Cerca nel quotidiano:


Lega le funi all’auto e prova a issare la barca affondata.
Ma siamo in area pedonale: scoppia la lite con i vigili

Lunedì 17 Ottobre 2016 — 07:17

Mediagallery

Due giovani agenti stavano effettuando il controllo delle aree pedonali della Venezia nel primo pomeriggio di sabato 15 ottobre. Sugli scali del Refugio, all’angolo con via Santa Caterina c’era un’auto di traverso nell’area pedonale insieme ad una moto. I vigili, dopo essersi affacciati  dalla spalletta verso le barche là sotto per sentire se i mezzi fossero stati di qualcuno. Non vedendo i proprietari e dato che nessuno si era attivato per spostarli, sanzionavano prima l’auto e subito dopo il motociclo.
Nel frattempo è arrivato il proprietario del mezzo a quattro ruote che è risultato avere anche la patente scaduta da marzo. Era stata sua l’idea di legare e gettare fino al pelo dell’acqua delle corde dal paraurti posteriore della macchina per provare, dalla spalletta dell’area pedonale, a trainare e issare con delle funi la barca affondata in linea di galleggiamento usando la forza motore del veicolo.
Mentre contestavano le violazioni è sopraggiunto anche il padre del conducente che si intrometteva iniziando a discutere con loro per la sanzione e iniziava ad offenderli. Gli agenti hanno dovuto quindi chiedere supporto e, all’arrivo di un’altra pattuglia, la situazione tornava alla calma.
“Sarebbe bastato chiederci di essere scortati dentro l’area pedonale. Bastava insomma far richiesta di aiuto – sottolineano dal comando della polizia municipale – ma una volta elevata la sanzione non possiamo certo strapparla. Questa è una cosa che è bene che venga digerita dai livornesi. In  molti si lamentano una volta che la multa è stata fatta. Ma è un atto pubblico e gli agenti non possono far finta di non averla emessa strappando il foglio”.

Riproduzione riservata ©

Cerchi visibilità? Contattaci: 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb. Per preventivi https://www.quilivorno.it/richiesta-preventivo-banner/ oppure [email protected]

GRAZIE!


14 commenti

 
  1. # Gosto

    Bah livornesi… vi meritate la miseria che avete

    1. # pisano ...

      gosto vai a governà le galline

    2. # Pittaro

      Dè invece a Peeza c’è pieno di vaini, ci penza Pablo

    3. # chepenagosto

      Un’indagine condotta dalla Polizia Postale di Pisa ha portato all’arresto di un pedofilo di 40 anni, accusato di aver abusato sessualmente di diversi minorenni adescati online.

  2. # andrea

    E con la patente scaduta come la mettiamo ?

  3. # Kristy

    La stranezza d’agire di certi individui e’ inconcepibile e inammissibile.

  4. # France

    Con la scusa che una volta scritta la multa ormai non si può annullare, fate prima a scrivere sul quel taccuino che a batter le ciglia.

  5. # Red

    Con la macchina….col paraurti….mah,solo a Livorno si sentono queste idee…

  6. # caio

    i due mezzi dovevano essere immediatamente rimossi mentre la patente scaduta non può essere contestata essendo il titolare, al momento della verifica, appiedato.

  7. # Fox65

    Se un c’avete i lilleri pè chiamà il bettarini,non lallerate e datevi all’ippica che li non affondano i ‘avalli

    1. # sasuke

      Grande!

    2. # Arfio

      Sono d’accordo con te. Certi lavori devono essere eseguiti da personale qualificato con mezzi e attrezzature a norma.
      Se una persona non può permettersi di pagare un determinato servizio è bene che se ne vada a passeggio a piedi.
      Vogliono fare i ganzi a giro in barca e non hanno una lira in tasca.

  8. # giacomo

    mi sa che aveva visto Fandango…

  9. # Pro

    Le barche nei fossi non ci devono stare. Io ce l’ho in un porticciolo e di questi problemi non ce n’ho. (e non deturpo il paesaggio)