Cerca nel quotidiano:


Da 16 mesi portano a spasso i cani delle famiglie in quarantena

Il presidente di Anpana Livorno: "La famiglia contatta la Protezione Civile del Comune e la Protezione Civile contatta noi. Non siamo un servizio di dog sitter. 2.045 servizi in 16 mesi. Grazie a tutti i nostri volontari"

Domenica 2 Gennaio 2022 — 16:17

Mediagallery

“E’ un servizio che svolgiamo da circa 16 mesi, da settembre 2020. Portiamo fuori i cani delle famiglie in quarantena. Da quando abbiamo iniziato abbiamo svolto fino al 1 gennaio di quest’anno 2.045 servizi per un totale di 150 cani. Attualmente ne stiamo gestendo una decina”. A dirlo è Franco Fantappiè, presidente di Anpana sezione di Livorno (nella foto principale tratta dalla pagina Fb la volontaria Olimpia, post del 25 dicembre 2021. Nelle altre due foto di gruppo), l’associazione che si sta occupando di svolgere questo servizio: “La famiglia – spiega Fantappiè – prende contatti con la Protezione Civile del Comune e la segreteria della Protezione Civile contatta noi. Dopodiché seguendo le linee guida della Regione ci attiviamo e andiamo dalla famiglia in quarantena. Detto che un dog sitter o chiunque può farlo meglio se adottando le indicazioni regionali, il nostro tengo a precisare non è un servizio di dog sitter”.
Sono circa 4-5 i cani che ogni giorno mediamente l’Anpana sta portando a spasso. E ci sono stati giorni in cui ne sono stati portati fuori anche 12. Ogni volontario si occupa del cane di una famiglia e può capitare che la famiglia in questione abbia 2 o 3 cani. Come viene organizzata l’uscita? “Anzitutto indossando guanti, mascherina e guinzaglio nostro. Al termine del servizio igienizziamo tutto quanto. Una volta arrivati a casa della famiglia se il cane si dimostra collaborativo noi rimaniamo al portone ad aspettare che il cane scenda da solo. Altrimenti se è più riservato gli andiamo incontro”. L’uscita per ogni cane è giornaliera. “Le linee guida regionali – prosegue Fantappiè – ci dicono di portarlo fuori il tempo necessario ad assolvere i bisogni. E così facciamo. Dopodiché in base al meteo e alla collaborazione del cane può capitare di tenerlo fuori qualche minuto in più”.  “Vorrei ringraziare – conclude il presidente di Anpana Livorno – tutti i nostri volontari che tutti i giorni da 16 mesi stanno svolgendo questo servizio. Quando andiamo a riconsegnare il cane alle famiglie riceviamo ringraziamenti da tutti, poi c’è chi a seconda della possibilità ci vuol dare un piccolo contributo. Noi non chiediamo assolutamente niente”.

Riproduzione riservata ©