Cerca nel quotidiano:


Ctt Nord ricevuta al Quirinale per “I giorni della ricerca”

Ctt Nord ed il suo Circolo Ricreativo Aziendale livornese sono stati invitati a rappresentare il comitato Toscana dell'AIRC per l'impegno e la dedizione che da anni mostrano nel sostenere l'Associazione per la ricerca sul cancro

mercoledì 31 ottobre 2018 16:34

Mediagallery

La cornice è di quelle importanti. Come di consueto, il mondo dell’oncologia italiana si è riunito al Quirinale, lunedì 29 ottobre, per presentare, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e della Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, le ultime novità della ricerca. Un evento che lancia simbolicamente l’appuntamento con “I Giorni della Ricerca”, l’iniziativa dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (Airc) che dal 4 all’11 novembre racconterà ai cittadini gli ultimi progressi nella prevenzione, nella diagnosi e nella cura dei tumori, e raccoglierà donazioni per supportarte la ricerca italiana in questo campo. La cerimonia, inoltre, è stata l’occasione per assegnare due riconoscimenti molto speciali: il Premio Firc “Guido Venosta”, indirizzato a un ricercatore Italiano che si è distinto nello sviluppo di nuovi approcci terapeutici contro il cancro, e il premio “Credere nella Ricerca”, attribuito a persone e istituzioni che si sono impegnate a fianco di Airc. CTT Nord ed il suo Circolo Ricreativo Aziendale livornese sono stati invitati a rappresentare il comitato Toscana dell’AIRC per l’impegno e la dedizione che da anni mostrano nel sostenere l’AIRC. Per l’azienda di trasporto era presente Riccardo Nannipieri, Responsabile Comunicazione Branding: “Davvero interessante conoscere ricercatori di tutt’Italia che mettono ogni giorno tutte le loro competenze per una buona causa come questa. CTT Nord ed il nostro Presidente Andrea Zavanella sono orgogliosi di far parte di questo progetto e appoggiare AIRC. Emozionante essere vicino al Presidente della Repubblica il quale ha fatto un bellissimo discorso sull’importanza della ricerca in ogni ambito. Però ricordo che se l’Azienda è qui rappresentata è anche grazie all’impegno dei volontari del Circolo Ricreativo Aziendale di Livorno, che si impegnano sempre con entusiasmo e al Consiglio di Amministrazione che è sensibile alla tematica”. Di fronte a una platea gremita di scienziati, rappresentanti delle istituzioni e della società civile, e sostenitori di Airc, i relatori hanno presentato al Presidente Mattarella i risultati di un anno di impegno sul fronte della ricerca oncologica. Sottolineando, con l’occasione, l’importanza che riveste per la ricerca la capacità di collaborare e fare rete a livello nazionale e internazionale, per combattere una malattia che non conosce confini.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella dichiara: “È un giorno importante, questo, dedicato alla ricerca, e alla ricerca sul cancro in particolare. Celebrarlo qui, nel luogo che rappresenta l’unità del Paese, consente di sottolinearne il significato e il valore prioritario che la ricerca riveste per i nostri concittadini. L’attività di ricerca, di studio, di sperimentazione, che precede e prepara i progressi scientifici e medici, costituisce elemento centrale per la nostra comunità nazionale, per la circolazione dei risultati dell’avanzamento scientifico, per lo sviluppo del modello sociale, per l’esercizio stesso dei diritti della persona. La ricerca rappresenta l’investimento più vantaggioso che la società possa promuovere. È un moltiplicatore di ricchezza, anche economica, ma, soprattutto, di vita e di cultura. Dobbiamo costantemente chiederci come sostenere meglio la ricerca, nei diversi settori. Lo sollecitano anche la qualità e la professionalità delle nostre strutture d’eccellenza, i risultati che le intelligenze italiane conseguono ovunque nel mondo, il valore di tanti nostri giovani che, con impegno, si dedicano – spesso tra difficoltà – al “lavoro più bello del mondo”, (come lo ha definito la dottoressa Giovannetti), conseguendo straordinari traguardi. La componente pubblica ha una grande responsabilità che deve assolvere con lungimiranza, pensando alle prospettive di domani e alla sostenibilità dello sviluppo, rifuggendo da calcoli di opportunità e convenienze di corto respiro. La ricerca è una porta che apre il futuro. Sottovalutare o rinunciare alla ricerca vuol dire, invece, restringere esclusivamente al presente il proprio orizzonte, secondo una distorsione che talvolta affiora nella storia delle società, abdicando al dovere di investire nel futuro pensando alle successive generazioni”.

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # Mauro Martelli

    Meritato riconoscimento. Complimenti e continuate su questa strada.

  2. # BELLA GENTE

    foto con persone importanti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive