Cerca nel quotidiano:


Corea, sos roditori nelle case popolari. Via alla sanificazione

Nella mattina di giovedì 13 febbraio Casalp incontrerà di nuovo gli inquilini. Nel frattempo la società avvierà insieme ad Aamps le attività di messa in sicurezza dell'area

Mercoledì 12 Febbraio 2020 — 09:20

Mediagallery

Raspanti: "Come Amministrazione cercheremo di ricostruire il percorso che, in questi anni, ha portato a questa situazione che adesso siamo chiamati a gestire"

Nel corso della giornata di lunedì 10 febbraio sono stati effettuati dei sopralluoghi nel blocco di ERP tra via Gobetti e via Amendola, nel quartiere di Corea. L’area, di recente edificazione, è afflitta da vari problemi, il più urgente dei quali è legato alla presenza di roditori nelle aree condominiali e, in alcuni casi, all’interno delle stesse abitazioni.
Di primo mattino si sono recati sul posto il presidente di Casalp Canovaro (nella foto in pagina) e una nutrita squadra di tecnici della società.
Nel tardo pomeriggio l’area è stata poi visitata dall’assessore alle politiche abitative, Andrea Raspanti, che dichiara: “Abbiamo più volte denunciato lo stato di degrado di importanti porzioni del nostro patrimonio abitativo. Qui però non siamo di fronte a immobili che hanno alle spalle 70 anni di vita. Gli edifici in questione sono stati assegnati per la prima volta nel 2015”.
Nella mattina di giovedì 13 febbraio Casalp incontrerà di nuovo gli inquilini. Nel frattempo la società avvierà insieme ad Aamps le attività di sanificazione e messa in sicurezza dell’area. Risolto una volta per tutte il problema legato alla presenza dei roditori, la società, di concerto con il Comune, procederà a progettare un intervento complessivo per rimediare ai problemi di umidità degli alloggi e alle numerose infiltrazioni che interessano gli edifici. Anche le aree a verde saranno oggetto di un progetto di riqualificazione.
“Come Amministrazione – conclude l’assessore Raspanti cercheremo nel frattempo di ricostruire il percorso che, in questi anni, ha portato a questa situazione che adesso siamo chiamati a gestire”.

Riproduzione riservata ©

10 commenti

 
  1. # AT

    Grazie al porta a porta i roditori proliferano a Livorno. Quando passeremo ad un sistema moderno di raccolta differenziata con tessera? Aspettiamo l’emergenza sanitaria?

  2. # giancarlo

    Non solo Corea, anche alle case popolari e dintorni, nella zona Leccia!!!

  3. # beppe

    in italia chi abita nelle case popolari oltre ad avere l’acqua gratis dovrebbero fornire i gatti per sterminare i topi. poi magari alcuni oltre alla barca circolano con il suv e fanno l’abbonamento ai pancaldi

  4. # Corea

    salve,

    io vivo via Coltellini, per via della differenziata porta a porta i roditori sono triplicati in maniera impressionante.
    Visto la poca gestione di pulizia dei giardini comunali di zona e aree abbandonati a se stessi facilitano l’abbandono dei rifiuti ingombranti. come sedie, tavoli, ect ect.
    Chiedo cortesemente oltre ai intervenire ai condomini di prendere in considerazione le zone d’intorno.

    Saluti

  5. # Pulcinelli

    Ma se andate a risparmio nei lavori la rimessa è certa. Personalmente aspetto che il mio terrazzo venga di sotto. Spero non ammazzi nessuno. Dopo svariate chiamate e visitine. Intanto i balconcini sono caduti in facciata e il terrazzo è ceduto e si sono persino aperte le mattonelle. Allora! Su aspetta. Salviano.

  6. # elisa

    Il problema dei roditori non esiste solo nelle case popolari del quartiere corea, venite in zona centro, via paoli,via maggi, via cesare battisti, via fagiuoli. Vi renderete conto che siamo invasi anche in citta e piu che roditori direi che sono pantegane. Ho gia segnalato svariate volte ma niente tutto tace e loro PROLIFERANO….
    Roba da terzo mondo mi auguro che scatti l’allerta sanitaria cosi si decidono a fare qualcosa oltre alle mostre e alle cavolate varie.

  7. # Baby

    È vero….in via della Voltina idem….le persone hanno.i bidoni q casa che devono pulire da soli con igiene pari a zero…scarafaggi e topi a go go…
    Un sistema più civile e pulito di gestire la raccolta differenziata no??

  8. # Francesca

    Va seriamente presa in considerazione di sostituire la raccolta differenziata porta a porta con i cassonetti per differenziata con tessera. Sono presenti già da un po’ di tempo nelle città vicine a livorno… Non dico cassonetti “sotterranei” che comporterebbero modifiche e spese a tutto l’indotto…

    1. # bravini

      Impossibile per le amministrazioni livornesi seguire i buoni esempi delle altre città !

  9. # Roberto1

    Guardate che anche in zona Accademia gli ultimi due anni son stati visti molti ratti che si intrufolano nella spazzatura della raccolta differenziata. Proliferano ed escono dalle fogne. Ovvio senza igiene e senza una raccolta differenziata che non sporchi le strade Livorno intera è invasa da topi ovunque.