Cerca nel quotidiano:


Commercio. Si abbassa un’altra storica saracinesca del centro

Chiude definitivamente i battenti dopo 40 anni di attività lo storico negozio di abbigliamento per bambini "Drillo e Cocco" di via Marradi, 146

Mercoledì 13 Gennaio 2021 — 11:40

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

La titolare, Antonella Bertini: "Sono entrata in negozio che avevo 18 anni. Adesso abbasso la saracinesca che ne ho 59. Abbiamo vestito generazioni e generazioni di bambini livornesi. Il mio più grande grazie ai nostri clienti-amici"

“Mi chiamavano la principessina per tutti i bei vestiti che mia mamma mi faceva indossare e che comprava qua da voi”. A parlare è un giovane donna, adesso madre a sua volta, che sta scegliendo, tra gli scaffali, dei capi d’abbigliamento per i suoi due maschietti. Di generazione in generazione. Drillo e Cocco, storico negozio di vestiti per bambini di via Marradi 146, chiude i battenti dopo 40 anni suonati di attività, quattro decenni compiuti lo scorso settembre. Si spegne così un’altra luce del commercio cittadino. “Abbiamo spento proprio qualche mese fa le nostre 40 candeline – spiega la figlia della titolare, Antonella Bertini – Sono entrata qua dentro accanto a mia mamma Graziella Acconci (in foto accanto a lei all’età di 81 anni e ancora perfettamente e lucidamente dietro al banco) che avevo 18 anni. Quest’anno ne compio 59. Una vita tra i clienti, una vita per i clienti”.
I ricordi di Antonella si affollano come a chiedere permesso per l’urgenza di essere raccontati. “Mi ricordo ancora il bellissimo negozio che avevamo qua di fronte, dove adesso c’è il panificio – racconta Bertini a QuiLivorno.it – Un negozio bellissimo con addirittura una fontana al suo interno. Abbiamo vestito generazioni e generazioni di bimbi livornesi. E la soddisfazione più grande sono i tantissimi messaggi che in questi giorni sto ricevendo dai nostri clienti-amici storici che sono dispiaciuti per la nostra chiusura”.
I motivi? Sono tanti e tutti concatenati l’uno all’altro. “Tra i tanti perché di questa nostra saracinesca che si abbassa definitivamente il 28 febbraio c’è quello che questo tratto di strada ormai è poco valorizzato da un punto di vista commerciale e si sta spegnendo lentamente. Poi ci sono stati questi duri mesi di lockdown durante tutto il 2020 che sicuramente ci hanno dato la spinta definitiva per dire basta. In tutto questo la chiara e sempre più crescente offerta delle multinazionali, dell’e-commerce e della grande distribuzione a cui è sempre più difficile star dietro provando ad offrire marchi di qualità ad un prezzo ragionevole come abbiamo sempre cercato di fare noi. Marchi importanti, belle cose ma a prezzi non impossibili. Purtroppo adesso è arrivato il momento di farsi da parte e di abbassare per sempre la saracinesca. Invito tutti i nostri clienti a venirci a trovare prima del 28 febbraio, non tanto per la svendita, quanto per un saluto, un abbraccio a distanza, rispettando le norme anti-covid. Un modo per dire grazie a tutti coloro i quali ci hanno accompagnato fino a qui con tanto affetto. A loro, i nostri amici-clienti, va il più grande grazie”.

Riproduzione riservata ©