Cerca nel quotidiano:


Con Reahc l’integrazione si fa con la cultura

Il 27 e 28 giugno il convegno di chiusura al Museo di Storia Naturale.I risultati del progetto che ha coinvolto rifugiati e organizzazioni di accoglienza

mercoledì 26 Giugno 2019 11:55

Mediagallery

Promuovere e facilitare l’integrazione dei rifugianti e dei migranti arrivati nel nostro territorio, è stato l’obiettivo centrale del progetto Rehac (Re-inventing Europeans through History, Art and Cultural Learning) i cui risultati saranno illustrati nel convegno in programma il 27 e 28 giugno al Museo di Storia Naturale del Mediterraneo.

Il progetto, finanziato dal programma Erasmus+ 2016-2020, si è mosso, in particolare, sull’idea di utilizzare le espressioni della cultura, dal teatro alla letteratura, dalla storia alla fotografia fino alla cucina, per costruire una metodologia didattica innovativa che ha coinvolto sia i formatori sia i soggetti, rifugiati e migranti appunto, cui il progetto era rivolto.

Una metodologia che è stata sperimentata su base volontaria da tutti i Paesi partner, Grecia (Capofila), Slovenia, Svezia, Norvegia e Italia e dalle associazioni di accoglienza operanti nei vari territori.

Per il nostro Paese i soggetti attuatori sono stati la Provincia di Livorno e Provincia di Livorno Sviluppo che si sono avvalsi della collaborazione di organizzazioni di accoglienza e supporto ai migranti e rifugiati della nostra provincia, della Toscana e alcune a livello nazionale.

Fra queste, Caritas, Arci solidarietà, Cesdi, Svs, Croce Azzurra, Misericordia, che hanno avuto un ruolo attivo in tutte le attività connesse agli incontri e alla formazione dei rifugiati.

Il convegno sarà aperto giovedì 27 giugno, alle ore 9.30, dai saluti della presidente della Provincia, Marida Bessi e dell’Amministratore unico di Plis, Paolo Nanni. La prima parte dei lavori darà dedicata all’illustrazione del progetto e della metodologia di apprendimento sperimentata. Nel pomeriggio i lavori saranno dedicati al tema delle espressioni culturali come mezzo per promuovere l’integrazione. Venerdi 28 giugno, alle ore 9.30, si parlerà, invece, delle opportunità offerte dal nuovo programma Erasmus + 20121-27 in una tavola rotonda alla quale parteciperà Pietro Michelacci, dell’Agenzia nazionale italiana Erasmus-Indire.

Nel nostro territorio l’attività di Rehac ha visto il coinvolgimento di 14 richiedenti asilo, segnalati dalle organizzazioni che hanno seguito il progetto. La prima fase di attività è stata caratterizzata dalla raccolta dati, realizzata con la somministrazione di un questionario a 51 organizzazioni che si occupano di rifugiati e finalizzata a capire in che modo le espressioni della cultura potessero aiutare i migranti a integrarsi nella nostra società, a cercare lavoro, e ad inserirsi, nonché a fornire nuovi stimoli e strumenti ai loro formatori. Successivamente la stessa modalità di raccolta di informazioni è stata attuata con i rifugiati seguiti dalle organizzazioni più coinvolte dell’area livornese: Caritas, Croce Azzurra, CESDI, Arci Solidarietà e Misericordia. I dati esaminati hanno consentito di mettere a punto una specifica metodologia di lavoro che è poi stata sperimentata con successo in tutti i Paesi partner del progetto.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.