Cerca nel quotidiano:


Cimiteri aperti da lunedì 4 maggio

Per i primi tre giorni dalla riapertura, l'accesso ai cimiteri comunali (Cigna e Antignano) sarà consentito in ordine alfabetico in base al cognome del visitatore

Mercoledì 29 Aprile 2020 — 17:59

Mediagallery

L'ingresso è contingentato solo per i primi tre giorni, poi l'apertura è generale, sempre nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno 1.80 metri e con il divieto di assembramenti, come contenuto e indicato nel DPCM del 26/04

Cimiteri aperti da lunedì 4 maggio. Dopo quasi 2 mesi di chiusura il sindaco Salvetti ha firmato, la mattina di mercoledì 29, un’ordinanza che permette ai livornesi di tornare a curare le tombe dei propri cari. “In ragione delle nuove disposizioni stabilite a livello nazionale, ho ritenuto opportuno dover procedere alla riapertura delle aree cimiteriali a decorrere dal giorno 4 maggio -dichiara il sindaco Salvetti – assicurando, almeno nei primi giorni successivi all’apertura, una forma di contingentamento degli accessi che consenta di limitare l’afflusso dei visitatori e dunque ogni forma di assembramento all’interno delle aree stesse”.

Per i primi tre giorni dalla riapertura, l’accesso ai cimiteri comunali (Cigna e Antignano) sarà consentito in ordine alfabetico in base al cognome del visitatore.

• Lunedì 4 maggio: accesso ai visitatori dalla lettera A alla lettera F;

• Martedì 5 maggio: accesso ai visitatori dalla lettera G alla lettera O;

• Mercoledì 6 maggio: accesso ai visitatori dalla lettera P alla lettera Z.

A causa dei lavori in corso al Blocco 3 del cimitero “La Cigna” (conosciuto anche come Cimitero dei Lupi), per motivi di sicurezza, le visite non potranno avvenire nei suddetti giorni ma potranno essere consentite solo nei giorni di sabato e domenica quando le attività lavorative vengono sospese. Quindi al Blocco 3 le visite saranno consentite nei giorni sabato 9 e domenica 10 maggio. L’ingresso è contingentato solo per i primi tre giorni, poi l’apertura è generale, sempre nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno 1.80 metri e con il divieto di assembramenti, come contenuto e indicato nel DPCM del 26/04.

Come previsto dal DPCM del 26/04 sono consentite le cerimonie funebri con l’esclusiva partecipazione dei congiunti e, comunque, fino ad un massimo di 15 persone, con funzione da svolgersi preferibilmente all’aperto, indossando le mascherine e rispettando la distanza interpersonale di 1.80 metri. I cimiteri privati dovranno provvedere ad adottare similari forme di contingentamento e/o di controllo da commisurare all’estensione del cimitero ed all’afflusso dei visitatori previsto. La polizia municipale svolgerà attività di controllo, affinchè siano rispettate le disposizioni di cui al DPCM del 26 aprile e dell’ordinanza n.211 del 29 aprile del sindaco Salvetti.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.