Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Criticità gialla per temporali tra il 3 e 4 novembre

Giovedì 3 Novembre 2022 — 14:06

Il bollettino emesso dal Centro funzionale meteo della protezione civile regionale

Criticità gialla anche per mareggiate dalle ore 8 alle 20 di venerdì 4 novembre

Criticità gialla per possibili forti temporali e rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore dalle ore 20 di giovedì 3 novembre alle ore 13 di venerdì 4. Criticità gialla anche per mareggiate dalle ore 8 alle 20 di venerdì 4 novembre. E’ quanto indicato nel bollettino emesso dal Centro funzionale meteo della protezione civile regionale, preso atto delle previsioni meteo che vendono la pressione sul Mediterraneo centrale in diminuzione per l’approssimarsi di una perturbazione atlantica che interesserà la Toscana. Da sabato nuovo aumento della pressione con residue condizioni di instabilità.

I CONSIGLI DELLA PROTEZIONE CIVILE

In caso di avvisi di criticità o di allerte meteo, si consiglia ai cittadini di alzare il livello della normale prudenza e di seguire le indicazioni fornite dalla Protezione civile comunale e i canali informativi sulla viabilità, nonché l’evoluzione delle condizioni meteo tramite radio, TV, siti web istituzionali.

In caso di forti piogge osservare i seguenti accorgimenti:

Evitare l’attraversamento di strade inondate e sottopassi qualora appaiano allagati in quanto la profondità e la velocità dell’acqua potrebbero essere maggiori di quanto non appaia.

La forza della precipitazione potrebbe far uscire dalla loro sede i tappi dei tombini: fare attenzione alla circolazione anche in strade poco allagate.

Prestare attenzione a percorrere le strade dove l’acqua si è ritirata perché potrebbero esserci pericoli.

Evitare di transitare o sostare lungo gli argini dei corsi d’acqua, e sopra ponti e passerelle.

Porre delle barriere per evitare che l’acqua possa allagare locali posti sotto il livello stradale, come cantine e box sotterranei.

Come comportarsi in caso di forti mareggiate

Evitare, se possibile, di transitare nei tratti stradali a ridosso della costa.

In caso di spostamento tramite traghetti, informarsi su possibili cancellazioni/riduzioni dei servizi.

Evitare le attività sportive e nautiche da diporto in mare, evitare ogni trasferimento via mare.

Balneazione vietata.

Mantenersi a debita distanza da scogli o moli che possano essere raggiunti da onde anomale.

Condividi:

Riproduzione riservata ©