Cerca nel quotidiano:


Comune: fondo di 200mila euro per le start up giovanili

Fino al 31 dicembre 2021 domande a [email protected] Fondo di 200mila euro a disposizione del sostegno all’innovazione e allo sviluppo tecnologico e digitale delle micro e piccole imprese

Venerdì 23 Ottobre 2020 — 18:47

Mediagallery

I fondi saranno erogati come contributo a fondo perduto per quelle spese già sostenute al momento della presentazione della domanda

Il Comune ha deciso di destinare 200mila euro a disposizione del sostegno all’innovazione e allo sviluppo tecnologico e digitale delle micro e piccole imprese e delle start up giovanili, per aiutare le realtà locali durante questo periodo di incertezze. Da venerdì 23 ottobre, fino al 31 dicembre 2021, sarà possibile fare richiesta per il contributo. I fondi saranno erogati come contributo a fondo perduto per quelle spese già sostenute al momento della presentazione della domanda e potranno coprire fino a un massimo di 10.000€ e del 60% della spesa. Le spese dovranno essere fatte per contenuti tecnologici, digitali e innovativi realizzati e localizzati nel comune di Livorno. Per le microimprese l’importo di spesa minimo deve essere di 3.000€, mentre per le piccole imprese di 5.000€. Sarà invece prevista una copertura fino al 70% per le imprese giovanili, che avranno anche la possibilità di rendicontare le spese sostenute nella fase di start up se si tratta di imprese costituite non più di tre anni fa. “Questo bando si inserisce – ha spiegato il sindaco – in un percorso avviato la scorsa primavera  per fronteggiare le difficoltà determinate dall’emergenza sanitaria e l’impegno è che nonostante la complessità e le incertezze si continui su questa strada. In questo momento in cui ci chiedono di convivere con il virus per non far crollare l’economia, un bando come questo assume una valenza ancora più importante, 200 mila euro rappresentano sicuramente una boccata di ossigeno per il territorio. Anche il nuovo bilancio comunale  che andremo a costruire incontrerà molte difficoltà ma garantisco che questi tipi di intervento a favore delle nostre imprese e dell’occupazione saranno mantenute”. I fondi saranno erogati fino al termine degli stessi e ogni volta che verrà fatta domanda verrà subito valutata, non sono previste delle graduatorie. Le domande devono essere presentate in via telematica attraverso la casella di posta elettronica certificata (PEC) o mediante la PEC di un soggetto intermediario delegato alla mail [email protected]. L’oggetto della mail deve essere “Domanda contributi bando innovazione” seguito da “nome/ragione sociale/denominazione dell’impresa”. La domanda deve essere sottoscritta con firma digitale e soggetta al pagamento dell’imposta di bollo pari a 16€. “Il nostro obiettivo- ha affermato Simoncini – è quello di  sostenere le imprese che guardano al futuro per consentire loro di adeguarsi alle sfide del momento e allo stesso tempo di supportare le imprese giovanili per accompagnarle verso un consolidamento. Come Amministrazione comunale ci siamo rivolti alla realtà delle micro e piccole imprese locali ma siamo pronti a riaprire il confronto con la Regione Toscana per reperire ulteriori risorse per tutto il sistema d’impresa”.

Riproduzione riservata ©