.00 lire vivevo e qualcosa risparmiavo, con poco più di 800,00 euro vado avanti con enormi sacrifici, per fortuna, quando la sera bevo il caffe e latte con il pane avanzato mi consolo che siamo tra i grandi paesi!

      3. # Pino

        Mario ma quali canali prendi in borgo? Mi sa che te guardi solo TeleRenzi ! Buon per te

  13. # LabroniDOC

    Orgoglio di Livorno. Buon viaggio Presidente.

  14. # Luna

    Addio ad un grande uomo!che i tuoi insegnamenti, i tuoi ideali e la tua umilta, restino tesoro per questa e per le future generazioni!Grazie Carlo!

  15. # StefanoL

    Politicamente parlando quindi era lontanissimo da quello era l’interesse dei cittadini… io sono Livornese ma, sono obiettivo! Comunque, R.I.P.

  16. # Democrazia

    Io sto con Salvini. E molti altri. Ma c’è la censura. Questa è democrazia ?

    1. # viva fidel

      Salvini, democrazia? Accostamento veramente bizzarro!!

  17. # Saverio

    Come se bastassero autorevolezza, integrità’ morale e un sacco di altre belle qualità’, che sicuramente non Gli mancavano, per essere considerati salvatori della patria. No, non e’ sufficiente a mio modesto parere, servono anche scelte politiche ed economiche responsabili, se si e’ Pres. della Repubblica. Io oggi non mi unisco al coro di quanti piangono il Presidente Ciampi. Solo vostro, non mio. Addio Presidente, non mancherai sicuramente alle tante generazioni che adesso grazie alle tua scelta di svendere la nostra sovranità’ monetaria sono adesso ridotti al disastro. Un livornese.

    1. # Mario di Borgo

      Parole veramente vergognose pleonastiche e prive di ogni fondamento….il suo autorevole intervento sull’Europa ci ha fatto entrare tra i Grandi Paesi del continente….le parole dei soliti populisti saranno inascoltate ai molti, il futuro della città non sarà gestito da loro…!!!!!!….competenze e dialettica istituzionale non si inventano.

      1. # orso

        Purtroppo Mario i Grandi Paesi sono altri,e adesso grazie a chi ci ha portato nell’euro noi siamo solo un paese servo(senza maiuscole)dei Grandi Paesi cui abbiamo fato fare un sacco di soldi …
        Ed e’ troppo facile dare del “populista” a chi vive nel mondo reale ,senza pensioni da funzionario o da boiardo di stato.

      2. # basta ipocrisia

        Ti dò un consiglio prima di commentare leggi cosa dicono 2 economisti premi Nobel come Stigliz e Krugman sulle scelte operate al momento della creazione dell’Euro, scelta voluta e sostenuta da Ciampi, se i giovani non hanno futuro lo dobbiamo alle scelte di Ciampi e company, questo non è populismo ma semplice informazione alla portata di tutti quelli che vogliono capire perchè un paese che era florido come l’Italia oggi è alla fame.

        1. # silvio36

          E con il movimento 5 stelle….sarebbe la bancarotta…!!!….Ciampi Europeista M5S populista del non fare….contro tutti e tutto….

          1. # orso

            @silvio36 concordo con te sulla bancarotta nella sciagurata ipotesi del 5s al potere.Ma francamente non vedo cosa c’entri sul giudizio del politico (non dell’uomo)Ciampi.

  18. # Virgilio

    Per Livorno città non ha fatto niente…questa l’unica cosa che nessuno ha detto…per il resto…un presidente come altri…cmq condoglianze alla famiglia

    1. # mario di borgo

      Ma cosa vi aspettate un Presidente fedele ai soli interessi della città…???…e’ stato il Presidente di tutti gli Italiani e ci ha fatto riscoprire l’orgoglio nel Tricolore e l’Amore di Patria. Onore al Presidente da parte di tutti i livornesi….da considerarsi tali…!!!….il dovere di servizio e’ stato per tutti gli Italiani, livornesi compresi, servitore delle istituzioni intimizzandone la comprensione.

  19. # Amaranto

    Domani sui campi di calcio sarà osservato un minuto di raccoglimento per onorare la memoria del presidente Ciampi. Mi auguro che proprio a Livorno, sua città natale, non ci siano contestazioni. Non aggiungo altro.

  20. # sax

    Per prima cosa condoglianza alla famiglia. Cmq per Livorno non ha fatto, artefice del disastro euro, a me non mancherà.

  21. # Andrea Lotti

    Una grande persona! Ha avuto l’umiltà di capire i limiti della livornesità e li ha curati andando a studiare a Pisa. L’impegno e la volontà hanno fatto il resto.

  22. # Luna

    Arrivederci Carlo!Grazie di tutto, dei tuoi valori, della tua lealtà, del tuo impegno per l’europa e per l’Italia intera, che siano monito per le generazioni future!

