Cerca nel quotidiano:


Confesercenti: “Saldi, buona partenza”

Calgaro: "T-shirt, sandali e costumi sono gli articoli più venduti fin qui ma è necessaria un’attenta riflessione sulle date di inizio"

martedì 09 Luglio 2019 08:40

Mediagallery

Sono partiti sabato 6 luglio i saldi estivi in tutta la regione e proseguiranno per 60 giorni. Ed è proprio a pochi giorni dalla partenza che inizia, come sempre, la querelle sulla data di inizio, sulla durata e sulla normativa che ne regola il funzionamento. Confesercenti Provinciale Livorno, con il presidente Maristella Calgaro, traccia un bilancio. “Le condizioni meteo profondamente avverse e il ritardo dell’arrivo di temperature più calde hanno profondamente influenzato in negativo le vendite, spingendo i consumatori ad acquistare pochissimi capi estivi e ad aspettare, così, l’inizio degli sconti. Nel mese di maggio si sono registrati cali che in alcuni settori hanno sfiorato il 50% delle vendite rispetto agli standard di stagione. Si registra una buona partenza per le vendite estive di fine stagione, numeri e tendenze positive soprattutto lungo la zona costiera grazie alle presenze turistiche (sia italiane che straniere) e alle temperature elevate che spingono i consumi. Gli sconti di partenza praticati dai negozi sono sicuramente più alti rispetto alla media degli scorsi anni; a seguito della flessione negativa delle vendite di inizio anno e della stagione primaverile. Sarà soprattutto l’ondata di “caldo africano” arrivata in questi giorni in Toscana, ad influenzare in positivo l’avvio dei saldi: abiti estivi, t-shirt, sandali e costumi sono gli articoli più venduti fin dai primi momenti, grazie all’arrivo delle temperature tropicali. Il sistema moda sta attraversando, ormai da un po’ di tempo, un momento di profonda trasformazione; il cambiamento degli stili di vita, la crescita di forme alternative al commercio tradizionale e i cambiamenti climatici stanno influenzando profondamente l’andamento delle vendite e le abitudini dei consumatori. In ogni periodo dell’anno vengono proposte ai consumatori vendite promozionale dal Mid Season Sales al Black Friday; sconti tutto l’anno, ma sempre più virtuali. Così facendo, perde di valore il vero significato dei saldi, delle vendite promozionali e straordinarie; ovvero i diversi momenti dell’anno in cui gli sconti venivano percepiti dagli acquirenti come qualcosa di reale e concreto”. “Ed è proprio il meteo che ha influenzato le vendite delle ultime settimane; ormai l’inizio della stagione estiva coincide con la partenza dei saldi, non possiamo quindi parlare di vendite di fine stagione. In virtù di questo che dobbiamo avviare una profonda riflessione sulle date sia estive che invernali; si chiamano vendite di fine stagione, è, perciò, doveroso che la data di partenza sia a fine stagione e non nei primi giorni dall’inizio. Sarà, poi, fondamentale una discussione su natura e modalità delle vendite promozionali, sulla chiarezza e trasparenza delle modalità di svolgimento: questi sono i punti da cui partire per avviare un necessario percorso di cambiamento, che è nell’interesse di tutti: imprese e consumatori”.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.