Cerca nel quotidiano:


Covid, confermati fino al 15 ottobre gli orari dei negozi e degli esercizi di somministrazione

Fino al 15 ottobre le attività commerciali al dettaglio possano scegliere di svolgere la propria attività entro una fascia oraria che va dalle 6 alle 22

Mercoledì 5 Agosto 2020 — 15:17

Mediagallery

Il Comune ha confermato fino al 15 ottobre gli orari di apertura delle attività commerciali di vendita al dettaglio, delle attività artigiane e di somministrazione alimenti e bevande. La precedente ordinanza del 20 maggio scorso aveva infatti esteso gli orari delle attività, rispetto alle restrizioni imposte dalla Fase 1 dell’emergenza Coronavirus. Adesso, constatato che lo stato di emergenza nazionale è stato ulteriormente prorogato fino al 15 ottobre 2020 (DL n. 83 del 30 luglio scorso) e vista l’ordinanza emanata il 1° agosto dal Ministero della Salute “Misure urgenti di contenimento e gestione dell’emergenza sanitaria” con la quale si ribadisce che in tutti i luoghi chiusi aperti al pubblico, compresi i mezzi di trasporto, è e resta obbligatorio sia il distanziamento sociale di almeno un metro che l’obbligo delle mascherine, il Comune di Livorno ha ritenuto di mantenere in essere le attuali limitazioni orarie fino a quando non saranno cessate le misure di contenimento statali e regionali.

Gli orari
L’ordinanza prevede che fino al 15 ottobre le attività commerciali al dettaglio possano scegliere di svolgere la propria attività entro una fascia oraria che va dalle 6 alle 22, compresi festivi e prefestivi; mentre gli esercizi di somministrazione, le attività artigiane e le attività di somministrazione di alimenti e bevande mediante distributori automatici svolte in locali esclusivamente adibiti a tale attività (previsti dall’art. 54 del Codice Regionale del Commercio – L.R. 62/2018) possono individuare gli orari di apertura entro una fascia oraria che va dalle 5 del mattino all’1.30 della notte, compresi festivi e prefestivi. Le attività devono comunque essere svolte nel rispetto di tutte le misure di prevenzione e contenimento del contagio da Covid-19 stabilite dalle disposizioni nazionali o regionali. Con successive ordinanze potranno essere disposte modifiche ed integrazioni, in base dell’evoluzione della situazione sanitaria e della normativa, e in base agli esiti del monitoraggio sull’applicazione di queste misure.

Riproduzione riservata ©