Cerca nel quotidiano:


Controlli sui green pass, 37 sanzioni a livello nazionale

Delle 37 sanzioni contestate dai Nas 19 riguardano i gestori di ristoranti, bar, palestre, sale scommesse e sale giochi e 18 i clienti

Venerdì 20 Agosto 2021 — 10:11

Mediagallery

La recente introduzione delle disposizioni ha previsto dal 6 agosto il possesso obbligatorio della certificazione verde Covid-19 (foto tratta da io.italia.it) per l’accesso a determinate categorie di attività e servizi. In tale contesto, si legge in un comunicato del ministero della Sanità inviato il 20 agosto, il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute ha avviato una campagna di controllo a livello nazionale in ristoranti, palestre e piscine coperte, centri ricreativi e sale gioco e scommesse. Ad oggi sono state 37 le sanzioni contestate delle quali 19 ai gestori di ristoranti, bar, palestre, sale scommesse e sale giochi per non aver accertato il possesso della certificazione verde Covid, ammettendo avventori a consumare pietanze e bevande al tavolo all’interno dei locali o consentendone l’accesso senza verifica. Ulteriori 18 violazioni sono state applicate nei confronti dei clienti e delle utenze per mancato possesso del green pass. 3 / 4 delle sanzioni rilevate nel corso dei controlli svolti dai carabinieri NAS sono riconducibili a strutture di somministrazione di alimenti e bevande quali ristoranti, pizzerie e bar. La restante parte è stata invece individuata in palestre (24%) e sale gioco e scommesse (11%). Complessivamente sono state irrogate sanzioni amministrative per 14.800 euro. Oltre alla verifica della certificazione verde i controlli dei NAS hanno riguardato anche la corretta applicazione delle restanti misure di contenimento alla diffusione pandemica, contestando 102 violazioni nei confronti di bar, ristoranti, centri ricreativi e turistici per mancato uso delle mascherine, assenza di informazioni agli utenti, mancanza della distanza interpersonale e svolgimento di attività non consentite.

Riproduzione riservata ©