Cerca nel quotidiano:


Cimitero, sopralluogo ai Lupi per gli interventi urgenti

Molte le migliorie da apportare. Secondo l'assessora Ferroni servono più ascensori, una mappa degli spazi disponibili per le sepolture, un sistema di pagamento più moderno come il Pos e riaffidare la gestione del bar esterno

martedì 03 Settembre 2019 16:46

Mediagallery

L’assessora Viola Ferroni ha svolto in questi giorni un sopralluogo con i tecnici comunali al cimitero comunale della Cigna (noto a tutti come cimitero dei Lupi) per stabilire le priorità di intervento rispetto alle migliorie più urgenti da attuare.
“Obiettivo – spiega l’assessora Ferroni che ricopre la delega dei servizi cimiteriali – verificare personalmente e avere contezza nel dettaglio dello stato della struttura e degli uffici, sia per quanto riguarda gli aspetti della manutenzione e del decoro, che per quanto riguarda gli aspetti burocratici e pratici che conto di poter semplificare e sveltire quanto prima”.
“Ritengo – precisa Viola Ferroni – che sia un preciso obbligo dell’Amministrazione Comunale garantire ai cittadini, che quando hanno bisogno di rivolgersi all’ufficio servizi cimiteriali e si trovano in una situazione emotiva particolarmente delicata, la migliore accoglienza possibile, sia dal punto di vista del decoro del luogo, sia nel rapporto con gli addetti ai servizi”.
L’assessora ha quindi voluto verificare, nel dettaglio, appunto, la questione degli interventi non più rimandabili. Dal punto di vista strutturale per l’assessora è urgente poter dotare il cimitero di altri ascensori, in quanto ancora molti blocchi ne sono privi.
Loggiati e cupole versano in cattive condizioni e molte parti dei blocchi sono ammalorate. “E’ evidente che le risorse necessarie sono ingenti, ma dovremo quanto prima individuarle e assegnarle perché almeno i lavori prioritari possano partire a breve”.
Tra le migliorie che possono essere attuate in tempi brevi, secondo l’assessora, quella di mettere a disposizione dei cittadini una mappa degli spazi disponibili per le sepolture, per consentire di scegliere l’area di maggiore interesse già su carta, senza dover visitare personalmente l’intera struttura.
In secondo luogo l’assessora con l’ufficio intende attivare dei sistemi di pagamento più semplici per l’utenza, quali ad esempio il Pos, in modo che il cittadino possa pagare direttamente allo sportello cimiteriale, senza necessariamente doversi recare al cimitero per ritirare il bollettino, pagare altrove, quindi tornare a consegnare l’attestazione di pagamento.
Altrettanto importante in questa fase e sempre nell’ottica di migliorare i servizi agli utenti – conclude l’assessora Ferroni – è aprire un ragionamento complessivo con il soggetto gestore dei servizi, ovvero Aamps, così come con Socrem, la società che gestisce autonomamente il servizio di cremazione”.
Infine si pensa di aprire nuovamente il bando per affidare il bar esterno alla struttura, anche quello, se non essenziale, certamente un servizio utile per tutti.

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # Arconada

    Intanto per renderlo dignitoso sarebbe opportuno dare dignità a chi ci lavora. Operai da anni a lavorarci e da aprile contratto a tempo determinato e un stipendio da 800 euro con il bonus di Renzi e 5 ore di lavoro al giorno anziché 6

  2. # Andrea

    Ritengo indecente che un cimitero comunale di una città come Livorno chiuda in pausa pranzo. I cittadini che lavorano sono esclusi dal poterlo frequentare se non il sabato o la domenica. L’ufficio potrebbe chiudere ma i cancelli lasciateli aperti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.