    1. # orso

      Grazie dell’euro …
      e anche l’impegno mi sembra sia stato piuttosto ben retribuito coi soldi delle nostre tasse…

  23. # Andrea

    Mia che sta dicendo !?!?come si permette di dire che ha avuto l’umiltà di capire i limiti della Livornesità?!? Le ricordo che LIVORNO eccelle in tutti i campi! Ha eccellenze nello sport fino a livello olimpionico, nella musica, nel calcio con allenatori e giocatori di livello internazionale, nel cinema ecc ecc… Le sarebbe piaciuto che il nostro carissimo concittadino fosse della contadina Pisa ma purtroppo così non è…

  24. # Dav

    É bene e giusto che sappia che Il Dott Carlo Azeglio Ciampi LIVORNESE DOC e DOP ha SEMPRE detto: ” SON LIVORNESE E ME NE VANTO …”.. NON credo ASSOLUTAMENTE pertanto avesse CAPITO i limiti della LIVORNESITÀ che che invece amava proprio così…

  25. # Sabrina

    Ma è’ vero che aveva una pensione di 53000 euro al mese che ora passerà alla moglie? Comunque condoglianze

  26. # Checchino Eta

    Un grande uomo, un buon Presidente come ce ne sono stati pochi, a parte Pertini. Un antifascista, un partigiano, un grande patriota, un letterato, un economista, un Europeista convinto al quale però, leggendo un po’ di biografia, sono sicuro non piacesse questa Europa della Merkel e della Germania. Personalmente sono orgoglioso di aver avuto un concittadino come Lui. R.I.P.

  27. # GARGAMELLA

    CIAMPI ha fatto parte anche di quel gruppo di tecnici e politici che l’Italia la disfò, inseguendo la chimera europeista. È stato lui infatti, insieme a Prodi, a gestire l’entrata dell’Italia nell’Euro accettando condizioni da strozzini sul cambio Lira-Euro imposte dalla Germania. Fu quello infatti l’inizio di tutti i problemi che, a distanza di sedici anni, ancora ci troviamo a scontare. Non si è mai pentito, Carlo Azeglio Ciampi, di quella sciagurata scelta. Sbagliò visione e previsione.

  28. # Roberto

    Un Grande UOMO che ha saputo non mischiare la politica nella Sua Presidenza.
    Un Presidente che era per tutti un parente stretto, quasi di famiglia.
    Un caro ed affettuoso saluto.
    ADDIO Carlo Azeglio

  29. # Annet

    Condoglianze a famiglia!
    …per i commenti insulsi: paragoni lira euro sono assurdi sono passati 14 anni….dall’entrata dell’euro…il costo della vita cresce comunque indipendentemente dall’euro o dalla lira….provate a paragonare cosa compravate con la lira nel 2000 con quello che compravate nel 1986 con le stesse lire…

  30. # Luca

    Rispetto e cordoglio per la morte di un uomo. Non è tuttavia possibile dimenticare i sessantamila miliardi bruciati nel 1992/1993 per l’inutile difesa della lira proprio per decisione dell’estinto allora governatore di Banca d’Italia e dei sigg.ri Draghi e Amato, rispettivamente direttore gen. del Tesoro e presidente del Consiglio ( Si può dire che nostri guai sono iniziati proprio da lì).

  31. # artemiobriao

    Io sono orgoglioso di essere LIVORNESE per persone come CIAMPI una persona vera che mi è rimasta nel cuore per il modo di come ha svolto il ruolo di PRESIDENTE, presidente di tutti. per quanto riguarda le scelte politiche nn è certo colpa sua se l’euro ci ha messo in ginocchio ma di chi ha approffittato per raddoppiare i prezzi facendo 1000 lire = 1 euro, i corrotti che ancora oggi si mangiano l’Italia e tutti i lamentosi che aspettano la manna dal cielo

  32. # Andrea

    In 50 anni che respiro ho conosciuto solo due GRANDi P.D.R che hanno rappresentato la Nazione : Pertini e Ciampi.
    Non li scorderò mai.

    1. # orso

      Ciampi nemmeno io,me lo ricordo tutte le volte che si parla del danno fatto con l’euro.
      Emblematica la foto del brindisi con un altro “Grande”,Prodi.

  33. # martinista

    S deve guardare oltre le apparenze.Il mondo non è quello dipinto dalle televisioni o dai giornali.

    1. # Di Sangro

      Chi, Martinez de Pasquallis? Comunque hai ragione.

  34. # Sergio

    Onore ad un personaggio profondamente onesto!
    Condoglianze alla famiglia

  35. # marione

    Gli interessi generali cari miei prevalgono di fronte a quelli degli ingrati, privi di dialettica culturale politica e sociale, ormai emarginati dall’ appartenenza livornese.

  36. # Gao

    Prendete esempio da Ciampi. Civilizzatevi a Pisa

  37. # irene

    vorrei sapere perche il mio intervento viene cancellato sempre

    1. # Aldo

      Perché non è favorevole allo status quo o all’amministrazione. Un quotidiano che ha tra i clienti finanziatori il comune come fa a pubblicare commenti scomodi

  38. # dilvo

    E’ vero ogni tanto i commenti vengono cancellati….ora mi ripeto:
    Sincere condoglianze alla famiglia.
    Comunque:
    Come dicono a LIVORNO “non la strozzato la balia”.
    Lascia comunque “felicità” sotto forma di un grande patrimonio a chi resta e per chi se ne va’ questo non è poco.

  39. # silvio 36

    Si capisce il declino culturale della città, deteriorata da grandi aree di ignoranza ma non si comprendono le offese dei concittadini di Carlo Azeglio Ciampi Europeo, Italiano, Patriota e fedele al Tricolore che ha fatto della Cenerentola d’Europa una Grande Nazione.

  40. # andrea

    Bella immagine dei volontari della Croce Rossa Italiana di Livorno per i funerali del Presidente Carlo Azeglio Ciampi, bravi ragazzi..!!!…

  41. # Bravo Aldo

    Aldo, hai centrato il problema. Comunque se parli a tutti hai il dovere di ascoltare tutto. Altrimenti è un club. Un’altra cosa: Azeglio ha studiato dai Gesuiti come Giovanni Battista… poi tutti e due in loggia, uno in sonno, uno no. Storie quasi parallele. E il Bianchi cosa dice?